Domenica 16 Giugno 2019 ore 10:57
ATTENTI AL LUPO
Cacciatori piemontesi dichiarano guerra al lupo
"Lupi piemontesi: abbiamo fatto 30... facciamo 31?"

La pagina social de "Il Nuovo Cacciatore Piemontese" titola così uno dei suoi numerosissimi interventi dedicati al lupo. Foto, video, notizie varie a lui dedicate come non si vedevano da anni in Italia. Una vera e propria calamità, a sentir loro, un pericolo per la popolazione che va risolto al più presto e con buona pace della buon'anima di Cappuccetto Rosso che, di boschi, nonne e lupetti, ne masticava (almeno sulle pagine delle fiabe dei Fratelli Grimm).

Sulle vicende piemontesi che riguardano i lupi, non c'è molto da aggiungere, dicono anzi scrivono tutto loro e con dovizia di particolari. "Dalla Val Susa, si legge, giunge la notizia che sarebbe stato recuperato morto l'ennesimo il lupo (testuale) e sarebbe il 31° da che abbiamo preso a tenerne il conto a gennaio 2016. I lupi, prosegue il comunicato, si avvicinano sempre di più alle strade e centri urbani alla ricerca di cibo o forse di altri compagni ma certo che la selvaggina ungulata di cui dovrebbero nutrirsi è in fortissimo calo in quelle zone e (sottolineano loro stessi) noi cacciatori lo sappiamo benissimo".

Poi la richiesta di aiuto alle Istituzioni: "...dove sono gli esperti? Cosa faranno ora? Diranno ancora che non c'è nulla da temere e che i lupi non attaccano mai, Giaveno a parte, l'uomo? Noi, concludono, non lo sappiamo ma Federcaccia Piemonte si sta organizzando per presentare un esposto al fine di fare chiarezza su tutta la situazione. Prima che accada l'irreparabile!". L'irreparabile? Addirittura? Il ritrovamento di un lupo morto sul ciglio di una strada, rappresentato dalle immagini pubblicate da loro stessi e che riproponiamo, non sembrano far ritenere che lo sfortunato esemplare fosse in quel luogo per preparare un "attacco al villaggio". In ogni caso il loro pensiero appare chiaro. Vanno eliminati. Punto e basta. A margine, sembra che, poi, dopo il rinvenimento del lupo morto, avvenuto una decina di giorni fa, il corpo sia sparito. Come sia stato ucciso non ci è dato, al momento sapere.

Nel frattempo, a Roma, la Conferenza Stato Regioni ha nuovamente rinviato la decisione relativa al cosiddetto Piano di Conservazione del Lupo che prevede le doppiette come cura dello pseudo problema. In attesa di sapere cosa deciderà il Ministro, se fossi un lupo mi preoccuperei e non poco. Se le argomentazioni a favore della caccia fuori stagione sono quelle pubblicate sopra, c'è poco da stare allegri. La Conservazione del Lupo affidata ai Fratelli Grimm? Meglio stare lontani dal bosco. E non mi riferisco a Cappuccetto Rosso.


ARTICOLI CORRELATI
Cinghiali e lupi: per il territorio reatino è emergenza
Il Tar del Veneto ha sospeso la contestata ordinanza del Sindaco veronese Tosi, che autorizzava l’uccisione dei lupi
I PIU' LETTI IN AMBIENTE I PIU' LETTI DELLA SETTIMANA I PIU' LETTI
1
“Finalmente”, anche in Italia, l'attesissimo e controverso documentario sul Megalodon
3
AMBIENTE Squalo! Squalo!
Con le spiagge della domenica affollate dai bagnanti torna “l'incubo degli squali” tra avvistamenti veri e presunti
4
Nuova spedizione in Sud Africa del fotografo naturalista Remo Sabatini dedicato al predatore dei mari
5
C’è anche una italiana tra i volontari animalisti arrestati alle isole Faroe mentre prosegue la mattanza dei globicefali
1
In questi giorni si sta diffondendo su Whatsapp un comunicato, divenuto virale, con un lungo elenco di nuovi autovelox
2
La cultura, se patrimonio condiviso, è elemento di identità e coesione sociale, oltre a costituire il vero valore aggiunto
3
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
4
Il giovane falciato nelle prime ore del mattino da un'auto, il cui conducente si è fermato a prestare soccorso. Un'intera comunità è sotto shock
5
"Restituiamo finalmente un futuro a 6 milioni e mezzo di persone che fino ad oggi hanno vissuto in condizione di povertà"
Il Quotidiano del Lazio.it è un marchio di Associazione Culturale "Un Giorno Speciale".
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°8/13 del 17/05/2013

Direttore: Francesco Vergovich
P.IVA e C.F. 09678001000
info@ilquotidianodellazio.it

[ versione mobile ]