Domenica 21 Luglio 2019 ore 17:57
UN SEMPLICE MOMENTO DI PASSIONE
Ragazzo di 17 anni muore per un ictus causato da un banale “succhiotto"
Morire di ictus a 17 anni per un succhiotto sul collo regalatogli dalla sua fidanzata poche ora prima del decesso

Un semplice e quasi innocente momento di gioco, di passione. Un gesto naturale, tra giovani innamorati, che purtroppo è diventato fatale. Questo è quanto è successo a un ragazzo messicano di soli 17 anni, Julio Gonzalez Macias, che era a tavola con i suoi familiari quando ha iniziato a sentirsi male e ad avere le convulsioni. I soccorsi, prontamente allertati, sono giunti presto sul posto e hanno trasportato in fretta il paziente presso l’ospedale più vicino, ma non c’è stato niente da fare, purtroppo: Julio è deceduto poco dopo.

Ma cosa è successo? Com’è possibile una morte di questo tipo? C’erano state delle avvisaglie? Trattasi di morte cardiaca improvvisa? L’adolescente soffriva di una qualche patologia? Sembra proprio di no. Julio era giovane, forte e in salute. L’unica cosa “strana” che è balzata subito all’occhio attento dei sanitari era un vistoso succhiotto sul collo, segno di un pomeriggio piuttosto caldo. Secondo quanto riportato dal Daily Mail, sarebbe stato proprio quel succhiotto a uccidere il povero Julio: avrebbe infatti creato una lesione a un importante vaso del collo e la successiva formazione di una bomba a orologeria: un coagulo. La cui “partenza” verso il cervello dello sfortunato ragazzo, non gli ha lasciato alcuno scampo, generando un ictus di proporzioni micidiali.

La sua fidanzata 24enne, con cui il ragazzo aveva trascorso il suo tempo fino a qualche ora prima del suo decesso, terrorizzata all’idea di essere accusata di omicidio dalla famiglia Gonzalez che la ritiene direttamente responsabile, è scappata di casa ed è al momento irreperibile. Episodi come questo non sono così isolati: già nel 2011 una donna 44enne neozelandese, in seguito ad un episodio analogo, era infatti rimasta parzialmente paralizzata in seguito ad un’altra ischemia cerebrale.


ARTICOLI CORRELATI
Poco prima il ragazzo aveva scritto un messaggio alla madre in cui palesava l'intenzione di farla finita
I PIU' LETTI IN CRONACA I PIU' LETTI DELLA SETTIMANA I PIU' LETTI
1
In questi giorni si sta diffondendo su Whatsapp un comunicato, divenuto virale, con un lungo elenco di nuovi autovelox
2
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
3
Il giovane falciato nelle prime ore del mattino da un'auto, il cui conducente si è fermato a prestare soccorso. Un'intera comunità è sotto shock
4
Tre casi registrati tra Montesacro e il quartiere africano. Fatti che passano in secondo piano rispetto alle altre storie di cronaca nera
5
Lo ha detto l'avvocato del marinaio accusato dello stupro a Radio Cusano Campus: "Ha cambiato versione troppe volte"
1
Nonostante i divieti e i servizi offerti dagli stabilimenti balneari, resiste il pranzo al sacco in spiaggia...
1
In questi giorni si sta diffondendo su Whatsapp un comunicato, divenuto virale, con un lungo elenco di nuovi autovelox
2
La cultura, se patrimonio condiviso, è elemento di identità e coesione sociale, oltre a costituire il vero valore aggiunto
3
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
4
Il giovane falciato nelle prime ore del mattino da un'auto, il cui conducente si è fermato a prestare soccorso. Un'intera comunità è sotto shock
5
"Restituiamo finalmente un futuro a 6 milioni e mezzo di persone che fino ad oggi hanno vissuto in condizione di povertà"
Il Quotidiano del Lazio.it è un marchio di Associazione Culturale "Un Giorno Speciale".
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°8/13 del 17/05/2013

Direttore: Francesco Vergovich
P.IVA e C.F. 09678001000
info@ilquotidianodellazio.it

[ versione mobile ]