Lunedì 25 Marzo 2019 ore 04:26
FURTO PER ANDARE IN GITA
Incendio alla Spend Oil di Cisterna: il colpevole è un dipendente
La Polizia ha denunciato un 25enne di Aprilia che aveva provocato una deflagrazione per impadronirsi dell'incasso e andare a Londra

Gli uomini della Polizia di Stato - Questura di Latina, Commissariato di Cisterna di Latina hanno  denunciato, M.L., 25enne residente ad Aprilia, operaio in seguito alle indagini relative all’incendio e alla deflagrazione dei locali del distributore di carburanti della società Spend Oil, sito a Cisterna di Latina in via Tivera presso il quale lo stesso M.L. era impiegato. Lo 27 novembre, un forte boato, conseguente all’incendio di un piccolo locale del distributore Spend Oil, fu udito chiaramente dagli abitanti della periferia di Cisterna di Latina, destando una forte apprensione.

La deflagrazione aveva fatto pensare in un primo momento addirittura a un ordigno, tuttavia gli accertamenti dei Vigili del Fuoco di Latina avevano da subito chiarito che si era trattato di un incendio, senz’altro doloso, avvenuto all’interno di un piccolo locale del distributore che, a causa di saturazione di materiale accelerante (quasi sicuramente della benzina) aveva generato l’esplosione, dalla quale è scaturito l'incendio.

Sempre i Vigili del Fuoco avevano appurato che nel centro della piccola stanza dell’impianto era concentrata una forte quantità di materiale accelerante che certamente era stata portata dall’esterno. Pertanto, chiarita l’origine dolosa dell’evento, gli investigatori della Polizia di Stato del Commissariato di Cisterna  avevano immediatamente proceduto ad attività investigative mirate.

Un elemento in particolare aveva  suscitato la loro attenzione, quello che la porta/saracinesca d’ingresso del locale attinto dalle fiamme  era stata chiusa a chiave tanto che anche se divelta dalla parete a causa dell’esplosione, mostrava evidenti le mandate laterali della chiusura. Quindi, posto che l’origine dell’esplosione era avvenuta all’interno del locale, mediante una cospicua quantità di liquido infiammabile ivi collocato, si desumeva che chi vi aveva posto il liquido era la stessa persona che aveva provveduto a chiudere la porta con la chiave.

Di conseguenza, quello stesso soggetto aveva la disponibilità della chiave del locale. A seguito poi di ulteriori attività investigative tipiche e di polizia scientifica si è formato un quadro probatorio chiaro di chi aveva provocato l’incendio e il motivo del perché lo avesse fatto, motivi che hanno determinato la denuncia all’Autorità Giudiziaria di M.L. Il movente che avrebbe spinto il giovane a provocare l’incendio è stato quello di impadronirsi dell’incasso, quasi 4000 euro, custodito in una cassetto di una scrivania all’interno del locale.

A seguito delle fiamme infatti tutto il mobilio è andato completamente distrutto. Il giovane, che pare avesse difficoltà economiche, qualche giorno dopo l’incendio si  è recato a Londra per un viaggio di piacere. L’individuazione dell’autore dell’incendio ha permesso di escludere altre ipotesi, anche suggestive,  che erano immediatamente circolate sul grave fatto criminale.


ARTICOLI CORRELATI
Incredibile all'Esquilino: 4 giovani hanno violentato e picchiato l'uomo, poi hanno portato via l'incasso
Il malfattore era nascosto all'interno di un giardino di un'abitazione privata. Catturato, moldavo, residente nella provincia di Terni, era già conosciuto alle forze dell'ordine
Il nubifragio di domenica nella zona nord di Roma ha pure scoperchiato la tettoia di una stazione di servizio sulla via Olimpica
I PIU' LETTI IN CRONACA I PIU' LETTI DELLA SETTIMANA I PIU' LETTI
1
In questi giorni si sta diffondendo su Whatsapp un comunicato, divenuto virale, con un lungo elenco di nuovi autovelox
2
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
3
Il giovane falciato nelle prime ore del mattino da un'auto, il cui conducente si è fermato a prestare soccorso. Un'intera comunità è sotto shock
4
Tre casi registrati tra Montesacro e il quartiere africano. Fatti che passano in secondo piano rispetto alle altre storie di cronaca nera
5
Lo ha detto l'avvocato del marinaio accusato dello stupro a Radio Cusano Campus: "Ha cambiato versione troppe volte"
1
I tecnici di Rete Ferroviaria Italiana sono al lavoro per riparare i danni subiti dall’infrastruttura e ripristinare le normali condizioni
2
Da lunedì 25 marzo cambierà il clima primaverile, una sciabolata gelida sferzerà dalla sera le regioni italiane
1
In questi giorni si sta diffondendo su Whatsapp un comunicato, divenuto virale, con un lungo elenco di nuovi autovelox
2
La cultura, se patrimonio condiviso, è elemento di identità e coesione sociale, oltre a costituire il vero valore aggiunto
3
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
4
Il giovane falciato nelle prime ore del mattino da un'auto, il cui conducente si è fermato a prestare soccorso. Un'intera comunità è sotto shock
5
"Restituiamo finalmente un futuro a 6 milioni e mezzo di persone che fino ad oggi hanno vissuto in condizione di povertà"
Il Quotidiano del Lazio è un marchio di Vergovich Comunicazione Srls.
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°8/13 del 17/05/2013

Direttore: Francesco Vergovich
P.iva n° 12555091003
info@ilquotidianodellazio.it

[ versione mobile ]