Martedì 17 Settembre 2019 ore 06:19
Roma, Coldiretti, migliaia gli agricoltori a Montecitorio
Protesta per fermare il trattato di libero scambio con il Canada

Sono già migliaia gli allevatori, agricoltori, consumatori, sindacalisti, ambientalisti, rappresentanti della società civile e cittadini che sono giunti dalle diverse regioni a Roma a manifestare in piazza Montecitorio per fermare il trattato di libero scambio con il Canada, che per la prima volta nella storia dell'Unione accorda a livello internazionale il via libera alle imitazioni dei nostri prodotti più tipici e spalanca le porte all'invasione di grano duro e a ingenti quantitativi di carne a dazio zero.

L'iniziativa è della Coldiretti insieme a un'inedita e importante alleanza con altre organizzazioni (Cgil, Arci, Adusbef, Movimento Consumatori, Legambiente, Greenpeace, Slow Food International, Federconsumatori, Acli Terra e Fair Watch) che chiedono di procedere senza fretta a una discussione approfondita in Parlamento prima di assumere una decisione di ratifica che porterebbe a un'indiscriminata liberalizzazione e deregolamentazione degli scambi con una vera e propria svendita del Made in Italy. E' stato esposto per la prima volta su un banco della Coldiretti il “maxipacco” con le imitazioni delle specialità nazionali più prestigiose, dai formaggi ai salumi, realizzate in Canada che il paese nordamericano sarà legittimato a produrre e vendere ai consumatori di tutto il mondo.

Ai rappresentanti delle istituzioni, della politica e della società civile gli agricoltori della Coldiretti stanno distribuendo sacchetti di grano canadese con scritto “Così si uccide il Meridione” ma sono anche mostrati coupon di facebook di una nota catena distributiva per acquistare pomodori San Marzano Made in Canada. Nei cartelli si legge “No alla Fontina Made in Canada”, “Non svendiamo i nostri marchi storici”, “Il Parmesan canadese umilia l'Italia”, “Il prosciutto di Parma si fa solo in Italia”, “#stopCETA per salvare il Made in Italy”. Nella Piazza anche moltissimi gonfaloni dei Comuni che hanno aderito alla mobilitazione.

Aggiornamento 12:40: "Lo abbiamo ribadito anche a Roma, a Montecitorio: se il parlamento ratificasse il Ceta, i prodotti ciociari tutelati da marchi Dop oppure Igp potranno essere emulati, riprodotti da chiunque, abbinati a un marchio fantasioso, ma comunque evocativo del territorio, per essere liberamente venduti in Canada a prezzi stracciati rispetto agli originali, con gravissimi danni per le aziende che invece producono qualità nel rispetto dei disciplinari imposti dai rispettivi consorzi di tutela". Così Pietro Greco, direttore della Coldiretti di Frosinone, che insieme al presidente Vinicio Savone ha guidato la delegazione ciociara che ha partecipato al presidio romano per chiedere al parlamento di riesaminare il trattato sugli scambi commerciali col Canada che, così come formulato penalizza i produttori e va nella direzione opposta rispetto alla volontà dei consumatori di mangiare prodotti sani, sicuri e controllati. "Il Lazio vanta 27 prodotti tipici, solo 5 dei quali continuerebbero, negli scambi col Canada, ad essere tutelati. Tra questi, il pecorino romano e la mozzarella di bufala campana. Per gli altri 22 il trattato sarebbe una condanna alla morte commerciale perchè subirebbero gli effetti devastanti della concorrenza di prodotti similari che nulla hanno a che fare col territorio ciociaro. Niente più tutela, a esempio, per abbacchio romano, per i cannellini di Atina, il pecorino di Picinisco e i peperoni di Pontecorvo, tutti dop". Così in un comunicato la Coldiretti Lazio.

