Giovedì 21 Novembre 2019 ore 03:44
PRESIDENZIALI FRANCESI
Francia, Macron, Presidente: "Nuova pagina di speranza e fiducia"
Macron 66,09 % Le Pen 33,94 %. In calo l’affluenza

Macron conquista il ballottaggio per le presidenziali francesi con il 66,09 %, contro il 33,94% di Le Pen, Questi i dati diffusi dal ministero dell’Interno francese, quando sono state scrutinate il 99,99% delle schede. Il nuovo presidente, il più giovane della Quinta Repubblica, ha ottenuto 20.703.631 voti, mentre la leader del Front National 10.637.183.

A Parigi Macron ha ottenuto l’89,68% dei voti, Le Pen il 10,32% delle preferenze. E’ la candidata del FN conquista solo 2 dipartimenti: Aisne (col 52,91%) e Pas-de-Calais (52,05%). A Hènin-Beaumont, suo “feduo”, Le Pen ha preso il 61,56% delle preferenze.

Affluenza in calo nel ballottaggio delle presidenziali francesi: è stata del 75,9%. Alle 17 aveva votato il 65,3%. Nel 2012 alla stessa ora aveva votato il 71,96%, mentre al primo turno del 23 aprile il 69,4%. Un calo riscontrato anche nei dati di mezzogiorno: 28,23% rispetto al 30,66% del 2012. Un invito a “tutti i francesi a recarsi alle urne” era stato rivolto dal candidato centrista Macron che ha votato a Le Touquet. Circa 44,6 milioni di cittadini chiamati al voto bei 65.000 seggi, che hanno chiuso alle 19, le 20 nelle grandi città.

“E’ un grande onore e una grande responsabilità. Grazie, nulla era scritto. Cercherò di essere degno della vostra fiducia. Ora si apre una nuova pagina nella nostra storia e sarà di speranza e di fiducia”. Così Emmanuel Macron. “Conosco le fratture sociali e l’indebolimento morale della Francia. Le divisioni hanno condotto alcuni di noi a un voto estremo. Sta a me ascoltarli, proteggendo i più deboli e assicurando la vostra sicurezza garantendo l’unità della Nazione. Mi rivolgo a tutto il popolo francese: difenderò la Francia e anche l’Europa. E’ in gioco la nostra civiltà”. E rivolge un saluto repubblicano alla sua avversaria, Marine Le Pen.


ARTICOLI CORRELATI
Il presidente "primo della classe" ha ceduto e si è scusato in tv. Ma solo perché vi è stato costretto dalla forza delle proteste
Matteo Renzi segretario nazionale del Partito Democratico torna a esprimersi sulla leadership del centrosinistra in radio
A "Un Giorno Speciale" su Radio Radio vivace scambio di vedute sulla caccia. Tozzi: "I cacciatori sono dei poveracci"
I PIU' LETTI IN POLITICA
GIORNO SETTIMANA MESE
1
Nei centri principali a raddoppiare la media dei suoi consensi è anche Italia Viva di Matteo Renzi
Data di pubblicazione: 2019-11-18 06:35:58
2
La portavoce M5S Corrado ha promosso una mozione per aiutare il Comune di Pomezia, altri Comuni laziali e il litorale colpito dai violenti eventi metereologici del 15 novembre
Data di pubblicazione: 2019-11-20 21:08:59
1
La Calabria sempre più martoriata, che cammina lentamente e con la retromarcia innestata, vive una situazione pre-elettorale all'insegna del caos e di maggiore povertà
Data di pubblicazione: 2019-11-08 11:41:22
2
Nei centri principali a raddoppiare la media dei suoi consensi è anche Italia Viva di Matteo Renzi
Data di pubblicazione: 2019-11-18 06:35:58
3
Fa discutere la proposta del Partito Democratico di dotare le Forze dell'ordine di numeri identificativi e bodycam. In Europa è già in vigore in 20 Paesi su 28. L'appello del Parlamento europeo e dell'ONU
Data di pubblicazione: 2019-11-02 14:07:08
4
La decisione è stata presa a seguito di alcune minacce sul web e dello striscione di Forza Nuova
Data di pubblicazione: 2019-11-07 10:14:13
5
Per il ministro degli Esteri la Lega ha preferito fare gli interessi di partito evitando, quando era al governo, di elaborare una manovra finanziaria
Data di pubblicazione: 2019-11-12 06:26:38
Il Quotidiano del Lazio.it è un marchio di Associazione Culturale "Un Giorno Speciale".
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°8/13 del 17/05/2013

Direttore: Francesco Vergovich
P.IVA e C.F. 09678001000
info@ilquotidianodellazio.it

[ versione mobile ]