Lunedì 22 Aprile 2019 ore 00:58
SEVERO MONITO
Mangia ostriche crude, donna divorata dal batterio mangia - carne
Si è sentita male dopo aver mangiato frutti di mare in spiaggia in vacanza sulle coste della Louisiana. Dopo pochi giorni è morta di setticemia

In campo medico si chiama fascite necrotizzante. Ma è noto anche come "batterio mangiacarne". A restarne uccisa è una donna del Texas dopo avere mangiato ostriche crude. Come riporta il tabloid Daily News, Jeanette LeBlanc e suo marito Vicki Bergquist a settembre 2017, erano in vacanza con amici e la famiglia sulla costa della Louisiana dove hanno anche acquistato un sacco di ostriche crude in un mercato di Westwego. I due ne hanno mangiato circa due dozzine e Jeanette ha iniziato a sentirsi male 36 ore più tardi.

Un malore, accusato dopo aver mangiato dei frutti di mare e che si è trasformato in tragedia. Il marito ha riferito che la moglie ha iniziato ad avere problemi respiratori e ha sviluppato un'eruzione sui suoi piedi. La convinzione era che la donna avesse una reazione allergica. L'improvviso mal di pancia accusato subito dopo sembrava il sintomo di una banale gastroenterite, ma si è rivelato solo l'inizio di un'infezione che lo ha portata alla morte.

Nel giro di pochi giorni, però, le sue condizioni sono diventate gravissime e Jeanette LeBlanc è stata ricoverata in terapia intensiva. Intere porzioni della sua pelle e della carne sottostante si stavano consumando, come "divorate" da qualcosa. I medici, dopo alcuni prelievi di tessuto, sono arrivati a diagnosticargli la fascite necrotizzante.

Per i 21 giorni successivi, ha combattuto per la sua vita. Jeanette, 55 anni, non è stata in grado di riprendersi ed è deceduta il 15 ottobre 2017. La fascite necrotizzante  una patologia frutto di altri batteri comuni come lo streptococco e compare di solito in seguito a una lesione dei tessuti cutanei, anche di scarsa entità. In realtà, i batteri non mangiano la carne della vittima, ma producono delle tossine che corrodono i tessuti cutanei e sottocutanei.

Questo caso trasformatosi in tragedia, commenta Giovanni D'Agata, presidente dello "Sportello dei Diritti", è il severo monito che le ostriche (e probabilmente anche gli altri molluschi marini), per evitare questa minaccia invisibile e generalmente inaspettata, non andrebbero mai consumate crude anche se questo comportamento stride con molte abitudini e tradizioni culinarie.

 


ARTICOLI CORRELATI
Alcuni tipi di plastica, a contatto con il calore, possono rilasciare particelle che vanno a contaminare il cibo
E' 40 volte più forte dell'eroina e 100 volte più potente della morfina, facilmente acquistabile sul dark web
L'incidente mostra quanto possano essere pericolosi i dispositivi elettronici nel bagno
I PIU' LETTI IN CRONACA I PIU' LETTI DELLA SETTIMANA I PIU' LETTI
1
In questi giorni si sta diffondendo su Whatsapp un comunicato, divenuto virale, con un lungo elenco di nuovi autovelox
2
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
3
Il giovane falciato nelle prime ore del mattino da un'auto, il cui conducente si è fermato a prestare soccorso. Un'intera comunità è sotto shock
4
Tre casi registrati tra Montesacro e il quartiere africano. Fatti che passano in secondo piano rispetto alle altre storie di cronaca nera
5
Lo ha detto l'avvocato del marinaio accusato dello stupro a Radio Cusano Campus: "Ha cambiato versione troppe volte"
1
Una Smart, guidata da una ragazza di Artena, per cause ancora da chiarire, si è scontrata frontalmente con una motocicletta
2
Lavorino: "16 anni fa per l'omicidio di Serena Mollicone il carrozziere Carmine Belli fece 18 mesi di ingiusta carcerazione"
3
Il Centro Funzionale Regionale ha emesso un bollettino con fase operativa di attenzione per vento su tutte le zone di allerta del Lazio
4
Si teme che possa essersi gettato nelle acque del lago, in una zona dove già in passato sono avvenuti suicidi
1
In questi giorni si sta diffondendo su Whatsapp un comunicato, divenuto virale, con un lungo elenco di nuovi autovelox
2
La cultura, se patrimonio condiviso, è elemento di identità e coesione sociale, oltre a costituire il vero valore aggiunto
3
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
4
Il giovane falciato nelle prime ore del mattino da un'auto, il cui conducente si è fermato a prestare soccorso. Un'intera comunità è sotto shock
5
"Restituiamo finalmente un futuro a 6 milioni e mezzo di persone che fino ad oggi hanno vissuto in condizione di povertà"
Il Quotidiano del Lazio è un marchio di Vergovich Comunicazione Srls.
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°8/13 del 17/05/2013

Direttore: Francesco Vergovich
P.iva n° 12555091003
info@ilquotidianodellazio.it

[ versione mobile ]