Martedì 16 Luglio 2019 ore 10:03
TERAPIA DI BELLA
Centro oncologico certifica la regressione del tumore del 50% con la MDB
In 3 mesi con la cura Di Bella una riduzione della massa tumorale di oltre il 50%, dato certificato e firmato da un oncologo che consiglia il proseguimento del MDB

Malgrado il violento attacco mediatico di regime al MDB di questi giorni, continuano sia le documentazioni della sua efficacia, che le sentenze di merito favorevoli. Asl obbligata a fornire gratuitamente la cura Di Bella. Oltre alla remissione con la MDB, un aspetto significativo della vicenda di cui in calce sono riportati è il fatto che la paziente appartiene  ad una famiglia in cui diversi membri dopo chemio, sono morti di tumore  tra gravi sofferenze, lei  si è salvata  con la cura di Bella. Ha scelto il MDB  dopo aver preso tragicamente atto del fallimento delle cure di regime “di provata efficacia”. Oggi la mia paziente è  in assenza documentata di tumore e  in piena salute. Per i cantastorie e gli imbonitori dei giornaloni di regime il Prof Di Bella era "un ciarlatano, un venditore di fumo".

In allegato il referto in cui per la prima volta un centro oncologico istituzionale ha certificato su carta intestata, che un grave tumore cerebrale in progressione dopo tutti i trattamenti oncologici, intervento chirurgico, chemio radioterapia, in 3 mesi con la cura Di Bella ha avuto una riduzione della massa tumorale di oltre il 50%, dato certificato e firmato da un oncologo che consiglia il  proseguimento del MDB (allegato). Il vilipendio del Prof Di Bella, la censura sul MDB e la grossolana disinformazione stanno raggiungendo una diffusione e intensità tale da costituire una vera forma di intimidazione mediatica per chi vorrebbe dichiarare, affermare e diffondere la verità  sul MDB. Questo spiega e umanamente giustifica la prudenza e la paura, di quanti sanno, potrebbero parlarne e scrivere, ma non lo fanno. Molti casi di tumori cerebrali stanno rispondendo con la MDB meglio di qualsiasi protocollo oncologico. Entro l’anno saranno pubblicati, così come una casistica di 300 casi di tumori della mammella, nei quali al 4° stadio, con il MDB, si documenta a 5 anni una sopravvivenza del 70% contro il 20 % dei protocolli oncologici, come  certificato dal maggior  portale oncologico, quello del NCI (National Cancer Institute).

 

Dott. Di Bella: "La mammografia come prevenzione è un errore". Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani.

ARTICOLI CORRELATI
Il caso clinico: Un bimbo presenta alla nascita una neoformazione di 6 cm all’arto inferiore destro, asportata dopo soli 12 giorni di vita
L’unica misura realmente efficace per contenere l’inarrestabile diffusione del cancro, è la prevenzione farmacologica
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
I PIU' LETTI IN CRONACA I PIU' LETTI DELLA SETTIMANA I PIU' LETTI
1
In questi giorni si sta diffondendo su Whatsapp un comunicato, divenuto virale, con un lungo elenco di nuovi autovelox
2
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
3
Il giovane falciato nelle prime ore del mattino da un'auto, il cui conducente si è fermato a prestare soccorso. Un'intera comunità è sotto shock
4
Tre casi registrati tra Montesacro e il quartiere africano. Fatti che passano in secondo piano rispetto alle altre storie di cronaca nera
5
Lo ha detto l'avvocato del marinaio accusato dello stupro a Radio Cusano Campus: "Ha cambiato versione troppe volte"
1
“Miss Mamma Italiana” è il primo concorso nazionale di bellezza e simpatia
2
Un'intensa perturbazione sull'Italia causerà forti piogge e un brusco calo delle temperature
3
Impatto tra un'Audi A3 e una Fiat Panda. Uno dei feriti è in terapia intensiva al San Camillo di Roma
4
Il 23enne, già sottoposto agli arresti domiciliari per le continue aggressioni alla donna, deve rispondere delle accuse detenzione illegale di armi, atti persecutori e trattamento illecito di dati personali
5
Su una nota piattaforma di messaggistica la scoperta di una chat di gruppo dove i 3 avevano messo appunto le fasi del colpo
1
In questi giorni si sta diffondendo su Whatsapp un comunicato, divenuto virale, con un lungo elenco di nuovi autovelox
2
La cultura, se patrimonio condiviso, è elemento di identità e coesione sociale, oltre a costituire il vero valore aggiunto
3
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
4
Il giovane falciato nelle prime ore del mattino da un'auto, il cui conducente si è fermato a prestare soccorso. Un'intera comunità è sotto shock
5
"Restituiamo finalmente un futuro a 6 milioni e mezzo di persone che fino ad oggi hanno vissuto in condizione di povertà"
Il Quotidiano del Lazio.it è un marchio di Associazione Culturale "Un Giorno Speciale".
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°8/13 del 17/05/2013

Direttore: Francesco Vergovich
P.IVA e C.F. 09678001000
info@ilquotidianodellazio.it

[ versione mobile ]