Giovedì 23 Novembre 2017 ore 14:07
MANTENIMENTO
Figlia denuncia padre che le taglia la paghetta: lui dovrà mantenerla
La punizione per il poco impegno è l’abbassamento della paghetta a 20 euro a settimana. La ragazza ha denunciato il padre e l’ha portato in tribunale

Pordenone: La figlia va fuori corso all’università e il padre le taglia il mantenimento. La punizione per il poco impegno è l’abbassamento della paghetta a 20 euro a settimana. La ragazza di Pordenone, 26 anni, ha denunciato il padre e l’ha portato in tribunale. Il giudice ha dato ragione alla ragazza e ha disposto che l’uomo debba versarle 500 euro al mese. Greta Sclaunich sul Corriere della Sera scrive che il padre è stato riconosciuto “colpevole” di aver negato il mantenimento alla figlia. Impossibile infatti vivere con appena 20 euro a settimana, quando per pagare università, bollette e alloggio richiede almeno 400 euro al mese:

“La giovane al tribunale ha denunciato il padre perché non sta più rispettando l’impegno, assunto in sede di divorzio, di provvedere al suo mantenimento. Sostiene di essere abituata ad un certo tenore di vita e vorrebbe che il genitore, che non ha problemi economici, continuasse a garantirglielo. Lui, dal canto suo, si è difeso spiegando che sì, dà alla figlia solo venti euro a settimana ma che spese mediche, carburante e abbigliamenti sono comunque coperti. Già, perché padre e figlia vivono sotto lo stesso tetto (dopo che lui le ha revocato i soldi per l’alloggio accanto all’università, per evitarle distrazioni) e lui si occupa di tutte le spese di mantenimento”.

La punizione del padre, davanti allo scarso impegno della figlia, è stata ritenuta dai giudici eccessiva e così il tribunale ha disposto che l’uomo le versasse la somma di 500 euro al mese: “l’assegno mensile che il genitore dovrà versare sarà pari a 500 euro al mese e coprirà «le spese personalissime e ludico-ricreative, anche straordinarie» fino al 30 giugno 2019 come scrive il Messaggero Veneto. La corte ha sì fatto notare che la figlia non si è impegnata né nello studio né nel lavoro, ma con l’attenuante di un contesto dove c’è «una certa inerzia nella maturazione che porta all’indipendenza dei giovani». Per questo da un lato i giudici le hanno dato ragione, dall’altra hanno riconosciuto il diritto del padre ad educarla (e quindi hanno deciso di ridurre il totale dell’assegno)”.


ARTICOLI CORRELATI
Storica sentenza del Tribunale per i Minorenni di Roma: bambina affidata a una coppia di donne. Infiamma il dibattito
Il ragazzo, dopo una lite per futili motivi, ha avuto una crisi di nervi e ha costretto le due a recarsi in ospedale
Pena ridotta in appello per Maurizio Falcioni, il padre di Chiara in ospedale per la tensione: "Ora è tutto buio". Grande solidarietà sui social network
I PIU' LETTI IN GOSSIP I PIU' LETTI DELLA SETTIMANA I PIU' LETTI
1
I risultati, digitando il suo nome, sono collegati a foto hot e siti porno. Lei sbotta: "Non sono una prostituta"
2
Confessione choc a Radio 24: "Sono di estrema destra e alle ultime elezioni ho votato Matteo Salvini"
3
Ironica proposta su twitter di Eliana Guercio, moglie del portiere argentino, in caso di vittoria al Mondiale
4
In Argentina un sondaggio pubblicato dalla versione online del Clarin premia la compagna di Martin Demichelis
5
La cantante ha pubblicato alcune foto della sua vacanza alle isole pontine su Twitter e Instagram
1
Antonio, ha stilato una classifica: "Tra le italiane, quelle che hanno più voglia di sesso sono le lombarde e in generale le donne del nord"
1
In questi giorni si sta diffondendo su Whatsapp un comunicato, divenuto virale, con un lungo elenco di nuovi autovelox
2
La cultura, se patrimonio condiviso, è elemento di identità e coesione sociale, oltre a costituire il vero valore aggiunto
3
Il giovane falciato nelle prime ore del mattino da un'auto, il cui conducente si è fermato a prestare soccorso. Un'intera comunità è sotto shock
4
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
5
Lo ha detto l'avvocato del marinaio accusato dello stupro a Radio Cusano Campus: "Ha cambiato versione troppe volte"
Il Quotidiano del Lazio è un marchio di Vergovich Comunicazione Srls.
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°8/13 del 17/05/2013

Direttore: Francesco Vergovich
P.iva n° 12555091003
info@ilquotidianodellazio.it

[ versione mobile ]
EDitt | Web Agency