Lunedì 14 Ottobre 2019 ore 12:26
FURTO PER ANDARE IN GITA
Incendio alla Spend Oil di Cisterna: il colpevole è un dipendente
La Polizia ha denunciato un 25enne di Aprilia che aveva provocato una deflagrazione per impadronirsi dell'incasso e andare a Londra

Gli uomini della Polizia di Stato - Questura di Latina, Commissariato di Cisterna di Latina hanno  denunciato, M.L., 25enne residente ad Aprilia, operaio in seguito alle indagini relative all’incendio e alla deflagrazione dei locali del distributore di carburanti della società Spend Oil, sito a Cisterna di Latina in via Tivera presso il quale lo stesso M.L. era impiegato. Lo 27 novembre, un forte boato, conseguente all’incendio di un piccolo locale del distributore Spend Oil, fu udito chiaramente dagli abitanti della periferia di Cisterna di Latina, destando una forte apprensione.

La deflagrazione aveva fatto pensare in un primo momento addirittura a un ordigno, tuttavia gli accertamenti dei Vigili del Fuoco di Latina avevano da subito chiarito che si era trattato di un incendio, senz’altro doloso, avvenuto all’interno di un piccolo locale del distributore che, a causa di saturazione di materiale accelerante (quasi sicuramente della benzina) aveva generato l’esplosione, dalla quale è scaturito l'incendio.

Sempre i Vigili del Fuoco avevano appurato che nel centro della piccola stanza dell’impianto era concentrata una forte quantità di materiale accelerante che certamente era stata portata dall’esterno. Pertanto, chiarita l’origine dolosa dell’evento, gli investigatori della Polizia di Stato del Commissariato di Cisterna  avevano immediatamente proceduto ad attività investigative mirate.

Un elemento in particolare aveva  suscitato la loro attenzione, quello che la porta/saracinesca d’ingresso del locale attinto dalle fiamme  era stata chiusa a chiave tanto che anche se divelta dalla parete a causa dell’esplosione, mostrava evidenti le mandate laterali della chiusura. Quindi, posto che l’origine dell’esplosione era avvenuta all’interno del locale, mediante una cospicua quantità di liquido infiammabile ivi collocato, si desumeva che chi vi aveva posto il liquido era la stessa persona che aveva provveduto a chiudere la porta con la chiave.

Di conseguenza, quello stesso soggetto aveva la disponibilità della chiave del locale. A seguito poi di ulteriori attività investigative tipiche e di polizia scientifica si è formato un quadro probatorio chiaro di chi aveva provocato l’incendio e il motivo del perché lo avesse fatto, motivi che hanno determinato la denuncia all’Autorità Giudiziaria di M.L. Il movente che avrebbe spinto il giovane a provocare l’incendio è stato quello di impadronirsi dell’incasso, quasi 4000 euro, custodito in una cassetto di una scrivania all’interno del locale.

A seguito delle fiamme infatti tutto il mobilio è andato completamente distrutto. Il giovane, che pare avesse difficoltà economiche, qualche giorno dopo l’incendio si  è recato a Londra per un viaggio di piacere. L’individuazione dell’autore dell’incendio ha permesso di escludere altre ipotesi, anche suggestive,  che erano immediatamente circolate sul grave fatto criminale.


ARTICOLI CORRELATI
Incredibile all'Esquilino: 4 giovani hanno violentato e picchiato l'uomo, poi hanno portato via l'incasso
Il malfattore era nascosto all'interno di un giardino di un'abitazione privata. Catturato, moldavo, residente nella provincia di Terni, era già conosciuto alle forze dell'ordine
Il nubifragio di domenica nella zona nord di Roma ha pure scoperchiato la tettoia di una stazione di servizio sulla via Olimpica
I PIU' LETTI IN CRONACA
GIORNO SETTIMANA MESE
1
Un servizio che necessita di aggiornamenti normativi dettagliati e specifici per garantire professionalità, efficienza e tutela per operatori e utenti
Data di pubblicazione: 2019-10-14 11:36:15
2
Le investigazioni hanno consentito di disarticolare un sodalizio criminale che ha posto in essere sistematiche evasioni fiscali per oltre 100 milioni di euro
Data di pubblicazione: 2019-10-14 10:35:45
3
Si potranno utilizzare solo i termini "provincia di Bolzano" o "Südtirol". Lo ha deciso il Consiglio provinciale con 24 sì e un no. Il Pd si è astenuto
Data di pubblicazione: 2019-10-14 06:55:12
4
Tra i materiali autorizzati: munizioni, bombe, siluri, arazzi, missili e accessori oltre ad apparecchiature per la direzione del tiro, aeromobili e software
Data di pubblicazione: 2019-10-14 06:59:43
1
“Chi ha scavato con le proprie mani per la sua gente non può essere punito”
Data di pubblicazione: 2019-10-13 10:09:12
2
Ci sono code e rallentamenti a causa dell'incidente verificatosi prima dello spuntare dell'alba
Data di pubblicazione: 2019-10-14 07:14:10
3
Diabolik è stato ucciso in un agguato tuttora impunito al Parco degli Acquedotti in mezzo alla gente il 7 agosto scorso
Data di pubblicazione: 2019-10-13 18:28:30
4
Tra i materiali autorizzati: munizioni, bombe, siluri, arazzi, missili e accessori oltre ad apparecchiature per la direzione del tiro, aeromobili e software
Data di pubblicazione: 2019-10-14 06:59:43
5
Si potranno utilizzare solo i termini "provincia di Bolzano" o "Südtirol". Lo ha deciso il Consiglio provinciale con 24 sì e un no. Il Pd si è astenuto
Data di pubblicazione: 2019-10-14 06:55:12
1
Dolore e sgomento in città con diverse testimonianze di vicinanza davanti la casa di famiglia
Data di pubblicazione: 2019-10-11 14:10:37
2
Agli occhi di chi impattava dal vivo -o peggio in tv- con lui, Beppe appariva un personaggio ostico, scostante, presuntuoso, arrogante
Data di pubblicazione: 2019-10-09 07:00:00
3
I due sono stati rintracciati dai Carabinieri nei pressi della stazione ferroviaria
Data di pubblicazione: 2019-10-02 08:16:37
4
Non c'è alcun dubbio che l'unico che possa risolvere la questione dei rifiuti della Capitale sia lui: Manlio, l'unico re della monnezza
Data di pubblicazione: 2019-10-04 06:57:44
5
Nato a Merano, nel 1965 si trasferisce a Roma per diventare uno dei personaggi più amati della Capitale
Data di pubblicazione: 2019-10-05 11:37:26
Il Quotidiano del Lazio.it è un marchio di Associazione Culturale "Un Giorno Speciale".
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°8/13 del 17/05/2013

Direttore: Francesco Vergovich
P.IVA e C.F. 09678001000
info@ilquotidianodellazio.it

[ versione mobile ]