"Il Ceta- aggiunge il presidente Coldiretti di Frosinone, Vinicio Savone- autorizzerebbe l'importazione in Italia di carne trattata con ormoni, da noi vietati e non altrettanto in Canada, come anche l'importazione di grano duro trattato con il glifosato, sostanza vietata in Italia perchè sospettata di essere cancerogena. Nell'accordo manca il riferimento al principio di precauzione ed è invece prevista la equivalenza delle misure sanitarie e fitosanitarie tra le parti. Il problema è che in Canada si usano in agricoltura sostanze attive vietate nei paesi Ue da almeno 20 anni per via della comprovata tossicità". La Coldiretti ha chiesto al parlamento di sospendere l'iter di ratifica del Ceta per riaprire il confronto sui punti che minacciano le produzioni agroalimentari italiane e introdurre misure a difesa della distintività della produzione tricolore, apprezzata nel mondo non solo per la qualità, ma anche per la sicurezza garantita da un penetrante e intensivo sistema di controlli.

L'assessore regionale all'agricoltura Carlo Hausmann, intervenuto al presidio per testimoniare piena condivisione istituzionale alla protesta, ha assicurato l'impegno della Regione Lazio presso il governo perchè fermi il percorso di ratifica e riapra il confronto sulle criticità del Ceta che "così come impostato mette a rischio le produzioni laziali e non porta alcun vantaggio all'agricoltura regionale".

Coldiretti lancia l'allarme: prodotti DOP e IGP a rischio

Fonte Dire


ARTICOLI CORRELATI
La Giunta della Regione Lazio ha approvato all’unanimità una memoria contraria al CETA
Dopo la manifestazione del Brennero, gli agricoltori si sono dati appuntamento a Roma
Il nuovo presidente della Camera, dopo essersi recato a Roma con un Frecciarossa, ha preso l'85 come un comune cittadino
I PIU' LETTI IN CRONACA
GIORNO SETTIMANA MESE
1
Le nostre richieste sono rimaste inascoltate, asserragliati dietro a delle transenne, vigilati a vista come i peggior delinquenti dovevamo rimanere lontani dall'incontro
Data di pubblicazione: 2019-09-15 10:51:37
2
Impatto in via Italia nella notte tra sabato e domenica
Data di pubblicazione: 2019-09-16 11:12:48
3
L'indagine dei militari riguarda noti personaggi della malavita pontina
Data di pubblicazione: 2019-09-16 08:46:54
4
Si è trattato in realtà di uno sciame sismico con diverse scosse, che è proseguito per una decina di minuti
Data di pubblicazione: 2019-09-16 08:34:14
5
Per il Wwf si tratta di un triste e crudele appuntamento per gli animali selvatici e per chi ha a cuore la biodiversità
Data di pubblicazione: 2019-09-16 07:24:02
1
Due vetture che viaggiavano su direzioni opposte si sono scontrate frontalmente
Data di pubblicazione: 2019-09-07 09:47:21
2
Ecco cosa fare prima di uscire di casa per un'evacuazione
Data di pubblicazione: 2019-09-10 13:14:29
3
Le scosse di magnitudo 4.1 e 3.2 sono state avvertite distintamente anche nel Reatino e debolmente nei quartieri settentrionali di Roma
Data di pubblicazione: 2019-09-01 07:06:04
4
Per il personale dell'azienda dei trasporti, in arrivo il ticket elettronico da utilizzare presso tutti gli esercizi convenzionati 
Data di pubblicazione: 2019-09-02 09:41:18
5
Le quotazioni del leader del Carroccio erano in ribasso, così ci ha pensato il caporedattore di Radio 1 a risollevare le sorti del leader verde
Data di pubblicazione: 2019-09-07 15:40:00
Il Quotidiano del Lazio.it è un marchio di Associazione Culturale "Un Giorno Speciale".
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°8/13 del 17/05/2013

Direttore: Francesco Vergovich
P.IVA e C.F. 09678001000
info@ilquotidianodellazio.it

[ versione mobile ]