Mercoledì 21 Agosto 2019 ore 10:02
Viterbo, scoperta frode milionaria a Civita Castellana
Scoperto un sodalizio dedito alla truffa a danno degli istituti di credito tramite emissione di fatture per operazioni inesistenti

Una complessa indagine avviata dalla Compagnia della Guardia di Finanza di Civita Castellana, ha portato alla scoperta di un sodalizio di persone, legate anche da vincoli familiari, operanti nella zona di Civita Castellana, finalizzato alla truffa a danno degli istituti di credito tramite emissione di fatture per operazioni inesistenti. Le persone interessate si servivano di diverse società, anche c.d. “cartiere”, e di alcuni prestanome per simulare una solidità economica attraverso giri di ingenti somme di denaro a mezzo di bonifici, assegni, contanti, finanziamento soci e ottenere così, grazie a pseudo garanzie, indebite disponibilità finanziarie a danno di vari istituti di credito.

Le somme venivano poi ripartite all’interno di una ristretta cerchia di persone e le società stesse venivano poi sistematicamente portate al fallimento. L’articolata indagine di polizia giudiziaria ha permesso anche l’individuazione di un secondo gruppo societario strettamente collegato al primo, ma operante a Roma, che utilizzava il medesimo meccanismo fraudolento.

L’esame dei conti correnti bancari da parte dei finanzieri, ha dimostrato anche in questo caso l’utilizzo spregiudicato, nei “rapporti infragruppo”, di “giroconti”, traslazioni di crediti e debiti tra le varie imprese, non giustificabili da ragioni plausibili se non da manovre ad hoc, la cui finalità era quella di occultare la complessiva situazione di insolvenza della compagine imprenditoriale, spostando, di volta in volta, la liquidità disponibile per manifestare solidità finanziaria e trarre in inganno il sistema bancario.

Una volta ricostruita la vera compagine sociale che di fatto muoveva le fila di tutta l’organizzazione, sono state imputate agli amministratori le ipotesi di reato di “bancarotta fraudolenta” e di “distruzione o occultamento di scritture e documenti contabili” con la denuncia alla Procura della Repubblica di Roma di 14 responsabili, per i quali in questi giorni l’A.G. procedente ha richiesto il rinvio a giudizio. L’indagine ha permesso di scoprire complessivamente una consistente evasione fiscale per circa 25 milioni di euro nonché l’individuazione di 600 lavoratori per i quali il datore di lavoro non ha provveduto a versare le ritenute IRPEF operate.


ARTICOLI CORRELATI
In manette un 55enne titolare di un’officina, messa a repentaglio l’incolumità dei cittadini
Indagine nata dal mancato intervento da parte del Comune di Sperlonga sugli abusi edilizi sulla realizzazione dell’albergo Grotte di Tiberio
Scoperta una società di Genzano che ha evaso l'IVA per 8 milioni e occultato ricavi per circa 28 mln
I PIU' LETTI IN CRONACA
GIORNO SETTIMANA MESE
1
Dopo una rissa ruba un'auto e in velocità attraversa l'isola pedonale sfiorando i clienti dei bar, ruba un coltello e ferisce 4 vigili
Data di pubblicazione: 2019-08-18 03:24:59
2
Ora si attende l'arrivo dei GOS, Gruppi Operativi Speciali
Data di pubblicazione: 2019-08-19 12:09:09
3
"L'unica strada per consentire una boccata di ossigeno rispetto ai troppi vincoli che stanno attanagliando i Comuni"
Data di pubblicazione: 2019-08-20 17:34:57
1
Nelle prime ore del mattino tragico incidente in via Giulianello
Data di pubblicazione: 2019-08-11 11:55:27
2
Dal 2009 ad oggi il Dottor Garrotto ha eseguito circa 3.000 interventi di chirurgia metabolica
Data di pubblicazione: 2019-08-07 17:09:29
3
"L'incidente, considerato l'elevato numero di frammenti precipitati al suolo, avrebbe potuto avere conseguenze gravissime per gli abitanti"
Data di pubblicazione: 2019-08-11 21:35:23
4
Le attività di controllo per tutelare i consumatori si sono svolte in tre supermercati della zona
Data di pubblicazione: 2019-08-05 11:15:54
5
La polemica è di Massimo Fini, noto per il suo atteggiamento anarchico e le critiche feroci all'Occidente
Data di pubblicazione: 2019-08-02 17:32:36
Il Quotidiano del Lazio.it è un marchio di Associazione Culturale "Un Giorno Speciale".
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°8/13 del 17/05/2013

Direttore: Francesco Vergovich
P.IVA e C.F. 09678001000
info@ilquotidianodellazio.it

[ versione mobile ]