Giovedì 23 Novembre 2017 ore 14:13
GIUSTIZIA
Roma. Vigili del Fuoco, Idonei concorso 2008 manifestano a Montecitorio
La manifestazione di domani vuole richiamare l’attenzione su chi è in attesa di un’assunzione che, di fatto, gli spetta, ma non solo

Riceviamo e pubblichiamo:

Domani si riuniranno a Roma davanti a palazzo Montecitorio centinaia di pompieri per chiedere giustizia contro un sistema dove sembra essere decisamente assente la meritocrazia.

Il corpo dei pompieri, da sempre a servizio e tutela della società civile, a prescindere da qualsiasi corrente politica, economica o culturale, chiede oggi l’appoggio e il sostegno di noi cittadini per manifestare per i propri diritti. Ma cosa chiederanno i pompieri con la manifestazione di domani a Montecitorio e perché hanno bisogno di noi?

Il punto di partenza sembra essere un vecchio concorso pubblico che risale al lontano 2008, il quale prevedeva l’introduzione di ben 814 posti da vigile del fuoco. Su 140 mila persone che vi parteciparono, gli idonei furono circa 6-7 mila, di cui 2700 ammessi operativi.

Prima del concorso pubblico – nel 2007 - , però, venne indetto un concorso interno al corpo dei vigili del fuoco, il così chiamato ‘stabilizzazione’, cui però potevano partecipare solo i discontinui dell’epoca. A suo seguito, ben 6000 vigili del fuco – dal 2007 a oggi -  sono stati tutti inseriti, senza però dover passare – in sostanza – un vero e proprio concorso.

Dai due concorsi, quindi, ne è emersa una lampante disuguaglianza in termini di assunzioni. Infatti, nonostante chi avesse partecipato al concorso pubblico del 2008 possieda un maggior diritto di assunzione rispetto a chi si presentò alla ‘stabilizzazione’ , sembra che ad essere integrati nel servizio siano stati solo gli interni.

Il Governo Monti, come noi tutti ricordiamo, ha bloccato le assunzioni per ben due anni, e gli idonei del concorso pubblico del 2008, cui era stata promessa una futura assunzione nel corpo dei vigili del fuco, sono rimasti, e rimangono tutt’oggi, in attesa di un posto di lavoro che, in realtà, gli spetta.

La manifestazione di domani, non solo vuole richiamare l’attenzione su chi è in attesa di un’assunzione che, di fatto, gli spetta, ma riconosce come cardine di protesta l’incomprensine relativa a un nuovo concorso indetto da un anno a questa parte e che sarà pronto nel 2019. Così facendo, i 3000 idonei del ‘famoso’concorso 2008 - in attesa da ben 9 anni di un’assunzione - verranno di nuovo surclassati dai nuovi ammessi previsti per il 2019.

E’ interessante, a questo punto, considerare che, non solo i 6000 discontinui del 2007 - anche se abbienti meno diritto di ammissione rispetto agli idonei del pubblico - sono già tutti in servizio, ma i 23 milioni di euro stanziati nel 2017 per le assunzioni relative al concorso pubblico del 2008 - accompagnati da floreali promesse di assunzione - ad oggi si sono ridotti di oltre il 69%, arrivando quindi a un budget di 16 milioni.

Pertanto, il nuovo concorso previsto per il 2019 e il taglio del budget per le assunzioni rischiano di tagliare fuori, di nuovo, chi ha raggiunto l’idoneità nel 2008 e che è ancora in attesa.

A questo aspetto se ne aggiunge un secondo davvero importante in termini di funzionalità dello stesso corpo dei vigili del fuoco. Quest’ultimo, infatti, conta su di un personale operativo la cui età è davvero avanzata - basta pensare che con la stabilizzazione è entrato a far parte del corpo del personale di età superiore ai 40 anni -, e le emergenze verificatesi nello stesso litorale laziale dallo scorso inverno ad oggi - incendi, tornadi, terremoti e via dicendo - indicano una necessità sempre più imponente per lo stesso VVF: Incremento del personale e integrazione del personale più giovane.

Lo scarso numero di personale disponibile, ad oggi, costringe alcuni vigili del fuoco a un’operatività pari a turni lavorativi improponibili, addirittura 24 ore di servizio no - stop.

A questo punto emergono delle domande:

Perché gli idonei del 2008 sono ancora in attesa di un’assunzione che spetta loro di diritto e che era stata loro promessa?

Perché i fondi destinati alle assunzioni di personale nel corpo del VVF sono diminuiti da 23 milioni a soli 16 milioni?

Perché è stato indetto un nuovo concorso per il 2019, quando ci sono ancora 3000 idonei al concorso vigili del fuoco pronti e in attesa di un’assunzione da ben 9 anni?


ARTICOLI CORRELATI
Giovedì 10 luglio, manifestazione dei segretari comunali e provinciali, intervengono la De Girolamo e D'Amelio
Il PAE (Partito Animalista Europeo) in collaborazione con il Nucleo Operativo Italiano Tutela Animali (NOITA) ha organizzato, nei giorni scorsi, una manifestazione nazionale di protesta
Protesta per fermare il trattato di libero scambio con il Canada
I PIU' LETTI IN CRONACA I PIU' LETTI DELLA SETTIMANA I PIU' LETTI
1
In questi giorni si sta diffondendo su Whatsapp un comunicato, divenuto virale, con un lungo elenco di nuovi autovelox
2
Il giovane falciato nelle prime ore del mattino da un'auto, il cui conducente si è fermato a prestare soccorso. Un'intera comunità è sotto shock
3
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
4
Lo ha detto l'avvocato del marinaio accusato dello stupro a Radio Cusano Campus: "Ha cambiato versione troppe volte"
5
Tre casi registrati tra Montesacro e il quartiere africano. Fatti che passano in secondo piano rispetto alle altre storie di cronaca nera
1
Oggi, lunedì 20 novembre, i funerali alla presenza dei vertici dei Carabinieri che lo hanno ricordato con commozione nella Virgo Fidelis Abruzzo e Molise
2
Sul posto sono intervenuti i Vigili del Fuoco della sede di Gaeta, con l’ausilio dell’autobotte, l’intervento è terminato alle 6:00
3
Ognuno fa il suo gioco e l’unico valore è il successo, il sesso, la pista del denaro...
4
Tutto è così incredibilmente interessante e magico
5
Squadra Mobile arresta fuggitivo riconducibile al clan Lo Russo
1
In questi giorni si sta diffondendo su Whatsapp un comunicato, divenuto virale, con un lungo elenco di nuovi autovelox
2
La cultura, se patrimonio condiviso, è elemento di identità e coesione sociale, oltre a costituire il vero valore aggiunto
3
Il giovane falciato nelle prime ore del mattino da un'auto, il cui conducente si è fermato a prestare soccorso. Un'intera comunità è sotto shock
4
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
5
Lo ha detto l'avvocato del marinaio accusato dello stupro a Radio Cusano Campus: "Ha cambiato versione troppe volte"
Il Quotidiano del Lazio è un marchio di Vergovich Comunicazione Srls.
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°8/13 del 17/05/2013

Direttore: Francesco Vergovich
P.iva n° 12555091003
info@ilquotidianodellazio.it

[ versione mobile ]
EDitt | Web Agency