Sabato 20 Ottobre 2018 ore 03:02
DECISIONE POSITIVA
Facebook, svolta fiscale: dal 2018 pagherà le tasse anche in Italia
La piattaforma di Zuckerberg contabilizzerà gli incassi ottenuti con il supporto dei team locali nel Paese in cui questi sono stati realizzati e non più a Dublino

Dal 2018 Facebook contabilizzerà gli incassi ottenuti con il supporto dei team locali nel Paese in cui questi sono stati realizzati e non più a Dublino, come ha fatto finora. Una svolta promessa nella trasparenza sul pagamento delle imposte. La piattaforma di Zuckerberg passa quindi a una “struttura di vendita locale” nei Paesi in cui è presente un ufficio che fornisce supporto alle vendite nei confronti degli inserzionisti. Di conseguenza, verranno pagate localmente le tasse relative a quei ricavi. Così, anche quanto fatturato in Italia sarà soggetto al fisco italiano. Questa decisione porterà nelle casse dei 30 Paesi in cui il colosso di Menlo Park ha un ufficio milioni di imposte che fino a oggi venivano fatturate in Irlanda.

Il nuovo regime fiscale entrerà in vigore già dai primi mesi del 2018 e sarà completato entro la prima metà del 2019. Il cambiamento globale quindi riguarderà anche l’Italia, dove, a quanto si apprende, inizierà già nella prima metà dell’anno prossimo. “Riteniamo che il passaggio a una struttura di vendita locale fornirà maggiore trasparenza ai Governi e ai policy maker di tutto il mondo che hanno chiesto una maggiore visibilità sui ricavi associati alle vendite che vengono supportate localmente nei rispettivi paesi”, ha dichiarato Dave Wehner, direttore finanziario di Facebook. “Ogni Paese è unico e vogliamo essere sicuri di realizzare questo cambiamento in modo corretto – ha spiegato Wehner – Si tratta di un grande impegno, che richiederà risorse significative per poter essere attuato in tutto il mondo. Introdurremo, il più rapidamente possibile, nuovi sistemi e modalità di fatturazione per garantire una transizione agevole alla nostra nuova struttura”.

La notizia è apparsa nella newsroom di Facebook a pochi giorni di distanza dall’annuncio dell'accordo siglato tra l'Irlanda e Apple per avviare il pagamento dei 13 miliardi di dollari di tasse non versate come richiesto dall'UE, segno che la crescente pressione internazionale per regolarizzare le imposte fiscali dei colossi del web sta avendo degli effetti. Il nuovo corso richiederà un’analisi delle leggi locali di ogni Paese interessato. Facebook aveva fatto un cambiamento simile anche nel Regno Unito e in Australia, dove già contabilizza localmente i ricavi realizzati con il supporto dei team locali. Secondo fonti del Tesoro la decisione “è molto positiva”, “si tratta di un cambiamento importante che va nella direzione giusta: assicurare che i redditi siano dichiarati e tassati dove vengono prodotti. Siamo convinti – proseguono le fonti del ministero dell’Economia – che la decisione sia stata influenzata dagli sforzi compiuti in sede internazionale per porre fine ai fenomeni di elusione fiscale”. (fonte il Fatto Quotidiano)


ARTICOLI CORRELATI
"Restituiamo finalmente un futuro a 6 milioni e mezzo di persone che fino ad oggi hanno vissuto in condizione di povertà"
Si dovrà indicare in sede di dichiarazione dei redditi il possesso di una Tv. L'imposta sarà proporzionata al reddito
Secondo l'economista le aziende italiane sono soffocate dal cambio dell'euro. Stoccata a Renzi:"Solo chiacchiere"
I PIU' LETTI IN ECONOMIA I PIU' LETTI DELLA SETTIMANA I PIU' LETTI
1
In Italia c’è ovunque un fritto di tutto rispetto: vi parleremo del fritto piemontese, bolognese, romano e napoletano
2
La locandina di Apicio è la rubrica di food economia di Domenico di Catania, consulente economista e chef
3
La locandina di Apicio è la rubrica di food economia di Domenico di Catania, consulente economista e chef
4
La locandina di Apicio è la rubrica di food economia di Domenico di Catania, consulente economista e chef
5
Chiara Moro: "Non è un fatto così eccezionale. Mio padre già nel 2012 aveva deciso di pagare l’IMU ai dipendenti"
1
Si ricomincia a parlare del terzo scalo aeroportuale del Lazio, dopo Fiumicino e Ciampino, e subito infuriano le polemiche
2
Il 2018 volge ormai al termine, ma sono ancora molti gli appuntamenti in programma nella Capitale presso la Fiera Roma
3
Per comprendere cos'è il facility management, per chi non è del settore, è necessario partire dalla nozione di core business
4
Visita allo stabilimento in provincia di Frosinone: "Una realtà della chimica verde di livello mondiale, che parla di bioeconomia e di un nuovo modello di sviluppo sostenibile"
1
In questi giorni si sta diffondendo su Whatsapp un comunicato, divenuto virale, con un lungo elenco di nuovi autovelox
2
La cultura, se patrimonio condiviso, è elemento di identità e coesione sociale, oltre a costituire il vero valore aggiunto
3
Il giovane falciato nelle prime ore del mattino da un'auto, il cui conducente si è fermato a prestare soccorso. Un'intera comunità è sotto shock
4
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
5
"Restituiamo finalmente un futuro a 6 milioni e mezzo di persone che fino ad oggi hanno vissuto in condizione di povertà"
Il Quotidiano del Lazio è un marchio di Vergovich Comunicazione Srls.
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°8/13 del 17/05/2013

Direttore: Francesco Vergovich
P.iva n° 12555091003
info@ilquotidianodellazio.it

[ versione mobile ]
EDitt | Web Agency