Affile Agosta Albano Laziale Allumiere Anguillara Sabazia Anticoli Corrado
Anzio Arcinazzo Romano Ardea Ariccia Arsoli Artena
Bellegra Bracciano Camerata Nuova Campagnano di Roma Canale Monterano Canterano
Capena Capranica Prenestina Carpineto Romano Casape Castel Gandolfo Castel Madama
Castel San Pietro Romano Castelnuovo di Porto Cave Cerreto Laziale Cervara di Roma Cerveteri
Ciampino Ciciliano Cineto Romano Civitavecchia Civitella San Paolo Colleferro
Colonna Fiano Romano Filacciano Fiumicino Fonte Nuova Formello
Frascati Gallicano nel Lazio Gavignano Genazzano Genzano di Roma Gerano
Gorga Grottaferrata Guidonia Montecelio Jenne Labico Ladispoli
Lanuvio Lariano Licenza Magliano Romano Mandela Manziana
Marano Equo Marcellina Marino Mazzano Romano Mentana Monte Compatri
Monte Porzio Catone Monteflavio Montelanico Montelibretti Monterotondo Montorio Romano
Moricone Morlupo Nazzano Nemi Nerola Nettuno
Olevano Romano Palestrina Palombara Sabina Percile Pisoniano Poli
Pomezia Ponzano Romano Riano Rignano Flaminio Riofreddo Rocca Canterano
Rocca di Cave Rocca di Papa Rocca Priora Rocca Santo Stefano Roccagiovine Roiate
Roma Roviano Sacrofano Sambuci San Cesareo San Gregorio da Sassola
San Polo dei Cavalieri San Vito Romano Sant'Angelo Romano Sant'Oreste Santa Marinella Saracinesco
Segni Subiaco Tivoli Tolfa Torrita Tiberina Trevignano Romano
Vallepietra Vallinfreda Valmontone Velletri Vicovaro Vivaro Romano
Zagarolo
Venerdì 20 Settembre 2019 ore 20:19
Nulla la cartella di pagamento con posta certificata se è in formato pdf
Se la cartella allegata alla Pec è in formato ‘pdf’, la notifica non può ritenersi valida

Prosegue il filone di giudici secondo cui le cartelle di pagamento notificate tramite Pec da “Agenzia Entrate Riscossione” sono illegittime e vanno annullate nel momento in cui contengono, come allegato, un file con formato ‘pdf’ e non ‘p7m’. Solo quest’ultimo infatti garantisce l’originale della cartella. A confermare questo indirizzo è la commissione Tributaria Provinciale di Salerno. Come noto, la legge consente la notifica delle cartelle esattoriali con la posta elettronica certificata (Pec) nei confronti dei contribuenti tenuti a dotarsi di questo particolare sistema di e-mail (professionisti, imprenditori, società). La normativa però non ha specificato in che formato dovesse essere l’allegato, il file cioè contenente la riproduzione della cartella di pagamento. Così, da subito, alcuni giudici hanno ritenuto che, essendo il pdf una mera riproduzione dell’originale cartaceo, lo stesso non possa garantire la genuinità del documento e quindi la sua conformità. Esso si pone al pari di una fotocopia e, in quanto tale, non è valido. Ciò però vale solo quando tale allegato è in formato ‘pdf’, non invece quando è in formato ‘p7m’, equivalente del primo, ma con la differenza che contiene la firma digitale. 

Ricordiamo che il file con estensione ‘p7m’ è un file firmato digitalmente. Per poterlo aprire è necessario che il contribuente, destinatario dell’atto, abbia installato sul proprio computer un particolare software che consente di visualizzare e leggere il file in questione, verificandone firma e autenticità del nome del mittente. È proprio su questo punto che si sofferma la Ctp: al contrario del ‘pdf’, che può essere aperto e visualizzato da qualsiasi computer, ma nello stesso tempo non consente di avere la certezza di chi ha creato il file e dell’identità dello stesso, il formato ‘p7m’ garantisce l’integrità e l’immodificabilità del documento informatico rispetto all’originale ma anche, per quanto attiene la firma digitale, l’identificabilità del suo autore e conseguentemente la paternità dell’atto.

Dunque, se nella fotocopia della cartella di pagamento allegata alla Pec non appare alcuna attestazione di conformità nei modi previsti dalla legge, si deve affermare che il ricorrente ha ricevuto solo una copia informale dell’originale della cartella di pagamento, al pari di una volgare fotocopia. Solo la firma digitale della Pec può garantire l’attestazione di conformità; ne consegue che solo il file in formato ‘p7m’ salva l’atto dalla dichiarazione di nullità. Le stesse conclusioni sono state condivise anche dalla Ctp di Salerno citata in apertura. Secondo i giudici campani, il documento informatico allegato alla posta elettronica certificata deve necessariamente essere dotato di firma digitale, per garantire l’identificabilità dell’autore, l’integrità e l’immodificabilità del file, come previsto dal codice dell’amministrazione digitale. Il formato ‘pdf’, invece, non consente di rispettare detti parametri, mentre “la cartella di pagamento deve essere prodotta da un documento informatico allegato alla pec sottoscritto digitalmente, e cioè avere un’estensione del file in .p7m”.

In definitiva, se la cartella allegata alla Pec è in formato ‘pdf’, la notifica non può ritenersi valida. Con la conseguenza che il contribuente può impugnare la notifica e vedersi annullare ogni richiesta di pagamento. 

Avvocato Lara Caschera
 


ARTICOLI CORRELATI
Lo ha detto l'avvocato del marinaio accusato dello stupro a Radio Cusano Campus: "Ha cambiato versione troppe volte"
Attenzione perché non si può più denunciare per offese e insulti ricevuti. L'ingiuria non costituisce più reato
Chi lascia il proprio genitore da solo, se in condizioni di grave incapacità fisica o mentale, risponde del reato di abbandono di persone incapaci. Sarà punito con la reclusione
I PIU' LETTI IN RUBRICHE
GIORNO SETTIMANA MESE
Data di pubblicazione: 2019-09-15 10:21:13
2
di Il capocordata
Data di pubblicazione: 2019-09-15 10:42:24
3
Approfitto di questo mio spazio, per mollare un attimo, dedicarmi alle mie riflessioni di donna, staccare...
Data di pubblicazione: 2019-09-18 22:02:00
4
Anci Lazio, in collaborazione con la Regione Lazio, ha organizzato un seminario formativo rivolto a 40 amministratori del Lazio
Data di pubblicazione: 2019-09-19 19:51:04
1
La Comunità di Sant'Egidio, movimento laicale ispirato al cattolicesimo, si preoccupa di diffondere la parola del vangelo e si dedica alla preghiera
Data di pubblicazione: 2019-09-09 18:20:50Data di pubblicazione: 2019-09-07 18:24:13
3
di Il capocordata
Data di pubblicazione: 2019-09-01 11:25:02Data di pubblicazione: 2019-09-15 10:21:13
5
Saper parlare almeno una lingua straniera al giorno d’oggi è molto importante, soprattutto per aspirare a ruoli di maggiore spicco nel mondo del lavoro
Data di pubblicazione: 2019-09-02 16:04:24
Il Quotidiano del Lazio.it è un marchio di Associazione Culturale "Un Giorno Speciale".
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°8/13 del 17/05/2013

Direttore: Francesco Vergovich
P.IVA e C.F. 09678001000
info@ilquotidianodellazio.it

[ versione mobile ]