Giovedì 23 Novembre 2017 ore 14:16
RUBRICA GIURIDICA
Si può denunciare per offese e insulti? Attenzione perché non si può più
Attenzione perché non si può più denunciare per offese e insulti ricevuti. L'ingiuria non costituisce più reato

Qualcuno ti ha detto una parolaccia, ti ha insultato davanti a tutti, in mezzo a una strada o durante un’assemblea di condominio? Attenzione perché non si può più denunciare per offese e insulti ricevuti. Questo perché il reato di ingiuria è stato depenalizzato e trasformato in un semplice illecito civile: per dirla con parole povere, tutto ciò che si può fare è agire in causa per ottenere il risarcimento del danno, ma la fedina penale del colpevole resterà immacolata. Tutt’al più, alla fine del giudizio, il giudice lo condannerà a pagare un’ulteriore multa, in favore delle casse dello Stato, ma di tutto il procedimento non resterà mai alcuna traccia.

“Giorni fa mi è capitato un caso molto interessante. Una mia assistita è stata vittima di numerose ingiurie, però, a seguito del pacchetto delle depenalizzazioni approvato da parte del Governo, sono stata costretta a dirle che un’ingiuria o le offese contro una persona non sono più oggetto di denuncia e quindi di procedimento penale. – ci dichiara l’Avvocato Lara Caschera – Allora mi è sorta la questione: ‘Come possono essere tutelate queste persone?’ Sino a oggi l’ingiuria è stata punita con la reclusione fino a sei mesi o la multa fino a 516 euro, perché si incorreva nel penale. Con la depenalizzazione, le cose cambiano; le cause diventano civili, però la sanzione è aumentata perché, anche se si incorre nell’illecito civile, la multa varia da 100 a 8.000 euro di risarcimento.

‘Come può difendersi la vittima?’ – continua l’Avvocatessa Caschera – A differenza del passato chi è stato ingiuriato non dovrà più sporgere querela ai Carabinieri o depositare tale atto presso la Procura della Repubblica, ma dovrà intentare una causa ordinaria, di tipo civile, a seconda della gravità del danno e quindi richiedere l’importo di risarcimento. Il Giudizio andrà intrapreso davanti al Giudice di Pace o davanti al Tribunale. Ovviamente se ci sarà una sentenza di condanna, sempre parliamo di causa civile, il Giudice obbligherà il colpevole a pagare il risarcimento dei danni e una sanzione civile alla cosiddetta Cassa delle Ammende.

E’ rimasta dunque la tutela della vittima dell’ingiuria nella causa civile e le sanzioni non sono meno efficaci, anzi. – conclude Lara Caschera – Prima della causa, l’Avvocato della parte lesa potrà fare una diffida , una messa in mora affinché tale fatto ingiurioso non si ripeta più. Per concludere: a seguito dell’approvazione del pacchetto delle depenalizzazioni con il Decreto Legislativo datato 15/01/2016, n.7, i casi di ingiuria che precedentemente venivano perseguiti penalmente, ora non lo sono più, ma, per tornare al caso della mia assistita ingiuriata, potrà essere tutelata efficacemente”.


ARTICOLI CORRELATI
Lo ha detto l'avvocato del marinaio accusato dello stupro a Radio Cusano Campus: "Ha cambiato versione troppe volte"
Se la cartella allegata alla Pec è in formato ‘pdf’, la notifica non può ritenersi valida
Ernesto Tersigni annuncia azioni legali contro gli "attacchi demagogici, trasversali e disonesti"
I PIU' LETTI IN RUBRICHE I PIU' LETTI DELLA SETTIMANA I PIU' LETTI
1
Centoquindici i fuochi d'artificio sparati sul mare per salutare il doppio compleanno dei festeggiati
2
Nella canzone il rocker attacca i legali che "alzano il calice al cielo sentendosi Dio" per il ritardo delle sentenze
3
Luttuosi, snob e cattivi
4
Se la cartella allegata alla Pec è in formato ‘pdf’, la notifica non può ritenersi valida
5
Il magnate uzbeko Alisher Usmanov, amante dell'arte, ha un patrimonio stimato intorno ai 14 miliardi di euro
1
In sintesi più una cellula tumorale è in grado di utilizzare l’ormone della crescita, più veloce è la sua crescita ed espansione neoplastica...
2
Ora che avete deciso dove andare, non resta che fare le valigie! Ma cosa portare in settimana bianca?
3
Gioco d’azzardo, pulizie di primavera: entro aprile via 140.000 slot machine. Il Lazio una delle zone più interessate
4
Il settore dei giochi e delle scommesse online nel 2017 è uno dei più floridi e remunerativi in Italia
1
In questi giorni si sta diffondendo su Whatsapp un comunicato, divenuto virale, con un lungo elenco di nuovi autovelox
2
La cultura, se patrimonio condiviso, è elemento di identità e coesione sociale, oltre a costituire il vero valore aggiunto
3
Il giovane falciato nelle prime ore del mattino da un'auto, il cui conducente si è fermato a prestare soccorso. Un'intera comunità è sotto shock
4
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
5
Lo ha detto l'avvocato del marinaio accusato dello stupro a Radio Cusano Campus: "Ha cambiato versione troppe volte"
Il Quotidiano del Lazio è un marchio di Vergovich Comunicazione Srls.
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°8/13 del 17/05/2013

Direttore: Francesco Vergovich
P.iva n° 12555091003
info@ilquotidianodellazio.it

[ versione mobile ]
EDitt | Web Agency