Martedì 26 Marzo 2019 ore 16:07
VIOLENZE A BARCELLONA
Referendum Catalogna, attenzione alla demagogia, il pericolo è grande
Fino a che punto è lecito, da parte dei politicanti, cavalcare la rabbia che sempre più elettori percepiscono, al fine di ottenere voti?

Il referendum catalano, così come la Brexit lo scorso anno, ci pongono davanti alla seguente domanda: fino a che punto è lecito, da parte dei politicanti, cavalcare la rabbia e quel senso di marginalità che sempre più elettori percepiscono quotidianamente, al fine di ottenere più voti? O, peggio ancora, per creare consenso intorno ad avventure politiche avventate? Perché la Brexit ed il referendum catalano altro non sono che avventure politiche avventate e pericolose, i cui effetti potrebbero essere negativi soprattutto per quelle persone che ne hanno decretato il successo, inconsapevoli del reale significato del loro voto e delle conseguenze prodotte dalla loro scelta. Ancora non sappiamo come evolveranno entrambi questi epocali avvenimenti politici, però sappiamo che chi li ha promossi non sa come gestirli (vedi la “fuga” di Nigel Farage o la faciloneria di Boris Johnson nel caso della Brexit), il che rende tutto più incerto ed improvvisato.

Staremo a vedere cosa accadrà anche in Catalogna, però appare evidente quanto sia pericolosa la demagogia di tanti politicanti vanesi ed irresponsabili che conducono i loro Paesi in territori inesplorati, mettendo a repentaglio quei pochi risultati positivi ottenuti in passato. E’ vero, c’è molto da migliorare, in tutti i settori ed in tutte le istituzioni (nazionali ed europee), però non è giusto che si promuovano affascinanti, ma pericolose, imprese politiche i cui danni potrebbero essere ingenti. Il cambiamento è necessario, ma deve essere guidato dalla razionalità e dall’etica politica, non dalla pancia e dalla vanità. Sapremo, prima o poi, imboccare questa strada?... Quién sabe?


ARTICOLI CORRELATI
Scene da una guerra civile, combattuta nelle urne e sui media. Un'ondata di violenza ha attraversato la Catalogna, nel giorno che doveva essere nelle intenzioni del governo di Barcellona quello di una "gioiosa"
Nel corso delle indagini sono stati sequestrati dai Carabinieri quintali e quintali di droga che giungevano in Italia nascosta all’interno della struttura metallica di particolari macchinari
Il viaggio comincia. Tra poco si torna a casa, alla consuetudine di tutti i giorni, al telegiornale che regala solo brutte notizie
I PIU' LETTI IN OPINIONI I PIU' LETTI DELLA SETTIMANA I PIU' LETTI
1
"Purtroppo, anche persone colte come Sgarbi, dimostrano di essere ignoranti a proposito della figura infermieristica"
2
Lo spettacolo offerto dai Pooh ieri sera resterà nella memoria di chi l'ha visto come il concerto italiano più grande mai organizzato negli ultimi anni
3
ANALFABETI DIGITALI La vita vista da Google map
Non si vive di solo Facebook, Twitter o Instagram. Esistono molti mondi diversamente social in Rete, e uno dei più interessanti è Google maps
4
A Tonnarella ci si può svegliare con calma, concedersi una granita al cioccolato con panna e brioche. Addio aranci, limoni e mandarini
5
Sapete qual è il problema? Che alle Province hanno lasciato la proprietà ma hanno ridotto al lumicino risorse umane e finanziarie
1
In questi giorni si sta diffondendo su Whatsapp un comunicato, divenuto virale, con un lungo elenco di nuovi autovelox
2
La cultura, se patrimonio condiviso, è elemento di identità e coesione sociale, oltre a costituire il vero valore aggiunto
3
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
4
Il giovane falciato nelle prime ore del mattino da un'auto, il cui conducente si è fermato a prestare soccorso. Un'intera comunità è sotto shock
5
"Restituiamo finalmente un futuro a 6 milioni e mezzo di persone che fino ad oggi hanno vissuto in condizione di povertà"
Il Quotidiano del Lazio è un marchio di Vergovich Comunicazione Srls.
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°8/13 del 17/05/2013

Direttore: Francesco Vergovich
P.iva n° 12555091003
info@ilquotidianodellazio.it

[ versione mobile ]