Mercoledì 13 Dicembre 2017 ore 17:44
L'OPINIONE DELLA DIRIGENTE
Valmontone, A. Fusillo in merito all’utilizzo dei cellulari a scuola
Abbiamo chiesto l’opinione della Dirigente Scolastica dell’I.C. Madre Teresa di Calcutta in merito a quanto accaduto a Cagliari

“Una insegnate ha rimproverato uno studente 14enne perché utilizzava il cellulare. Il ragazzino ha reagito contro la professoressa aggredendola e colpendola con un pugno al viso. La docente ha perso l'equilibrio, è caduta a terra ed è svenuta per alcuni secondi”. Questo è quanto accaduto mercoledì 4 ottobre 2017 nell'istituto Alberghiero di Monserrato, nell'hinterland di Cagliari. Abbiamo chiesto al Dirigente Scolastico dell’Istituto Comprensivo Madre Teresa di Calcutta di Valmontone, Antonietta Fusillo, un’opinione in merito alla suddetta notizia di cronaca e, inoltre, nell’istituto di M.T.di Calcutta di Valmontone come viene gestito l’utilizzo del cellulare?

“Nel nostro istituto le linee guida e le indicazioni ministeriali sono state traslate, come da molti altri colleghi Dirigenti, direttamente nel regolamento d’istituto. Pertanto l’uso del cellulare non è consentito. Questa è la norma da cui non si può prescindere. E’ evidente che insieme a questa abbiamo fatto, e continuiamo a fare da anni, un lavoro di sensibilizzazione degli alunni e delle famiglie alla problematica. Come per tanti regolamenti e leggi, se si prescinde dalla comprensione delle motivazioni e dal suo significato, le battaglie per la loro  applicazione diventano epocali. Ecco pertanto che, più e più volte, abbiamo ragionato con gli alunni e con le famiglie sul senso educativo di questa norma e pertanto la proibizione si sta lentamente
trasformando in  ‘consapevolezza’”.

La Dirigente Fusillo ha aggiunto: “Quando capita, perché non siamo fuori dal mondo, l’alunna/o consegna il telefono all’insegnante che a sua volta convoca il genitore per la riconsegna, congiuntamente al Dirigente scolastico, segnalando l’infrazione e ragionando insieme ai diversi soggetti sulle motivazioni. Questo nel corso degli anni ha portato a ottimi risultati e pertanto è ormai tradizione del nostro istituto anche in tutte le uscite scolastiche, anche di più giorni, il cellulare venga consegnato solo per 30 minuti al termine della giornata, per garantire il contatto con la famiglia, e per il resto rimane depositato nei luoghi di soggiorno. Le famiglie pian piano  sono  state ‘educate’ a questa disciplina e tante ansie trasmesse ai figli, spesso proprio dai genitori, sono venute meno. A onor del vero bisogna dire che, più di qualche volta, per questo abbiamo ricevuto l'apprezzamento delle famiglie, memori di una infanzia senza tecnologie, che hanno visto tornare a valorizzare i rapporti di scambio verbale tra i ragazzi e le ragazze non mediati dall’uso dello strumento”.

Antonietta Fusillo conclude: “In tutto ciò non perdiamo di vista però la realtà attuale e il consapevole uso delle tecnologie. Questo è stato più volte valorizzato con progetti che addirittura hanno previsto proprio l’uso dello smartphone per l’assunzione di competenze digitali (come da competenze chiave). Frequenti i lavori come produzione di video e utilizzazione di applicazioni nonché elaborazione di videoclip. Questo naturalmente anticipando consapevolmente, quelle che spesso appaiono come innovazioni o ‘scoperte’ generiche dal mondo dell’informazione o ministeriale. Per concludere crediamo che la scuola da sola non sia in grado di stravolgere le abitudini e le necessità di status symbol o simili ma in accordo con le altre agenzie educative può almeno stimolare alla riflessione. Consapevoli che non è certo una ‘ricetta’ originale le nostre parole d'ordine sono ‘consapevolezza e condivisione delle regole’ unica chance per applicarle”.

Rimprovera studente per l'uso del cellulare, picchiata la docente


ARTICOLI CORRELATI
Ritrovate alcune taniche vuote: quasi certa la matrice dolosa. Sul posto anche il sindaco Montino
Le società devono saper offrire ai ragazzi qualcosa di importante, non soltanto il sogno di poter arrivare un giorno a essere un campione e a guadagnare tanti soldi
"Ma basta essere fratello (Jeremias) o sorella (Cecilia) di Belen Rodriguez per essere considerati dei vip? Per me no"
I PIU' LETTI IN OPINIONI I PIU' LETTI DELLA SETTIMANA I PIU' LETTI
1
Lo spettacolo offerto dai Pooh ieri sera resterà nella memoria di chi l'ha visto come il concerto italiano più grande mai organizzato negli ultimi anni
2
ANALFABETI DIGITALI La vita vista da Google map
Non si vive di solo Facebook, Twitter o Instagram. Esistono molti mondi diversamente social in Rete, e uno dei più interessanti è Google maps
3
Sapete qual è il problema? Che alle Province hanno lasciato la proprietà ma hanno ridotto al lumicino risorse umane e finanziarie
4
"Gli uomini mi vedono solo come un oggetto. Noi donne abbiamo una grande fortuna che si chiama menopausa. Gli uomini sono misogini" dice la Parietti
5
Gigi Proietti: "Dai politici vorrei sapere che paese vogliono
1
I negozi d’Italia possono essere aperti a qualsiasi ora del giorno e anche nei festivi, senza vincoli né obblighi di chiusura domenicali o infrasettimanali
1
In questi giorni si sta diffondendo su Whatsapp un comunicato, divenuto virale, con un lungo elenco di nuovi autovelox
2
La cultura, se patrimonio condiviso, è elemento di identità e coesione sociale, oltre a costituire il vero valore aggiunto
3
Il giovane falciato nelle prime ore del mattino da un'auto, il cui conducente si è fermato a prestare soccorso. Un'intera comunità è sotto shock
4
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
5
Lo ha detto l'avvocato del marinaio accusato dello stupro a Radio Cusano Campus: "Ha cambiato versione troppe volte"
Il Quotidiano del Lazio è un marchio di Vergovich Comunicazione Srls.
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°8/13 del 17/05/2013

Direttore: Francesco Vergovich
P.iva n° 12555091003
info@ilquotidianodellazio.it

[ versione mobile ]
EDitt | Web Agency