Giovedì 18 Aprile 2019 ore 22:23
I SOCCORSI E LE STRADE
Terremoto: "Ecco il risultato della dismissione delle Province"
Sapete qual è il problema? Che alle Province hanno lasciato la proprietà ma hanno ridotto al lumicino risorse umane e finanziarie
Tre semplici considerazioni: 1) l'eccezionalità dell'evento nevoso che si è inserita in un contesto già disastrato. 2) La vita quotidiana e a maggior ragione il soccorso girano intorno alle vie di comunicazione. Le strade sono fondamentali. La maggior parte di quelle strade hanno subìto con il terremoto forti limitazioni a causa di frane di monte e di valle dei terreni, crolli delle stesse infrastrutture (ponti), non ultime le inondazioni dei giorni scorsi. 3) La maggior parte di queste vie di comunicazione sono ancora di proprietà provinciale.
 
Sapete qual è il problema? Che alle Province hanno lasciato la proprietà ma hanno ridotto al lumicino risorse umane e finanziarie. Sono decine di anni che non viene data più possibilità di acquistare turbine, spazzaneve o altri mezzi operativi. Anzi, la maggior parte delle Province ha provveduto a svendere all'asta i propri mezzi. Mettiamo quindi tutto insieme e si capisce che se in primis le vie di comunicazione non sono transitabili e se dall'alto non si può arrivare, perché gli elicotteri di notte o in situazioni meteorologiche estreme non possono volare, se non da piazzola a piazzola con "volo strumentale", è difficile che possano arrivare soccorsi sanitari o legati ai servizi di utenza, vedi energia elettrica, in tempi accettabili.
 
Non si può affidare lo sgombero di una strada di montagna, con scarpate a picco, con 2/3 metri o più di neve, a soccorritori non del posto, o addirittura all'esercito. Non ce la possono fare, rischiano di andare fuori strada loro e la turbina. I nostri operatori conoscono metro per metro, ogni curva delle strade della montagna di propria competenza, ma dovessero andare nel versante senese, a liberare strade con metri di neve, avrebbero grossissime difficoltà. Solo con i locali si può fare questo. Quindi siamo messi così. E poteva succedere lo stesso ovunque.
 
Sull'Hotel Rigopiano (Farindola, Pescara). Hanno da poco detto chiaramente che: 1) La strada che conduce all'albergo è provinciale; 2) La provincia di Teramo non aveva turbina e operatore (se andate sul sito web della provincia di Teramo potete vedere bando di vendita all'asta di mezzi della viabilità, (l'ultimo nel gennaio 2015). 3) La turbina dirottata su una strada che l'operatore non conosceva operativamente, con metri di neve, era dell'Anas. Nemmeno i pali colorati mettono per segnalare la strada agli spazzaneve in caso di forti nevicate. Perché sulle Alpi si fa e in Appennino a Sud dell'Emilia no?

Uno dei tanti errori marchiani commessi di recente dall'accentramento dei poteri su Regioni e Città Metropolitane, per risparmiare cosa e su cosa? Sulla sicurezza dei cittadini?
 
* Piero Moscardini, ex disaster manager della Protezione Civile, proveniente dal Corpo dei Vigili del Fuoco, un'esperienza lunga e piena di medaglie conquistate sul campo.
 

ARTICOLI CORRELATI
Numerosi i presenti che hanno dato testimonianza della loro vicinanza agli "eroi silenziosi", tra cui Piero Moscardini, ex "Disaster Manager" della Protezione Civile
I vigili del fuoco stanno contribuendo, con impegno instancabile, al recupero dei superstiti all’interno dell’hotel Rigopiano
Stazionario il bilancio dei feriti, circa venti al momento, nessuno dei quali risulta in pericolo di vita
I PIU' LETTI IN OPINIONI I PIU' LETTI DELLA SETTIMANA I PIU' LETTI
1
"Purtroppo, anche persone colte come Sgarbi, dimostrano di essere ignoranti a proposito della figura infermieristica"
2
Lo spettacolo offerto dai Pooh ieri sera resterà nella memoria di chi l'ha visto come il concerto italiano più grande mai organizzato negli ultimi anni
3
ANALFABETI DIGITALI La vita vista da Google map
Non si vive di solo Facebook, Twitter o Instagram. Esistono molti mondi diversamente social in Rete, e uno dei più interessanti è Google maps
4
A Tonnarella ci si può svegliare con calma, concedersi una granita al cioccolato con panna e brioche. Addio aranci, limoni e mandarini
5
Sapete qual è il problema? Che alle Province hanno lasciato la proprietà ma hanno ridotto al lumicino risorse umane e finanziarie
1
Monica ha raccontato la sua esperienza in un club per scambisti: "Ho capito cosa ama mio marito a letto"
2
"È già stato acclarato che, la mediazione, quando obbligatoria, risulta nella maggior parte dei casi, inutile"
3
Una buona occasione l'ha persa anche il Milan, che nei suoi comunicati ha sorvolato, senza saper nemmeno chiedere scusa
4
Varie profezie, vere o presunte, si riferiscono alla Chiesa di questi tempi e ai papi che si sono succeduti ma una profezia è autentica e testimoniata, quella di Giovanni Paolo II
5
Necessaria una legge che li metta in condizione di difendersi e difendere il cittadino senza temere conseguenze legali
1
In questi giorni si sta diffondendo su Whatsapp un comunicato, divenuto virale, con un lungo elenco di nuovi autovelox
2
La cultura, se patrimonio condiviso, è elemento di identità e coesione sociale, oltre a costituire il vero valore aggiunto
3
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
4
Il giovane falciato nelle prime ore del mattino da un'auto, il cui conducente si è fermato a prestare soccorso. Un'intera comunità è sotto shock
5
"Restituiamo finalmente un futuro a 6 milioni e mezzo di persone che fino ad oggi hanno vissuto in condizione di povertà"
Il Quotidiano del Lazio è un marchio di Vergovich Comunicazione Srls.
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°8/13 del 17/05/2013

Direttore: Francesco Vergovich
P.iva n° 12555091003
info@ilquotidianodellazio.it

[ versione mobile ]