Mercoledì 11 Dicembre 2019 ore 21:37
VIDEO
Artena, demolizioni: sindaco Angelini evita lo sgombero di un'abitazione
Il sindaco Felicetto Angelini è giunto in via Contrada Pomario e assicura che per oggi non verranno effettuate demolizioni. In radio spiega le ragioni del suo intervento

Alta tensione a partire dalle prime ore del mattino in via Contrada Pomario per lo sgombero di un'abitazione previsto per oggi, 21 marzo. Dalle 5 Polizia e Carabinieri sono sul posto per dare seguito alla sentenza del Tribunale di Velletri, nei confronti di una cittadina artenese del 1967. Come era facile prevedere la tensione è salita alle stelle, con i proprietari che si sono barricati in casa e diverse persone che sono giunte sul posto a supportarli. In particolare si tratta di alcuni cittadini di Artena e di tanta gente venuta dai Castelli Romani. Inoltresul posto sono presenti il vice sindaco di Lariano e il comitato Equi Diritti, guidato dal presidente e vicepresidente Cristina Milani e Marco Milani. In totale le case abusive da demolire sono oltre 50.

Ma anche il comune di Artena si è  mobilitato, con in primis il sindaco Felicetto Angelini e l'assessore ai Lavori Pubblici Domenico Pecorari, oltre al segretario del PD, Cristian Acciarito. Angelini e Pecorari hanno inizialmente avuto un colloquio con le Forze dell'Ordine. Nel frattempo i proprietari sono usciti dalla loro abitazione per applaudire i manifestanti. Presente anche un'ambulanza per prestare eventualmente soccorso alla figlia della proprietaria, una ragazza al quarto mese di gravidanza. Da segnalare anche l'arrivo di un fornaio di Artena, che ha voluto esprimere la sua personale solidarietà preparando della pizza per i manifestanti. 

AGGIORNAMENTO ORE 9.45 IL SINDACO ANGELINI ANNUNCIA: OGGI NESSUNA DEMOLIZIONE

Questo è l'esito della mediazione del sindaco di Artena, che alla trasmissione radiofonica di Francesco Vergovich "Roma ogni giorno" in onda su Radio Roma Capitale, ha illustrato  nel dettaglio la situazione. "Stamane - ha dichiarato il primo cittadino - ho voluto farmi carico dell'emergenza sociale nella quale precipiterebbe il Comune, nel caso tante famiglie venissero estromesse dalle loro abitazioni". Angelini chiarisce: "Non si sta mettendo in dubbio il fatto che le costruzioni siano abusive e che la magistratura deve applicare la legge ma oggi ho preso pubblicamente l'impegno di studiare un piano di recupero, valutando la possibilità che possa consentire almeno ai nuclei abusivi di necessità di ricomprenderli in un contesto urbanistico".

"Il sindaco - precisa Angelini - non ha il potere di bloccare le demolizioni ma oggi sono perlomeno riuscito ad evitare che la vicenda degenerasse pericolosamente. Si deve tenere presente che la situazione rischia di divenire drammatica dal punto di vista sociale non solo per il Comune di Artena ma per tutti quelli dei Castelli Romani che si trovano ad affrontare i medesimi problemi. Ad Artena sono 55 le case che devono essere demolite ma non siamo certo i soli ad affrontare questa emergenza"

Poi il sindaco chiude con un importante appello: "Per evitare tutto questo occorre smettere di costruire abusivamente, rivolgo a tutti questo appello: ancora oggi ci sono persone che proseguono su questa strada e non capiscono i danni che arrecano". L'iniziativa del primo cittadino di Artena ha riscosso il plauso del Comitato Equi Diritti: "Il sindaco ha evitato la demolizione di una casa di necessità, salvaguardando la famiglia. Invitiamo gli altri primi cittadini a seguirne l'esempio". 

Riproduzione riservata


ARTICOLI CORRELATI
Ordinanza del Comune nei confronti del proprietario e di una donna ritenuta responsabile dell'abuso, che dovranno procedere a proprie spese
Intanto i VVF sono ancora alle prese con le fiamme
In questa abitazione vive una ventiduenne al quarto mese di gravidanza
I PIU' LETTI IN CRONACA
GIORNO SETTIMANA MESE
1
Un conducente Ncc ha investito un vigile dichiarando di non aver prestato attenzione al rumore
Data di pubblicazione: 2019-12-11 15:14:19
2
La raccolta differenziata diminuisce a Roma mentre aumenta negli altri comuni del Lazio
Data di pubblicazione: 2019-12-11 08:40:34
1
Il conducente del mezzo Ama, 35 anni, verrà sottoposto ai test di prassi per droga e alcol
Data di pubblicazione: 2019-12-11 11:56:28
2
Forse il motivo degli spari legato al traffico di stupefacenti
Data di pubblicazione: 2019-12-11 09:51:38
3
Mentre la Capitale annaspa tra i rifiuti e cade nelle buche si celebra in gran fasto l'accensione di "Spelacchio"
Data di pubblicazione: 2019-12-08 09:33:51
4
Faceva credere di versare gli assegni ricevuti a favore della Compagnia Assicuratrice, ma la nota Compagnia assicurativa era all'oscuro delle truffe che si stavano perpetrando
Data di pubblicazione: 2019-12-09 10:22:39
5
La mancata restituzione della lettiga a causa della carenza di posti letto liberi nei Pronto Soccorso, è un problema che si presenta puntualmente in diversi ospedali romani
Data di pubblicazione: 2019-12-10 18:27:01
1
Dopo le piogge violente del mese di novembre, masse di terreno si staccano, danni ingenti
Data di pubblicazione: 2019-12-03 09:41:30
2
I finanzieri coordinati dalla Direzione Distrettuale Antimafia stanno eseguendo nelle province di Roma, Latina, Napoli e Bari 16 ordinanze di custodia cautelare
Data di pubblicazione: 2019-12-02 11:41:22
3
Treni vecchi e spesso guasti, ritardi costanti e stazioni fatiscenti; i pendolari dicono basta
Data di pubblicazione: 2019-12-03 10:47:43
4
Il quartiere scende in strada perché non ha bisogno di irruzioni poliziesche, ma di strutture e investimenti
Data di pubblicazione: 2019-12-05 09:05:51
5
La figlia del brigadiere deceduto non crede al suo suicidio e si prepara a lottare anche da sola per la verità
Data di pubblicazione: 2019-12-06 09:05:18
Il Quotidiano del Lazio.it è un marchio di Associazione Culturale "Un Giorno Speciale".
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°8/13 del 17/05/2013

Direttore: Francesco Vergovich
P.IVA e C.F. 09678001000
info@ilquotidianodellazio.it

[ versione mobile ]