Venerdì 20 Ottobre 2017 ore 16:17
SOGNO UN MATRIMONIO SENZA SESSO
Alba Parietti: "Il sesso ormai è solo noia. Amo il mondo omosessuale"
"Gli uomini mi vedono solo come un oggetto. Noi donne abbiamo una grande fortuna che si chiama menopausa. Gli uomini sono misogini" dice la Parietti

Sul suo futuro televisivo: "Se sarò una delle mogli di Costantino della Gherardesca in tv? Non lo so, sono stata contattata dalla produzione a giugno, due o tre volte. L'idea mi piaceva molto, la trovo vincente e intelligente, ma non ho più avuto risposta. Io avrei tanto voluto sposarmi con Costantino, sarebbe il mio marito ideale, anzi la mia moglie ideale, avremmo fatto grandi cose, ma non ho più avuto risposte, quindi sono in attesa di sapere se avrò questo onore. Io è una vita che spero di sposare un gay, mi ci trovo perfettamente. Fino a ora con gli etero ho dovuto fare dei compromessi".

Sul sesso: "Sogno un matrimonio senza sesso, il sesso per me è ormai solo una noia. Tutto quello che si poteva fare l'abbiamo già fatto, in tutti i modi. Ormai cerco di volare alto, ma più cerco di volare alto, più vogliono riportarmi verso il basso. Gli uomini non hanno voglia di volare alto, mi vedono tutti sempre e solo come un oggetto. Io voglio rimanere un monumento nazionale poco utilizzato, questo è il mio destino. Come è essere il sogno erotico di mezza Italia? Non te ne rendi conto, se ne rendono conto gli uomini che vengono con te e infatti tutti i miei compagni hanno sofferto dell'ansia da prestazione, ma in una maniera che non potete nemmeno immaginare. Tutti pensano che io abbia fatto chissà quali cose, che sia stata la tigre del materasso. Le reazioni umane degli uomini sono sempre le stesse, tutti si sentono terrorizzati da ciò che posso aspettarmi, mentre io ora vorrei solo dei rapporti spirituali che loro non sono in grado di darmi. Per questo dovrò rivolgermi o a una donna o a un gay".

Sul suo rapporto con i gay: "Trovo meraviglioso del mondo omosessuale e lesbo che non c'è questa ossessione della gioventù obbligata. Non sei una bella macchina che deve per forza avere meno di 25 anni. I gay quando decidono che sei una loro icona lo resti anche quando sei decrepita. Per loro conta il simbolo, la forza, investono su di te e continui a essere importante per sempre. Questo con gli uomini non avviene. Gli uomini a 50 anni sbarellano, hanno il bisogno innaturale di trovarsi compagne di 15, 20 o 30 anni più giovani di loro per dimostrare di valere ancora qualcosa. Per questo io cerco di trovare persone con cui fare dei voli pindarici a livello intellettuale. Il sesso ora è l'ultimo dei miei pensieri, mi ha troppo spesso deviato le scelte. Molto spesso ho scelto degli uomini in base all'attrazione sessuale. Gli uomini dovrebbero provare il gusto dell'impotenza senza frustrazione per mettersi alla prova con qualcosa di diverso. Si eleverebbero un po' di più. Se mio figlio mi dicesse che è gay come reagirei? Tutti i miei amici gay si chiedono come sia possibile che non sia diventato omosessuale avendo una madre come me. Lui non è mai stato un mammone, ha sempre cercato di evitare la mia incombenza e si è molto distaccato da ciò che ero o rappresentavo. Non è mai stato affascinato dalla 'madre drago'. Si è sdoganato perché ha una forte personalità, non che i gay non ce l'abbiano. Comunque se fosse stato omosessuale l'avrei considerata una cosa assolutamente naturale. Io sono molto affascinata dal mondo omosessuale".

Sulle donne: "Abbiamo questa grande fortuna, che si chiama menopausa. Ci mette nella condizione di non avere più questa smania totale di vivere attraverso il sesso la nostra identità. Io mi sento più affascinante di prima  senza aver bisogno di usare le armi che inevitabilmente usavo. E' meglio essere affascinanti usando la testa piuttosto che il corpo".

Sul suo rapporto con la spiritualità: "Dio non riesco proprio a immaginarmelo. Per me appare nelle cose terrene. Quando senti un grande musicista suonare pensi che sia divino. Credo nell'energia, credo che le persone lascino una forte energia che rimane e manifestino la loro presenza soprattutto se la sai cercare. I miei genitori, a esempio, continuano a manifestarsi in tutti i modi possibili e immaginabili. E più ci credo, più questo avviene. Se ognuno è capace di cercare in profondità e ha voglia di un rapporto con le persone che non ci sono più, può stabilirci un rapporto molto solido, addirittura più di quanto accadeva in vita. Le manifestazioni divine sono nel talento, anche se purtroppo può capitare che il talento non combaci con l'umanità". 

