Martedì 19 Marzo 2019 ore 11:11
ATTI DI SOLIDARIETA'
La risposta al terrore delle donne musulmane
Donne musulmane, in piedi sul ponte di Westminister, creano una catena umana tenendosi per mano, in risposta all'ultimo attacco terroristico

Il Big Ben segna le quattro di pomeriggio del 26 marzo. Sul ponte di Westminister dove è accaduto l'ultimo attacco terroristico, donne musulmane si tengono per mano, formando una catena umana di solidarietà e restano così, immobili, per 5 minuti. Ognuna di loro indossa qualcosa di blu, simbolo di speranza.

Questo spettacolare gesto, è un atto di ribellione al terrore e al terrorismo, che con l'ultimo attentato, ha generato nuova paura e nuova xenofobia. Musulmano non è sinonimo di terrorista. Questo le donne londinesi lo hanno capito bene, stringendo su quel ponte le mani delle donne musulmane, per dimostrare che sono consapevoli che non sono loro le responsabili dell'accaduto.

Come dichiara Sara Waasem, 57 anni: "Un attacco contro Londra è un attacco contro tutti noi. L'Islam condanna totalmente la violenza, quanto accaduto ci ripugna". La donna con queste parole, sottolinea, ancor più, come sia importante fare una netta distinzione tra Islam e terrorismo, dissociandosi totalmente da quell'attentato compiuto in nome del loro Dio.

Le donne hanno così dimostrato, per l'ennesima volta, che con un piccolo gesto si possono abbattere quei pregiudizi che dilagano sempre più all'interno della nostra società.
 


ARTICOLI CORRELATI
La Nike è il primo grande brand a commercializzare il capo dando una risposta concreta alla richiesta delle atlete musulmane
"Praticamente l'arabo non è integrabile, è come mescolare l'olio con l'acqua, la Francia ci riesce con tutti ma non con gli arabi"
"Perché proprio qui hanno vissuto due terroristi islamici pronti a colpire in Europa?"
I PIU' LETTI IN CRONACA I PIU' LETTI DELLA SETTIMANA I PIU' LETTI
1
In questi giorni si sta diffondendo su Whatsapp un comunicato, divenuto virale, con un lungo elenco di nuovi autovelox
2
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
3
Il giovane falciato nelle prime ore del mattino da un'auto, il cui conducente si è fermato a prestare soccorso. Un'intera comunità è sotto shock
4
Tre casi registrati tra Montesacro e il quartiere africano. Fatti che passano in secondo piano rispetto alle altre storie di cronaca nera
5
Lo ha detto l'avvocato del marinaio accusato dello stupro a Radio Cusano Campus: "Ha cambiato versione troppe volte"
1
L'uomo sapendo di dover finire in carcere per un anno e mezzo si era allontanato dalla propria abitazione facendo perdere le proprie tracce
2
Nicola Orazi, noto imprenditore della zona, è caduto in un dirupo ed ha battuto la testa
3
Etichettatura personalizzata e spedizioni in tutta Italia
4
"Il nostro sistema nega ancora qualsiasi soggettività all'animale e punisce debolmente, con pene inefficaci i reati compiuti a danno degli animali"
5
"L'ho conosciuto quando, da specializzando in pediatria, cominciò a frequentare il San Pietro Fatebenefratelli di Roma..."
1
In questi giorni si sta diffondendo su Whatsapp un comunicato, divenuto virale, con un lungo elenco di nuovi autovelox
2
La cultura, se patrimonio condiviso, è elemento di identità e coesione sociale, oltre a costituire il vero valore aggiunto
3
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
4
Il giovane falciato nelle prime ore del mattino da un'auto, il cui conducente si è fermato a prestare soccorso. Un'intera comunità è sotto shock
5
"Restituiamo finalmente un futuro a 6 milioni e mezzo di persone che fino ad oggi hanno vissuto in condizione di povertà"
Il Quotidiano del Lazio è un marchio di Vergovich Comunicazione Srls.
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°8/13 del 17/05/2013

Direttore: Francesco Vergovich
P.iva n° 12555091003
info@ilquotidianodellazio.it

[ versione mobile ]