Mercoledì 13 Dicembre 2017 ore 19:33
REFERENDUM ATAC
Roma. Atac, Referendum, Meleo: Radicali prendono in giro i romani
"Quello che non dicono ai cittadini è che non è questa la via più veloce e giusta per poter riuscire a garantire l’efficienza del tpl romano”

“Aprire ai privati non è la soluzione per il trasporto pubblico di linea, non è quello che serve a Roma e ai cittadini. I Radicali fanno campagna elettorale sulle pelle dei romani e sui circa 11.700 dipendenti che lavorano in azienda“. Così l’assessore comunale alla Mobilità, Linda Meleo, sulla sua pagina Facebook.

“Il referendum sponsorizzato da Magi- si legge- non collima con il percorso che stiamo portando avanti per avere un’azienda pubblica e forte. Puntare alla liberalizzazione del servizio è un grave rischio e parlarne oggi rappresenterebbe solo la morte della municipalizzata. Lo sanno i Radicali e lo sa bene anche il Pd. Con questo referendum non si sta proponendo una soluzione nell’immediato, con la messa a gara del servizio i Radicali non offrono una soluzione per l’oggi”.

I Radicali quindi prendono in giro i romani– spiega l’assessore- Quello che non dicono ai cittadini è che non è questa la via più veloce e giusta per poter riuscire a garantire l’efficienza del tpl romano”.

“La concorrenza per il mercato, ossia le gare per il Tpl, ha generato diversi problemi- scrive ancora Meleo- Pensiamo a quanto accaduto in Toscana o in Friuli in tema di ricorsi alle gare con costi aggiuntivi per la collettività, ma anche l’esperienza romana delle linee private che servono le periferie. L’aver affidato il servizio tramite gara non ha garantito maggiore efficienza“.

“I pericoli più evidenti di una liberalizzazione oggi?- si legge ancora- Prima di tutto il rischio di un servizio pubblico di serie A e uno di serie B, disomogeneità sul territorio, con un tpl differenziato a seconda della redditività delle tratte, e con il rischio di creare un vero e proprio monopolio a livello nazionale con costi elevati prima di tutto per i cittadini”.

“Il nuovo Cda di Atac è a lavoro, perché l'obiettivo rimane il risanamento dell’azienda– conclude Meleo- Vogliamo che il servizio funzioni e non sia più vittima di sprechi e inefficienze. Non è semplice come percorso, non lo è mai stato, sin dai primi giorni. Noi non andiamo avanti per interesse politico o per portare avanti slogan sterili e inutili, ma per riuscire a rimettere in piedi un’impresa dove lavorano tante persone e che serve i cittadini, il cui risanamento non è mero gioco politico, ma reale necessità per il bene della collettività”.


ARTICOLI CORRELATI
"In campagna elettorale Giachetti sosteneva di volere un'azienda pubblica, sana e forte, oggi appoggia il referendum. Noi vogliamo che il servizio debba rimanere in mano ai romani"
Una forma di "disobbedienza civile per porre l'urgenza del superamento del monopolio di Atac che nega ai romani il diritto a trasporti pubblici efficienti"
Tutto da sapere sui referendum dei Radicali
I PIU' LETTI IN POLITICA I PIU' LETTI DELLA SETTIMANA I PIU' LETTI
1
Chiuse le indagini: la Raggi potrebbe rispondere di falso per la nomina di Renato Marra e di abuso d'ufficio per quella di Romeo
2
I controlli dei dipendenti pubblici assenti per malattia da settembre saranno svolti dell'INPS e non più dalle Asl e i medici potranno bussare alla porta dei malati più di una volta al giorno
3
"Era il polmone verde della città di Roma, con un'amministrazione comunale che si dimentica di organizzare la manutenzione, il controllo e la prevenzione"
4
Il Partito Animalista Europeo: "A seguito della nostra querela la Procura di Roma indaga per omissione d'atti d'ufficio"
5
"Ho 35 anni ma ho già una discreta esperienza. Ho sempre continuato a coltivare lo stesso sogno, contribuire dal basso a rendere migliore la mia città"
1
Questa mattina il primo cittadino ha rassegnato le proprie dimissioni
2
"La Regione trasferisce a Roma 320 milioni, di cui 240 mln annui al servizio di tpl del Comune di Roma. A che titolo De Vito sostiene che la Regione lascia Roma e Atac a se stessa?"
3
"L'accordo con la Regione Lazio avrà la durata di soli 6 mesi, in un'ottica di solidarietà" ha commentato l'assessore all'Ambiente della Regione Toscana, Fratoni
4
Il sindaco: "Il Comune, non avendo l'autorità per imporre il Crocefisso nelle aule delle scuole, non può neanche toglierlo. La scelta è infatti a discrezione dei singoli istituti"
1
In questi giorni si sta diffondendo su Whatsapp un comunicato, divenuto virale, con un lungo elenco di nuovi autovelox
2
La cultura, se patrimonio condiviso, è elemento di identità e coesione sociale, oltre a costituire il vero valore aggiunto
3
Il giovane falciato nelle prime ore del mattino da un'auto, il cui conducente si è fermato a prestare soccorso. Un'intera comunità è sotto shock
4
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
5
Lo ha detto l'avvocato del marinaio accusato dello stupro a Radio Cusano Campus: "Ha cambiato versione troppe volte"
Il Quotidiano del Lazio è un marchio di Vergovich Comunicazione Srls.
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°8/13 del 17/05/2013

Direttore: Francesco Vergovich
P.iva n° 12555091003
info@ilquotidianodellazio.it

[ versione mobile ]
EDitt | Web Agency