Domenica 26 Gennaio 2020 ore 10:44
VIOLENZE A BARCELLONA
Referendum Catalogna, attenzione alla demagogia, il pericolo è grande
Fino a che punto è lecito, da parte dei politicanti, cavalcare la rabbia che sempre più elettori percepiscono, al fine di ottenere voti?

Il referendum catalano, così come la Brexit lo scorso anno, ci pongono davanti alla seguente domanda: fino a che punto è lecito, da parte dei politicanti, cavalcare la rabbia e quel senso di marginalità che sempre più elettori percepiscono quotidianamente, al fine di ottenere più voti? O, peggio ancora, per creare consenso intorno ad avventure politiche avventate? Perché la Brexit ed il referendum catalano altro non sono che avventure politiche avventate e pericolose, i cui effetti potrebbero essere negativi soprattutto per quelle persone che ne hanno decretato il successo, inconsapevoli del reale significato del loro voto e delle conseguenze prodotte dalla loro scelta. Ancora non sappiamo come evolveranno entrambi questi epocali avvenimenti politici, però sappiamo che chi li ha promossi non sa come gestirli (vedi la “fuga” di Nigel Farage o la faciloneria di Boris Johnson nel caso della Brexit), il che rende tutto più incerto ed improvvisato.

Staremo a vedere cosa accadrà anche in Catalogna, però appare evidente quanto sia pericolosa la demagogia di tanti politicanti vanesi ed irresponsabili che conducono i loro Paesi in territori inesplorati, mettendo a repentaglio quei pochi risultati positivi ottenuti in passato. E’ vero, c’è molto da migliorare, in tutti i settori ed in tutte le istituzioni (nazionali ed europee), però non è giusto che si promuovano affascinanti, ma pericolose, imprese politiche i cui danni potrebbero essere ingenti. Il cambiamento è necessario, ma deve essere guidato dalla razionalità e dall’etica politica, non dalla pancia e dalla vanità. Sapremo, prima o poi, imboccare questa strada?... Quién sabe?


ARTICOLI CORRELATI
Scene da una guerra civile, combattuta nelle urne e sui media. Un'ondata di violenza ha attraversato la Catalogna, nel giorno che doveva essere nelle intenzioni del governo di Barcellona quello di una "gioiosa"
Nel corso delle indagini sono stati sequestrati dai Carabinieri quintali e quintali di droga che giungevano in Italia nascosta all’interno della struttura metallica di particolari macchinari
Il viaggio comincia. Tra poco si torna a casa, alla consuetudine di tutti i giorni, al telegiornale che regala solo brutte notizie
I PIU' LETTI IN OPINIONI
GIORNO SETTIMANA MESE
1
Il giornale di Carlo Verdelli si schiera con la sindaca Raggi, l'altro con gli urtisti, i cosiddetti venditori di souvenir
Data di pubblicazione: 2020-01-12 09:05:03
2
Con 19 gol nelle prime 17 partite giocate, “The King” Immobile aggancia Angelillo della stagione 1958/59
Data di pubblicazione: 2020-01-06 08:34:31
3
UN DISCORSO EVASIVO IN UNA SALA NON IDENTIFICABILE Il discorso di fine anno 2019: autorità e cittadini a una distanza...galattica
Il discorso tenutosi senza l'emblematica scrivania è il segno della lontananza e della volatilità delle istituzioni
Data di pubblicazione: 2020-01-04 16:25:39
4
La questione del celibato ecclesiastico è un tema di importanza fondamentale per la Chiesa
Data di pubblicazione: 2020-01-17 08:45:23
5
Nella prima giornata di ritorno arriva l'undicesima vittoria consecutiva della squadra di Inzaghi
Data di pubblicazione: 2020-01-19 13:29:37
Il Quotidiano del Lazio.it è un marchio di Associazione Culturale "Un Giorno Speciale".
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°8/13 del 17/05/2013

Direttore: Francesco Vergovich
P.IVA e C.F. 09678001000
info@ilquotidianodellazio.it

[ versione mobile ]