Domenica 21 Aprile 2019 ore 02:15
CRONACA
Si tuffa nel lago da una gru:23enne di Labico muore annegato in Svizzera
Appello di solidarietà lanciato dalla comunità per aiutare la famiglia a riportare il figlio in Italia

È morto per annegamento il ragazzo di 23 anni domiciliato nel canton di Zurigo ma originario di Labico, che domenica 24 settembre si è tuffato nel lago, per cause ancora da chiarire, a Zurigo da una gru e non è più riemerso. Lo ha rivelato l'autopsia. L'incidente è avvenuto intorno alle 19:30. Il ragazzo si è tuffato da una gru fissa, che appartiene a un'impresa di costruzioni e si trova in riva al lago nel quartiere di Wollishofen, a due passi dal centro culturale Rote Fabrik.

Allarmata da diversi passanti che hanno assistito alla scena, la polizia lacuale è arrivata rapidamente sul posto e verso le 20:00 i sommozzatori hanno recuperato il corpo dello scomparso da una profondità di 3,5 metri. L'uomo è spirato in ospedale verso le 22.30. La seconda persona saltata dalla gru è nel frattempo stata rintracciata. Stando a una nota della polizia cittadina, il secondo uomo che si è tuffato nel lago da un'altezza di 10 metri, ma è fuggito prima dell'arrivo dei soccorsi, si è nel frattempo presentato a un posto di polizia ed è stato interrogato.

La comunità di Labico si è stretta al cordoglio della famiglia e ha lanciato un appello di solidarietà per aiutare quest’ultima a riportare in Italia la salma del giovane figlio, deceduto in Svizzera in circostanze ancora da definire. “Confidiamo nell'aiuto di tutti come avvenuto in altre occasioni, a dimostrazione della sensibilità del nostro paese. Il punto di raccolta fondi è la cartoleria di Anna Paris, in via Giacomo Matteotti 22”.


ARTICOLI CORRELATI
Dopo le tristi vicende dei giorni scorsi nello Zoo di Copenhagen altri due cuccioli uccisi. Stavolta in Svizzera
Muore dopo un volo di 15 metri giù da una gru: ancora non sono chiari i motivi del folle gesto
Per cause da chiarire un 33enne romano a bordo di una moto è caduto nel territorio di Anguillara Sabazia, urtando il guard rail
I PIU' LETTI IN CRONACA I PIU' LETTI DELLA SETTIMANA I PIU' LETTI
1
In questi giorni si sta diffondendo su Whatsapp un comunicato, divenuto virale, con un lungo elenco di nuovi autovelox
2
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
3
Il giovane falciato nelle prime ore del mattino da un'auto, il cui conducente si è fermato a prestare soccorso. Un'intera comunità è sotto shock
4
Tre casi registrati tra Montesacro e il quartiere africano. Fatti che passano in secondo piano rispetto alle altre storie di cronaca nera
5
Lo ha detto l'avvocato del marinaio accusato dello stupro a Radio Cusano Campus: "Ha cambiato versione troppe volte"
1
In questi giorni si sta diffondendo su Whatsapp un comunicato, divenuto virale, con un lungo elenco di nuovi autovelox
2
La cultura, se patrimonio condiviso, è elemento di identità e coesione sociale, oltre a costituire il vero valore aggiunto
3
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
4
Il giovane falciato nelle prime ore del mattino da un'auto, il cui conducente si è fermato a prestare soccorso. Un'intera comunità è sotto shock
5
"Restituiamo finalmente un futuro a 6 milioni e mezzo di persone che fino ad oggi hanno vissuto in condizione di povertà"
Il Quotidiano del Lazio è un marchio di Vergovich Comunicazione Srls.
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°8/13 del 17/05/2013

Direttore: Francesco Vergovich
P.iva n° 12555091003
info@ilquotidianodellazio.it

[ versione mobile ]