Mercoledì 17 Luglio 2019 ore 02:25
RUBRICHE VITERBO
Posta inesitata, che orrore il burocratese
di Massimo Persotti

Vado all'ufficio postale per ritirare una raccomandata e vacillo di fronte allo sportello 'posta inesitata': sarà il mio? Così si confida una cara amica, un po' perplessa, un po' affranta, con ancora in mano il biglietto eliminacode: 'Posta inesitata' vi è scritto sopra. Sono ignorante?, chiede lei; no, sei vittima del burocratese?, la rassicuro.

Chissà quante volte ciascuno di noi si è imbattuto in una simil avventura, alle prese con terminologie ed espressioni incomprensibili o semplicemente inutili. E ci si è sempre chiesti: ma perché nel comunicare al cittadino, le pubbliche amministrazioni e le aziende usano una lingua che col cittadino nulla ha a che fare?

Domande senza risposta se è vero che il burocratese continua ad imperare, imponendoci gli 'obliterare', i 'de cuius' e le 'condizioni ostative'. Il linguista Massimo Arcangeli, insieme alla Zanichelli, ha recentemente promosso un dizionario antiburocratese online che si alimenta con l'aiuto dei lettori. Ad esempio, Marco segnala la locuzione 'impianto natatorio' usata su un bando dal comune di Ozieri, in provincia di Sassari, e si chiede perché non sia stata usata la più semplice parola 'piscina'. Giusto, anzi si direbbe ovvio se non fosse che gli amministratori sardi neppure c'hanno pensato.

E così per le Poste Italiane che a 'inesitata' avrebbero potuto preferire il ben più comprensibile 'non consegnata'. Bastava consultare un qualsiasi dizionario. Ad esempio, su Hoepli on line, alla definizione di inesitato troviamo: "BUR Nei servizi postali, di lettera, pacco e sim. che non è stato possibile consegnare al destinatario". Dove quel 'BUR' iniziale sta per 'burocratico': come dire, il termine è tecnicamente corretto ma usatelo nel vostro ambito, non nel rapporto con i cittadini.

E allora se davvero l'ufficio postale è uno 'Sportello amico' come recita uno slogan dell'azienda, si potrebbe cominciare a renderlo più amico usando parole alla portata di tutti e trasformando l'orrido 'inesitata' in 'non consegnata'. Anche da piccoli (apparenti) gesti si misura l'efficientamento, ops, l'efficienza di un servizio.


ARTICOLI CORRELATI
di Massimo Persotti
di Massimo Persotti
di Massimo Persotti
I PIU' LETTI IN RUBRICHE I PIU' LETTI DELLA SETTIMANA I PIU' LETTI
1
Centoquindici i fuochi d'artificio sparati sul mare per salutare il doppio compleanno dei festeggiati
2
Luttuosi, snob e cattivi
3
Il magnate uzbeko Alisher Usmanov, amante dell'arte, ha un patrimonio stimato intorno ai 14 miliardi di euro
4
Nella canzone il rocker attacca i legali che "alzano il calice al cielo sentendosi Dio" per il ritardo delle sentenze
5
Se la cartella allegata alla Pec è in formato ‘pdf’, la notifica non può ritenersi valida
1
Offerte ADSL e Fibra, una selezione delle migliori proposte da attivare a Roma e nel Lazio: quello che devi sapere prima di scegliere
2
Me lo auguro, lo spero, confido nell'istinto di sopravvivenza del genere umano, prego per la redenzione...
1
In questi giorni si sta diffondendo su Whatsapp un comunicato, divenuto virale, con un lungo elenco di nuovi autovelox
2
La cultura, se patrimonio condiviso, è elemento di identità e coesione sociale, oltre a costituire il vero valore aggiunto
3
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
4
Il giovane falciato nelle prime ore del mattino da un'auto, il cui conducente si è fermato a prestare soccorso. Un'intera comunità è sotto shock
5
"Restituiamo finalmente un futuro a 6 milioni e mezzo di persone che fino ad oggi hanno vissuto in condizione di povertà"
Il Quotidiano del Lazio.it è un marchio di Associazione Culturale "Un Giorno Speciale".
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°8/13 del 17/05/2013

Direttore: Francesco Vergovich
P.IVA e C.F. 09678001000
info@ilquotidianodellazio.it

[ versione mobile ]