Venerdì 20 Ottobre 2017 ore 16:09
LO SFOGO PUBBLICO
Un conducente Atac si sfoga su facebook:"Due paroline ai pennivendoli"
Il conducente: "Vorrei dirvi che la responsabilità che abbiamo sulle spalle non è quella che avete voi che al massimo è un Refuso"

L’Autista di mezzi pubblici urbani trascorre gran parte della giornata lavorativa nel traffico cittadino. Gli piace guidare, conosce e rispetta le norme di sicurezza stradale. Quando è al volante, tiene alta la concentrazione e pronti i riflessi per reagire alla presenza di ostacoli o per rispondere rapidamente a un segnale, visivo o acustico. È una persona metodica. A bordo dell’autobus urbano, il conducente esegue le proprie mansioni da solo.

Di natura, quindi, è un individuo indipendente, responsabile e dotato di spirito di iniziativa. Ha autocontrollo ed è capace di mantenere compostezza, governare le emozioni ed evitare comportamenti aggressivi in situazioni di difficoltà. Ogni giorno lavora a diretto contatto con il pubblico, si confronta con i viaggiatori, spesso arrabbiati o aggressivi che mettono a dura prova la sua pazienza. Tuttavia, è abile nel comprendere le reazioni e capace nella comunicazione faccia a faccia. È di carattere estroverso e loquace, sa negoziare e trattare con gli altri per ricomporre le diverse opinioni.

Guidare autobus di linea comporta uno sforzo fisico considerevole. L’autista, infatti, trascorre molto tempo seduto e compie movimenti ripetitivi. Con prontezza attiva le leve e i pulsanti, usa i pedali e manovra lo sterzo: gli è richiesta fermezza nelle braccia, destrezza nelle mani e velocità nei polsi e nelle dita. La fatica fisica, inoltre, varia a seconda della portata del mezzo guidato che può essere un minibus, un autobus articolato per il trasporto di un numero maggiore di persone oppure un autobus a pianale rialzato per l’accesso a persone con problemi motori.

Un conducente Atac si sfoga così sul social network Facebook: “Vorrei dire solo due paroline ai pennivendoli che ogni giorno si divertono a gettare fango sulla nostra categoria... La mia sveglia ha suonato alle 2.55. Mentre voi state sognando le cazzate da scrivere oggi, io alle 4.59 ho già fatto una corsa. Sono alla guida di un mezzo lungo 18 metri. Ogni giorno evito incidenti con persone distratte, incivili. Passo il turno a dare informazioni perché siete drogati di tecnologia ma quando salite su un mezzo pubblico diventate tutti analfabeti funzionali da dover accompagnare.

Lavoro una media di 6 ore e 20 al giorno. A volte 6.30. Faccio lo slalom tra le vostre macchine del cazzo parcheggiate in doppia fila mentre prendete il caffè al bar. Porto i vostri figli a scuola. Le vostre mogli a fare la spesa al mercato. Porto i vostri culi al centro il giorno di Natale. La domenica sono qui sopra mentre le vostre penne sono a riposo nei taschini e vi godete le famiglie seduti al ristorante.

Saprò cosa faccio domani solo oggi dopo le 13 e se i miei figli vorranno uscire a prendere un gelato con il fresco dovrò dirgli di no perché dovrò alzarmi a notte fonda e la mia soglia di attenzione deve essere sempre al top perché qui sopra non ci si possono permettere distrazioni. Vorrei dire solo che al capolinea dovrò scegliere se fumare una sigaretta, prendere un caffè o andare alla ricerca di un bagno decente. Vorrei dirvi che la responsabilità che abbiamo sulle spalle non è quella che avete voi che al massimo è un Refuso. Qui un attimo di distrazione può costare vite.

Vorrei dire che quando io finisco il turno alle 10.30 voi sarete appena arrivati nel vostro bell'ufficio con il telecomando del condizionatore sulla scrivania e il distributore delle merendine davanti alla porta. Vorrei dire solo che muoviamo Roma in condizioni ormai disumane e mentre voi state lì a sparare sentenze e cazzate noi indossiamo con orgoglio una divisa che ci permette di vivere dignitosamente. Vorrei dire solo fatevi un giro...L' ATAC SEMO NOI! “.


ARTICOLI CORRELATI
"Si pensa soltanto a stranieri e giocatori a costo zero. Chi vuole fare qualcosa di buono deve andare all'estero"
Carolina Marcialis attacca il settimanale della Gazzetta dopo un articolo sulle wags "mondiali" degli azzurri
“Qualcuno ha frainteso le mie parole. Ogni lavoro è nobile. Ce ne sono peggiori. Ce ne sono mille altri meglio del nostro”
I PIU' LETTI IN OPINIONI I PIU' LETTI DELLA SETTIMANA I PIU' LETTI
1
Lo spettacolo offerto dai Pooh ieri sera resterà nella memoria di chi l'ha visto come il concerto italiano più grande mai organizzato negli ultimi anni
2
ANALFABETI DIGITALI La vita vista da Google map
Non si vive di solo Facebook, Twitter o Instagram. Esistono molti mondi diversamente social in Rete, e uno dei più interessanti è Google maps
3
Sapete qual è il problema? Che alle Province hanno lasciato la proprietà ma hanno ridotto al lumicino risorse umane e finanziarie
4
"Gli uomini mi vedono solo come un oggetto. Noi donne abbiamo una grande fortuna che si chiama menopausa. Gli uomini sono misogini" dice la Parietti
5
Siamo andati al letto con le scene dei calci di rigore di Pellè e Zaza convinti di aver visto un filmetto dove alla fine Alvaro Vitali vince l'Oscar
1
Quando si possiede un’energia così viva, allora, quella personalità, la si può respirare anche attraverso lo schermo di una tv
2
Valeriani: “Investimenti, collaborazione e mezzi: la sicurezza non si fa a chiacchiere, servono fatti e impegni reali per ostacolare la criminalità”
3
Il caso Weinstein ha dimostrato ancora una volta che il mondo del cinema e, più in generale, il mondo del lavoro, non è favorevole alle donne
1
In questi giorni si sta diffondendo su Whatsapp un comunicato, divenuto virale, con un lungo elenco di nuovi autovelox
2
La cultura, se patrimonio condiviso, è elemento di identità e coesione sociale, oltre a costituire il vero valore aggiunto
3
Il giovane falciato nelle prime ore del mattino da un'auto, il cui conducente si è fermato a prestare soccorso. Un'intera comunità è sotto shock
4
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
5
Lo ha detto l'avvocato del marinaio accusato dello stupro a Radio Cusano Campus: "Ha cambiato versione troppe volte"
Il Quotidiano del Lazio è un marchio di Vergovich Comunicazione Srls.
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°8/13 del 17/05/2013

Direttore: Francesco Vergovich
P.iva n° 12555091003
info@ilquotidianodellazio.it

[ versione mobile ]
EDitt | Web Agency