Venerdì 20 Ottobre 2017 ore 16:12
CRONACA ROMA
Roma, omicidio del Pigneto. Fermato il responsabile
Il movente che avrebbe determinato l’efferato delitto sarebbe riconducibile ad una lite scaturita per futili motivi

Questa notte, alle 3:40, circa, personale della Polizia di Stato è intervenuto presso il pronto soccorso del policlinico Umberto I dove era giunto, accompagnato dall’ambulanza del 118,  un ragazzo, probabilmente straniero, di circa 30 anni in gravi condizioni; l’uomo è poi deceduto alle ore 5:20. Il soccorso, è avvenuto nella zona del quartiere Pigneto. In corso indagini per l’identificazione del deceduto e sulla dinamica dei fatti.

Aggiornamento dell'11 agosto: Nella tarda serata del 9 agosto scorso è giunta al numero unico per le emergenze una richiesta anonima al fine di prestare soccorso a un uomo riverso sulla strada in piazza del Pigneto, L’uomo, successivamente identificato per Okafor Nelson Nwaka, cittadino nigeriano di 31 anni, pregiudicato per spaccio di sostanze stupefacenti, è stato trasportato presso il Policlinico Umberto I dove è stato ricoverato in codice rosso, presentando gravi lesioni sul volto. Lo stesso è deceduto nelle prime ore della mattinata di ieri per arresto cardiocircolatorio a seguito di lesioni cranio facciali.

Avviate, immediate e senza sosta, le indagini, da parte degli agenti della Polizia di Stato della Squadra Mobile e del Commissariato “Porta Maggiore”. Dalle prime informazioni acquisite e da una ricostruzione dei fatti è emerso che la vittima, frequentatore abituale del quartiere, è stata notata passeggiare poco prima dell’aggressione nelle vie limitrofe al luogo ove è stato prestato soccorso in compagnia di altri soggetti. E’ stato quindi scandagliato l’ambiente del Pigneto al fine di acquisire informazioni sull’accaduto. Ciò ha consentito di individuare quale responsabile dell’aggressione il cittadino rumeno D.F.G., di 30 anni.

Sulla base degli elementi acquisiti, a carico dello straniero, è stato emesso il Fermo da parte del Pubblico Ministero, eseguito la scorsa notte da personale della Squadra Mobile e del Commissariato di P.S. “Porta Maggiore”, in merito al quale si è in attesa di convalida da parte del GIP del Tribunale di Roma.  Infatti, lo stesso in sede di interrogatorio dinnanzi al P.M. ha confermato quanto emerso dalle indagini, ovvero di essere l’autore del pestaggio della vittima. Il movente che avrebbe determinato l’efferato delitto sarebbe riconducibile ad una lite scaturita per futili motivi, che è avvenuta proprio in piazza del Pigneto, zona abitualmente frequentata da entrambi.


ARTICOLI CORRELATI
Tre casi registrati tra Montesacro e il quartiere africano. Fatti che passano in secondo piano rispetto alle altre storie di cronaca nera
"Serena andò in caserma per denunciare lo spaccio di droga che veniva perpetrato dal figlio dell'ex maresciallo Mottola. In quel periodo, inoltre, Arce era in una situazione mafiosa"
Interrogata una persona, mentre i Ris avrebbero individuato particolari sulla busta che copriva la testa della ragazza
I PIU' LETTI IN CRONACA I PIU' LETTI DELLA SETTIMANA I PIU' LETTI
1
In questi giorni si sta diffondendo su Whatsapp un comunicato, divenuto virale, con un lungo elenco di nuovi autovelox
2
Il giovane falciato nelle prime ore del mattino da un'auto, il cui conducente si è fermato a prestare soccorso. Un'intera comunità è sotto shock
3
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
4
Lo ha detto l'avvocato del marinaio accusato dello stupro a Radio Cusano Campus: "Ha cambiato versione troppe volte"
5
Tre casi registrati tra Montesacro e il quartiere africano. Fatti che passano in secondo piano rispetto alle altre storie di cronaca nera
1
Cooperativa, stipendio da fame, retribuzione da elemosina, licenziamento in tronco e vogliono anche il resto
2
Le indagini sono state intraprese alla fine del 2015 muovendo dalla denuncia presentata da una madre preoccupata dalle continue richieste estorsive di cui era vittima il figlio
3
Si parla spesso di casi di malasanità o di azioni negative legate a reparti ospedalieri e personale sanitario
4
La manifestazione di domani vuole richiamare l’attenzione su chi è in attesa di un’assunzione che, di fatto, gli spetta, ma non solo
5
Scorribanda di ungulati sulla Casilina: per poco i cinghiali non urtano un'autovettura in direzione di Valmontone, subito dopo il ponte autostradale in prossimità di Colleferro
1
In questi giorni si sta diffondendo su Whatsapp un comunicato, divenuto virale, con un lungo elenco di nuovi autovelox
2
La cultura, se patrimonio condiviso, è elemento di identità e coesione sociale, oltre a costituire il vero valore aggiunto
3
Il giovane falciato nelle prime ore del mattino da un'auto, il cui conducente si è fermato a prestare soccorso. Un'intera comunità è sotto shock
4
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
5
Lo ha detto l'avvocato del marinaio accusato dello stupro a Radio Cusano Campus: "Ha cambiato versione troppe volte"
Il Quotidiano del Lazio è un marchio di Vergovich Comunicazione Srls.
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°8/13 del 17/05/2013

Direttore: Francesco Vergovich
P.iva n° 12555091003
info@ilquotidianodellazio.it

[ versione mobile ]
EDitt | Web Agency