Giovedì 12 Dicembre 2019 ore 11:46
CRONACA
Si tuffa nel lago da una gru:23enne di Labico muore annegato in Svizzera
Appello di solidarietà lanciato dalla comunità per aiutare la famiglia a riportare il figlio in Italia

È morto per annegamento il ragazzo di 23 anni domiciliato nel canton di Zurigo ma originario di Labico, che domenica 24 settembre si è tuffato nel lago, per cause ancora da chiarire, a Zurigo da una gru e non è più riemerso. Lo ha rivelato l'autopsia. L'incidente è avvenuto intorno alle 19:30. Il ragazzo si è tuffato da una gru fissa, che appartiene a un'impresa di costruzioni e si trova in riva al lago nel quartiere di Wollishofen, a due passi dal centro culturale Rote Fabrik.

Allarmata da diversi passanti che hanno assistito alla scena, la polizia lacuale è arrivata rapidamente sul posto e verso le 20:00 i sommozzatori hanno recuperato il corpo dello scomparso da una profondità di 3,5 metri. L'uomo è spirato in ospedale verso le 22.30. La seconda persona saltata dalla gru è nel frattempo stata rintracciata. Stando a una nota della polizia cittadina, il secondo uomo che si è tuffato nel lago da un'altezza di 10 metri, ma è fuggito prima dell'arrivo dei soccorsi, si è nel frattempo presentato a un posto di polizia ed è stato interrogato.

La comunità di Labico si è stretta al cordoglio della famiglia e ha lanciato un appello di solidarietà per aiutare quest’ultima a riportare in Italia la salma del giovane figlio, deceduto in Svizzera in circostanze ancora da definire. “Confidiamo nell'aiuto di tutti come avvenuto in altre occasioni, a dimostrazione della sensibilità del nostro paese. Il punto di raccolta fondi è la cartoleria di Anna Paris, in via Giacomo Matteotti 22”.


ARTICOLI CORRELATI
Dopo le tristi vicende dei giorni scorsi nello Zoo di Copenhagen altri due cuccioli uccisi. Stavolta in Svizzera
Muore dopo un volo di 15 metri giù da una gru: ancora non sono chiari i motivi del folle gesto
I due uomini stavano tinteggiando la facciata di un palazzo in via Rocca Sinibalda. Ricoverati in codice rosso
I PIU' LETTI IN CRONACA
GIORNO SETTIMANA MESE
1
Il conducente del mezzo Ama, 35 anni, verrà sottoposto ai test di prassi per droga e alcol
Data di pubblicazione: 2019-12-11 11:56:28
2
Forse il motivo degli spari legato al traffico di stupefacenti
Data di pubblicazione: 2019-12-11 09:51:38
3
Un uomo di nazionalità italiana conservava beni archeologici antichissimi, la custodia al museo di Colleferro
Data di pubblicazione: 2019-12-12 08:30:00
4
Per tutta la durata dei lavori di abbattimento dell'edificio i treni saranno limitati a Marechiaro e sostituiti con bus nella tratta Marechiaro-Nettuno
Data di pubblicazione: 2019-12-11 16:49:10
5
Mentre la Capitale annaspa tra i rifiuti e cade nelle buche si celebra in gran fasto l'accensione di "Spelacchio"
Data di pubblicazione: 2019-12-08 09:33:51
1
Dopo le piogge violente del mese di novembre, masse di terreno si staccano, danni ingenti
Data di pubblicazione: 2019-12-03 09:41:30
2
I finanzieri coordinati dalla Direzione Distrettuale Antimafia stanno eseguendo nelle province di Roma, Latina, Napoli e Bari 16 ordinanze di custodia cautelare
Data di pubblicazione: 2019-12-02 11:41:22
3
Treni vecchi e spesso guasti, ritardi costanti e stazioni fatiscenti; i pendolari dicono basta
Data di pubblicazione: 2019-12-03 10:47:43
4
Il quartiere scende in strada perché non ha bisogno di irruzioni poliziesche, ma di strutture e investimenti
Data di pubblicazione: 2019-12-05 09:05:51
5
Il conducente del mezzo Ama, 35 anni, verrà sottoposto ai test di prassi per droga e alcol
Data di pubblicazione: 2019-12-11 11:56:28
Il Quotidiano del Lazio.it è un marchio di Associazione Culturale "Un Giorno Speciale".
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°8/13 del 17/05/2013

Direttore: Francesco Vergovich
P.IVA e C.F. 09678001000
info@ilquotidianodellazio.it

[ versione mobile ]