Martedì 23 Luglio 2019 ore 05:44
ENNESIMO CASO
Roma, muore bimba: era vaccinata ma aveva già contratto il morbillo
La prima dose del vaccino le era stata somministrata dopo esser stata già contagiata dal virus. Ricoverata al Bambin Gesù dal 10 giugno scorso dove era in cura da quando aveva tre mesi perché colpita anche da meningite

L'Istituto superiore di Sanità ha comunicato oggi al Bambino Gesù di Roma i risultati dei test richiesti per confermare la diagnosi di infezione da virus del morbillo in una piccola paziente di 16 mesi morta lo scorso 28 giugno presso l'ospedale pediatrico. Gli esami hanno rivelato la positività al virus selvaggio del morbillo, che si contrae per contatto con soggetti affetti da morbillo. E' quanto si apprende da una nota del Bambino Gesù. Seguita dall'ospedale già dall'età di 3 mesi per pregresse patologie, la paziente era stata ricoverata al Bambino Gesù il 10 giugno in seguito a febbre persistente e successiva coagulopatia, con necessità di trasferimento in Rianimazione. Durante la degenza le sue condizioni cliniche erano progressivamente migliorate, fino all'ultimo esame clinico obiettivo del 28 giugno nel reparto di Pediatria. Nell'arco della serata dello stesso giorno, tuttavia, compariva improvvisamente nel sonno un arresto cardio-respiratorio irreversibile. Sono in corso analisi anatomo-patologiche finalizzate a verificare il nesso causale tra la malattia e l'evento fatale. Il professor Alberto Villani, responsabile di Pediatria Generale e Malattie Infettive e presidente della Società italiana di Pediatria, ribadisce: "E' importante sottolineare sempre che un'adeguata copertura vaccinale riduce o elimina il rischio di essere contagiati dal virus del morbillo".

Cosa è successo? Alla bambina era stata somministrata, come previsto dai protocolli sanitari, la prima dose del vaccino, ma non è servito ad immunizzarla. Era stata ricoverata il 10 giugno al Bambin Gesù, dove era in cura da quando aveva tre mesi perché aveva contratto la meningite. La piccola paziente presentava una febbre persistente e una coagulopatia. Le sue condizioni parevano essere migliorate, ma la sera del 28 giugno, nel sonno è sopravvenuto un arresto cardio - respiratorio irreversibile che ne ha causato la morte.


ARTICOLI CORRELATI
La piccola, residente a Latina, non era vaccinata contro il virus del morbillo, e soffriva di una patologia genetica
Il tutto per una presunta diagnosi sbagliata: del semplice “stress” da ciclo mestruale anziché la rottura di un aneurisma cerebrale
Il presidente dell'Istituto Superiore di Sanità: "È arrivato il momento di prevedere l’obbligo vaccinale anche per gli operatori sanitari"
I PIU' LETTI IN CRONACA I PIU' LETTI DELLA SETTIMANA I PIU' LETTI
1
In questi giorni si sta diffondendo su Whatsapp un comunicato, divenuto virale, con un lungo elenco di nuovi autovelox
2
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
3
Il giovane falciato nelle prime ore del mattino da un'auto, il cui conducente si è fermato a prestare soccorso. Un'intera comunità è sotto shock
4
Tre casi registrati tra Montesacro e il quartiere africano. Fatti che passano in secondo piano rispetto alle altre storie di cronaca nera
5
Lo ha detto l'avvocato del marinaio accusato dello stupro a Radio Cusano Campus: "Ha cambiato versione troppe volte"
1
Nonostante i divieti e i servizi offerti dagli stabilimenti balneari, resiste il pranzo al sacco in spiaggia...
2
Quattro sono risultate rubate negli ultimi mesi a Roma e una a San Felice Circeo, mentre le altre 8 sono risultate coinvolte in falsi sinistri stradali
3
I due avevano rapinato anche un'area di servizio a Terni. Ora si trovano nel carcere di Vazia
4
Uno degli indagati è stato arrestato, si tratta di un ragazzo romeno di 25 anni, degli altri due gli inquirenti stanno ancora seguendo le tracce
1
In questi giorni si sta diffondendo su Whatsapp un comunicato, divenuto virale, con un lungo elenco di nuovi autovelox
2
La cultura, se patrimonio condiviso, è elemento di identità e coesione sociale, oltre a costituire il vero valore aggiunto
3
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
4
Il giovane falciato nelle prime ore del mattino da un'auto, il cui conducente si è fermato a prestare soccorso. Un'intera comunità è sotto shock
5
"Restituiamo finalmente un futuro a 6 milioni e mezzo di persone che fino ad oggi hanno vissuto in condizione di povertà"
Il Quotidiano del Lazio.it è un marchio di Associazione Culturale "Un Giorno Speciale".
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°8/13 del 17/05/2013

Direttore: Francesco Vergovich
P.IVA e C.F. 09678001000
info@ilquotidianodellazio.it

[ versione mobile ]