Martedì 31 Marzo 2020 ore 00:19
PIXEL, ERGO SUM
La Tv, brutta sporca e cattiva... di Piero Montanari
Qualche anno fa raccontammo proprio su queste pagine l'arrivo della prima puntata del Grande Fratello e ci esponemmo

Qualche anno fa raccontammo proprio su queste pagine l'arrivo della prima puntata del Grande Fratello e ci esponemmo dicendo che questa trasmissione avrebbe cambiato la televisione e che l'avrebbe accompagnata verso una deriva i cui effetti sarebbero stati, a dir poco, devastanti. Senza essere cattivi profeti, ma neanche Cassandre improvvisate, gli effetti poi si sono visti e come.

Pixel, ergo sum, cosa non si fa per esserci e per apparire, si diceva, mentre la televisione mutava in un mostro abnorme e informe, dalle fattezze di pupazzi rossi che vanno in giro ad occuparsi dei nostri diritti di cittadini, presentatori che insultano pesantemente i concorrenti, seppure in un fuori onda, ospiti urlanti di inutili trasmissioni deliranti che si occupano dei fattacci altrui, che si massacrano di improperi in un antistato mediatico fatto di politici che fanno i comici e comici che fanno i politici; o gente comune che assurge a “maitre à penser” solo per aver acquisito crediti di visibilità mediatica.

Ricordiamo lo straordinario evento di grande televisione trash che Gaston Zama delle Iene ci propose qualche settimana fa, quando riprese il disinibito Vittorio Sgarbi nel giorno dei suoi 65 anni mentre, seduto sul cesso, espletava le sue funzioni corporali, il tutto condito da suoni ed effetti naturali, in un momento imperdibile di narcisismo estremo nel quale Sgarbi finalmente poteva replicare se stesso nelle modalità a lui congeniali.

Non lamentiamoci se i ragazzi non guardano più la tv, forti ormai di un'infinita offerta di immagini fatte col telefonino, postate sui social e poi condivise. Nascono così dal nulla nuovi personaggi massmediatici, sconosciuti fin al momento prima di postare sul web: una pernacchia, una flatulenza, un rutto, una canzone stonata, una baggianata detta in italiano stentato, quando non cose peggiori che neanche oso raccontare.

Se la televisione – quella che dovrebbe essere buona, pedagogica, informativa, critica e democratica -  intende continuare ad inseguire per gli ascolti quella oscena, brutta, sporca e cattiva che ci viene troppo spesso ammannita, non facciamo fatica a decretarne la morte cerebrale in poco tempo. Converrà, quindi, staccare le macchine che la tengono in vita inutilmente se il registro non cambia. Ma su questa cosa sono molto dubbioso.


ARTICOLI CORRELATI
I fatti in via Walter Tobagi: un 42enne l'ha anche minacciato con una bottiglia. Arrestato dopo un inseguimento
Il Sindaco di Aprilia, Antonio Terra, interviene sulle polemiche seguite all’inaugurazione dei monumenti ai Caduti senza sepoltura
Favorivano appalti in cambio di mazzette e assunzioni
I PIU' LETTI IN OPINIONI
GIORNO SETTIMANA MESE
1
In 17 punti il protocollo che il WHO, l’Organizzazione Mondiale della Sanità, consiglia di utilizzare in questi casi
Data di pubblicazione: 2020-03-08 20:32:19
2
Gli effetti del coronavirus sono anche quelli di mettere a nudo quanto l'Europa sia veramente Unita e quanto fidarsi degli altri Paesi
Data di pubblicazione: 2020-03-07 10:45:40
3
Quando si passa dal triage ospedaliero a quello delle maxiemergenze significa che la situazione è ai limiti del collasso. Restare a casa è l'unica misura per contenere il virus
Data di pubblicazione: 2020-03-09 14:51:30
4
Il ridicolo vuole che i nostri governanti obblighino persino le squadre a scendere in campo seguendo marcature a zona...
Data di pubblicazione: 2020-03-05 09:17:00
Il Quotidiano del Lazio.it è un marchio di Associazione Culturale "Un Giorno Speciale".
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°8/13 del 17/05/2013

Direttore: Francesco Vergovich
P.IVA e C.F. 09678001000
info@ilquotidianodellazio.it

[ versione mobile ]