Sabato 28 Marzo 2020 ore 10:42
INTERVISTA
Mario Adinolfi, "Distribuire i preservativi nelle scuole è sbagliato"
"Bisogna insegnare a non darla via. Nelle coppie? meglio il sesso senza contraccettivi"

Mario Adinolfi è intervenuto ai microfoni di ECG, il programma condotto da Roberto Arduini e Andrea Di Ciancio, su Radio Cusano Campus, l'emittente dell'Università Niccolò Cusano. 

Adinolfi sullo striscione esposto al gay pride di Latina: "Quello che ha esposto lo striscione w la fica al gay pride di Latina?E' una persona che ha espresso con chiarezza le sue opinioni, ha avuto coraggio, è sicuramente apprezzabile. Se avrà dei problemi legali, come Popolo della Famiglia gli staremo accanto. Se serve, quello striscione lo metto sul mio terrazzo. Non c'è niente di male. La declinazione dell'orientamento potrebbe essere una buona promessa per entrare nel Popolo della Famiglia". 

Adinolfi, poi, ha parlato di contraccettivi: "Dico da molto tempo che tutta la campagna a favore dei preservativi serve solo ad aumentare la promiscuità sessuale, ad aumentare il livello di trasmissione delle malattie veneree e sicuramente non crea nessuna condizione positiva per i giovani. Distribuire i preservativi nelle scuole è sbagliato. Se tu vuoi educare i giovani al rispetto del proprio corpo li devi educare ad una sessualità responsabile. Se arriva tuo figlio e ti dice sai papà voglio andare a prostitute e tu gli allunghi cento euro e gli dai i preservativi, non gli fai del bene. Invece se ti dice una cosa del genere gli devi dare un bello schiaffone e lo tieni a casa. Bisogna educare ad una sessualità responsabile. Se invece mio figlio mi dicesse che si è innamorato di una ragazza, gli direi di rispettarla e di non farci nulla fino a quando non ha delineato un percorso da farci insieme. Sono convinto che il bene dei giovani passa attraverso una sessualità responsabile, non è possibile che a scuola si debba insegnare a mettere il preservativo al cetriolo. I contraccettivi in una coppia sposata? Esistono degli splendidi metodi naturali, senza dimenticare il salto della quaglia. E' molto bello fare l'amore con forza, con libertà, senza preservativo. E' meglio anche dal punto di vista sessuale. Bisogna educare a non darla via, non è bello che la ragazzina a sedici anni la da al primo che passa. Educhiamo alla fedeltà. Ce lo chiedono i giovani". 


ARTICOLI CORRELATI
Operazione dell'Ufficio delle Dogane di Roma 2 e della Gdf: bloccata una spedizione proveniente dalla Cina
Mario Adinolfi: "L'Fbi smentisce la matrice islamica perché non vuole generare panico nella cittadinanza americana"
"Sono venuta a lavorare a Roma per pagare le cure di mio figlio. La vita in strada è un incubo, ma presto ne verrò fuori"
I PIU' LETTI IN INTERVISTE
GIORNO SETTIMANA MESE
1
"La diagnosi da Coronavirus non è affatto semplice: è un virus i cui sintomi si confondono molto facilmente con l'influenza stagionale"
Data di pubblicazione: 2020-03-24 11:10:57
1
"Appena rientrato con la mia famiglia ho telefonato alla Asl di competenza, ho detto agli operatori sanitari che stavamo tutti bene"
Data di pubblicazione: 2020-03-05 14:35:27
2
"La diagnosi da Coronavirus non è affatto semplice: è un virus i cui sintomi si confondono molto facilmente con l'influenza stagionale"
Data di pubblicazione: 2020-03-24 11:10:57
3
Il Sindaco Alberto Latini ci parla della viabilità valmontonese; in vista la risistemazione delle strade
Data di pubblicazione: 2020-03-04 12:56:00
4
Abbiamo parlato con la madre di un ragazzo di Colleferro che lavora in un ristornate londinese e che non riesce a tornare a casa
Data di pubblicazione: 2020-03-16 15:35:21
5
La possibile futura candidata a sindaco per la città di Roma ci ha rilasciato una sua dichiarazione
Data di pubblicazione: 2020-03-03 11:03:05
Il Quotidiano del Lazio.it è un marchio di Associazione Culturale "Un Giorno Speciale".
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°8/13 del 17/05/2013

Direttore: Francesco Vergovich
P.IVA e C.F. 09678001000
info@ilquotidianodellazio.it

[ versione mobile ]