Martedì 25 Giugno 2019 ore 03:30
OSTIA PATRIMONIO UNESCO
Roma, Giro (Fi): Pd e M5s bloccano procedura Unesco per Ostia Antica
Avere il bollino Unesco significa non solo beneficiare di fondi aggiuntivi, ma consentirebbe ai nuovi amministratori di Ostia di promuovere una strategia di marketing territoriale

Il comune di Roma con la sindaca Raggi e il ministero dei beni culturali con il suo attuale responsabile Franceschini non hanno finora mosso un dito per inserire l'area archeologica di Ostia Antica e il suo Borgo antico nella lista del patrimonio culturale Unesco". Lo dice Francesco Giro, senatore di Fi e capogruppo Fi in commissione Cultura. "Ostia- spiega- è considerata di serie B mentre altri luoghi culturali come villa Adriana e villa d'Este a Tivoli sono patrimonio Unesco da decenni. Ostia il porto della Roma imperiale no. E' assurdo ed è incomprensibile.

Avere il bollino Unesco significa non solo beneficiare di fondi aggiuntivi per la manutenzione, il restauro e la valorizzazione dell'area, come sta accadendo in questi anni per il rilancio di Pompei (sito Unesco) attraverso l'Unione europea, ma consentirebbe ai nuovi amministratori di Ostia, che verranno finalmente scelti col voto il 5 novembre, di promuovere una strategia di marketing territoriale insieme ai soggetti economici locali, gli albergatori, i ristoratori, i commercianti, gli artigiani artistici, i balneari e gli operatori del settore agroalimentare".

"Ma Raggi e Franceschini- aggiunge Giro- che dovrebbero avviare la procedura e preparare il Piano di Gestione con la Commissione nazionale Unesco e con i ministeri degli Esteri e quelli interessati a diverso titolo nell'operazione (risorse agricole e sviluppo economico), non hanno mosso un solo dito. Zero assoluto. E anche Casapound, presente sul territorio di Ostia sembra indifferente alla proposta che solo Forza Italia porta avanti da quasi un anno avendo presentato con il Suo capogruppo in Campidoglio, Davide Bordoni, una mozione ad hoc che i Cinque stelle hanno prima preteso che fosse accantonata per poi appropriarsene alla vigilia dell estate, come uno spot, subito riaffossato e chiuso in un cassetto".

"Con i ragazzi di Casapound ho avuto un confronto sui social ma ignorano il problema e a mio avviso non sanno neppure cosa sia l'Unesco e comunque mi hanno risposto che loro non hanno tempo da perdere perché preferiscono stare sul campo in mezzo alla gente nelle periferie ad aiutare chi ha bisogno.

Tutto giusto e sacrosanto. Ma- continua Giro- questa operazione Unesco porterebbe ad Ostia nuove risorse economiche e produrrebbe nuovi (e veri) posti di lavoro nel settore della cultura tradizionalmente appannaggio dei più giovani, ragazze e ragazzi, che potrebbero così avviare un percorso professionale oltretutto legato al loro territorio. Ma Casapound si è trincerato dietro la sua politica di volontariato e di assistenza sociale certamente benemerita ma insufficiente a risolvere i problemi oggi di Ostia e domani di Roma e di altrove".

"Lo stesso fascismo al quale Casapound si richiama e che si ispira al volontarismo, preferì la legislazione sociale con leggi e norme statali precise per aiutare le famiglie bisognose, le gestanti, i bambini, i lavoratori, i giovani. Insomma- conclude Giro- io credo che Ostia possa diventare il laboratorio per una politica concreta aperta all'innovazione e sopratutto capace di utilizzare tutte le opportunità e le risorse che ci offrono le organizzazioni nazionali e internazionali. O Ostia si aggancia a questo sistema economico produttivo oppure resterà una realtà marginale e marginalizzata".


ARTICOLI CORRELATI
"E i 5 Stelle sono muti e sono scappati via di fronte alle molte emergenze: rifiuti, incendi, degrado, crisi del commercio e del turismo per citarne solo alcune"
"Nel Foro, all'interno del tempio di Venere e Roma ci sono due cappelle: una gestita dal Comune e una dallo Stato"
Francesco Giro: "Credo che questa piazza possa essere utilizzata per aggregare perché oggi è un buco vuoto e desertico"
I PIU' LETTI IN POLITICA I PIU' LETTI DELLA SETTIMANA I PIU' LETTI
1
"Restituiamo finalmente un futuro a 6 milioni e mezzo di persone che fino ad oggi hanno vissuto in condizione di povertà"
2
"Purtroppo, anche persone colte come Sgarbi, dimostrano di essere ignoranti a proposito della figura infermieristica"
3
Chiuse le indagini: la Raggi potrebbe rispondere di falso per la nomina di Renato Marra e di abuso d'ufficio per quella di Romeo
4
I controlli dei dipendenti pubblici assenti per malattia da settembre saranno svolti dell'INPS e non più dalle Asl e i medici potranno bussare alla porta dei malati più di una volta al giorno
5
"Era il polmone verde della città di Roma, con un'amministrazione comunale che si dimentica di organizzare la manutenzione, il controllo e la prevenzione"
1
È iniziato lo spoglio. Testa a testa tra i due candidati. Stefano Cacciotti esce vincitore dalla sfida a due
1
In questi giorni si sta diffondendo su Whatsapp un comunicato, divenuto virale, con un lungo elenco di nuovi autovelox
2
La cultura, se patrimonio condiviso, è elemento di identità e coesione sociale, oltre a costituire il vero valore aggiunto
3
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
4
Il giovane falciato nelle prime ore del mattino da un'auto, il cui conducente si è fermato a prestare soccorso. Un'intera comunità è sotto shock
5
"Restituiamo finalmente un futuro a 6 milioni e mezzo di persone che fino ad oggi hanno vissuto in condizione di povertà"
Il Quotidiano del Lazio.it è un marchio di Associazione Culturale "Un Giorno Speciale".
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°8/13 del 17/05/2013

Direttore: Francesco Vergovich
P.IVA e C.F. 09678001000
info@ilquotidianodellazio.it

[ versione mobile ]