Sugli uomini: "Sono misogini, a loro la spiritualità interessa poco. Il mondo maschile è abbastanza deludente. Molto spesso anche i grandi attori, i grandi politici, i grandi personaggi, non sanno volare in alto". 

Su Aldo Biscardi: "Io feci Galagol nel 1990 e contro avevo la corazzata del Processo di Biscardi. Nessuno mi accreditava la minima speranza. Inaspettatamente le cose andarono bene, il primo a riconoscermi il valore e il merito, l'onore delle armi, fu proprio Biscardi, che mi invitò subito nella sua trasmissione conferendomi come una specie di medaglia. Biscardi al di là di questo modo di fare che alle volte creava polemiche, è stato un grande fomentatore di risse televisive, che però faceva fare agli altri. Non ha mai perso il suo aplomb. Mi è sempre stato molto simpatico, era un signore. Mai invidioso, sempre in grado di riconoscere il talento degli altri".

Sulle divisioni della sinistra: "Ho smesso di seguire la politica e di conseguenza anche la sinistra quando ho capito che non rispecchiava più nessuno dei miei ideali. Per me i valori sono l'uguaglianza, la fraternità, l'accoglienza, la legalità. La sinistra come la destra ormai si basa solo sui sondaggi. Per me l'unico politico di riferimento è Papa Francesco. Lo Ius Soli? Sono favorevole!  Se uno nasce in Italia è italiano, ma dove siamo? Un Paese del terzo mondo può negare questo. Questa storia della delinquenza legata all'immigrazione è una bugia, l'ha spiegata benissimo Saviano. Sugli immigrati vengono dette troppe bugie nella speranza di trovare facili consensi. I politici oggi puntano solo sulle magagne altrui. Sperano che l'altro sbagli per guadagnare due voti rosicati dal fallimento altrui. E' così che siamo arrivati dove siamo arrivati. E ora non c'è più niente da rosicare". 

Alba Parietti è intervenuta questa mattina ai microfoni di Radio Cusano Campus, l'emittente dell'Università degli Studi Niccolò Cusano.


ARTICOLI CORRELATI
Angelo: “Ho pianto, non piango mai”. G.: “Volevo Angelo, solo lui, come padrino”. Simona: “non sapevo cosa fare”
Frase censurata dal Grande Fratello così come quella di Veronica Graf su Mario Balotelli
La diretta interessata accusa Mia del GF: "Si è inventata tutto, vuole solo notorietà"
I PIU' LETTI IN OPINIONI I PIU' LETTI DELLA SETTIMANA I PIU' LETTI
1
Lo spettacolo offerto dai Pooh ieri sera resterà nella memoria di chi l'ha visto come il concerto italiano più grande mai organizzato negli ultimi anni
2
ANALFABETI DIGITALI La vita vista da Google map
Non si vive di solo Facebook, Twitter o Instagram. Esistono molti mondi diversamente social in Rete, e uno dei più interessanti è Google maps
3
Sapete qual è il problema? Che alle Province hanno lasciato la proprietà ma hanno ridotto al lumicino risorse umane e finanziarie
4
"Gli uomini mi vedono solo come un oggetto. Noi donne abbiamo una grande fortuna che si chiama menopausa. Gli uomini sono misogini" dice la Parietti
5
Siamo andati al letto con le scene dei calci di rigore di Pellè e Zaza convinti di aver visto un filmetto dove alla fine Alvaro Vitali vince l'Oscar
1
Quando si possiede un’energia così viva, allora, quella personalità, la si può respirare anche attraverso lo schermo di una tv
2
Valeriani: “Investimenti, collaborazione e mezzi: la sicurezza non si fa a chiacchiere, servono fatti e impegni reali per ostacolare la criminalità”
3
Il caso Weinstein ha dimostrato ancora una volta che il mondo del cinema e, più in generale, il mondo del lavoro, non è favorevole alle donne
1
In questi giorni si sta diffondendo su Whatsapp un comunicato, divenuto virale, con un lungo elenco di nuovi autovelox
2
La cultura, se patrimonio condiviso, è elemento di identità e coesione sociale, oltre a costituire il vero valore aggiunto
3
Il giovane falciato nelle prime ore del mattino da un'auto, il cui conducente si è fermato a prestare soccorso. Un'intera comunità è sotto shock
4
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
5
Lo ha detto l'avvocato del marinaio accusato dello stupro a Radio Cusano Campus: "Ha cambiato versione troppe volte"
Il Quotidiano del Lazio è un marchio di Vergovich Comunicazione Srls.
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°8/13 del 17/05/2013

Direttore: Francesco Vergovich
P.iva n° 12555091003
info@ilquotidianodellazio.it

[ versione mobile ]
EDitt | Web Agency