Martedì 19 Settembre 2017 ore 13:52
CASO GIULIO REGENI
Un semplice iscritto del PD scrive una ‘Lettera aperta a Matteo Renzi'
"Ho deciso di riconsegnare la tessera di iscritto al Partito democratico nel circolo si Artena"

Riceviamo e Pubblichiamo:

La sorte della memoria di Giulio Regeni, ci interroga sul senso della Politica e dei Sentimenti, dei Diritti e della politica, quella che va sotto il nome di realpolitik. L’evoluzione degli eventi diplomatici, con la scelta del governo di far tornare l’ambasciatore italiano al Cairo, mostra un governo piegato alla cosiddetta ‘realpolitik’, quel principio ritenuto a volte necessario ma non necessariamente condivisibile, e in questo caso specifico del nostro connazionale Giulio Regeni, sta dimostrando la ‘pochezza’ del nostro governo, del quale il partito democratico ne è il pilastro fondamentale.

“l’Italia ha preso un impegno con la famiglia Regeni, con la memoria di Giulio Regeni, e anche con la dignità di ciascuno di noi nel dire che ci saremo fermati solo davanti alla verità”. (M.Renzi, aprile 2016) Queste parole le ho condivise, è come se fossero le mie e di tanti altri, che hanno chiesto al nostro governo di fare i passi necessari per arrivare alla verità, non qualsiasi verità!

A 16 mesi di distanza, non si sono fatti passi avanti significativi, però il governo italiano ha deciso di porre fine alla pressione diplomatica sull’Egitto, perché? Il ministro degli esteri, Alfano, ci ha detto che ‘l’Egitto è partner ineludibile dell’Italia e viceversa’, ma questo lo era anche quando si decise di ritirare l’ambasciatore. Le spiegazioni di Alfano, mi sono sembrate tutte piegate al bisogno di riaprire i rapporti con l’Egitto,  per motivi legati all’immigrazione; sembra certo il peso che l’Egitto abbia su alcuni generali libici, forse anche per la vendita di armi allo stesso Egitto. Questo non è stato detto, ma si intuisce ed è molto probabile. Questa è la realpolitik! Svilire i Principi per esigenze che si considerano più importanti perché  l’attualità politica richiede; questa è la spiegazione che sempre il potere dà. Ma appunto, la dà il potere.

Ma questo non è sufficiente, non stiamo cercando di evitare una guerra o cose simili, quello che vedo è solo una sopravvalutazione di alcuni problemi, tipo l’immigrazione, che ci angustiano e ai quali si cerca di porre un argine con una scelta miope (dal mio punto di vista), barattando Principi a favore di una scorciatoia per alleggerire un problema, che va affrontato e alleggerito ma non cosi. Diceva un tale che, non bisogna mai utilizzare l’uomo come un mezzo; questo svolgersi degli eventi, dimostra che è stato fatto.

Egregio segretario, la frase da lei pronunciata è importante ancora oggi, con questa scelta il governo Gentiloni, sta calpestando la dignità di Giulio, della famiglia, e di tutti quelli che considerano i Principi Umani fondamentali. La memoria, è parte essenziale della nostra umanità, è qualcosa che non è scambiabile, perché appunto, non è riducibile al semplice interesse politico.

Lei, dopo queste scelte del governo non è intervenuto sulla questione, colpevolmente secondo me, perché cosi, non facendo niente, lasciando che le polemiche quotidiane relegassero nel dimenticatoio la questione Regeni, Lei si comporta come Ponzio Pilato! Di questi tempi difficili, forse, Lei dovrebbe avere maggiore coraggio,  e rispetto per quei Principi che aveva espresso in quella dichiarazione, che ebbi a far mia; mi sarei aspettato una consequenzialità a tale proposizione, ma cosi non mi sembra che sia; purtroppo.

Come conseguenza immediata, ho deciso di riconsegnare la tessera di iscritto al Partito democratico nel circolo si Artena; da tale gesto, non viene meno il rapporto di vicinanza ed elettore del partito democratico, ma è un segno concreto di contrarietà e condanna politica e morale, per tali scelte e silenzi.  

Con rispetto e simpatia

Renato Centofanti

 


ARTICOLI CORRELATI
Bruno Astorre, Eleonora Mattia ed Emilio Cianfanelli sono stati eletti all'assemblea nazionale
"Ci hanno feriti ma non ci possono fermare": così Tommaso Giuntella commenta l'episodio
Sempre più attivo il M5S, rinasce la D.C., sparito il Partito Democratico, assente il Centro Destra
I PIU' LETTI IN OPINIONI I PIU' LETTI DELLA SETTIMANA I PIU' LETTI
1
Lo spettacolo offerto dai Pooh ieri sera resterà nella memoria di chi l'ha visto come il concerto italiano più grande mai organizzato negli ultimi anni
2
ANALFABETI DIGITALI La vita vista da Google map
Non si vive di solo Facebook, Twitter o Instagram. Esistono molti mondi diversamente social in Rete, e uno dei più interessanti è Google maps
3
Sapete qual è il problema? Che alle Province hanno lasciato la proprietà ma hanno ridotto al lumicino risorse umane e finanziarie
4
Siamo andati al letto con le scene dei calci di rigore di Pellè e Zaza convinti di aver visto un filmetto dove alla fine Alvaro Vitali vince l'Oscar
5
A Tonnarella ci si può svegliare con calma, concedersi una granita al cioccolato con panna e brioche. Addio aranci, limoni e mandarini
1
Grande importanza avranno i risultati dell’analisi del tabulati telefonici di Noemi, di Lucio e dei loro genitori per individuare e sistemizzare i movimenti
2
"Uomini per cui la donna non può permettersi di essere fragile perché quella fragilità, spesso, viene tradotta in un consenso implicito"
3
"Il viaggio in Corea l'ho rinviato. Non per paura, sia chiaro! Io non ho paura di niente e di nessuno perché sono sempre stato così nella mia vita"
1
In questi giorni si sta diffondendo su Whatsapp un comunicato, divenuto virale, con un lungo elenco di nuovi autovelox
2
La cultura, se patrimonio condiviso, è elemento di identità e coesione sociale, oltre a costituire il vero valore aggiunto
3
Il giovane falciato nelle prime ore del mattino da un'auto, il cui conducente si è fermato a prestare soccorso. Un'intera comunità è sotto shock
4
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
5
Lo ha detto l'avvocato del marinaio accusato dello stupro a Radio Cusano Campus: "Ha cambiato versione troppe volte"
Il Quotidiano del Lazio è un marchio di Vergovich Comunicazione Srls.
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°8/13 del 17/05/2013

Direttore: Francesco Vergovich
P.iva n° 12555091003
info@ilquotidianodellazio.it

[ versione mobile ]
EDitt | Web Agency