Giovedì 15 Novembre 2018 ore 22:47
FESTIVAL DELLA CANZONE ITALIANA
Sanremo 2018, il Festival di Claudio Baglioni con il 52,1% di share
Ci siamo è arrivato il Sanremo di Claudio Baglioni. Il divino Claudio da Montesacro, Roma

Ci siamo è arrivato il Sanremo di Claudio Baglioni. Il divino Claudio da Montesacro che da figlio unico nasce con l'idea di essere uno e trino questa sera è si accompagnato da Pierfrancesco Favino e la Hunziker ma in realtà tutti i riflettori sono su di lui . Si perché lui che si è definito dittatore artistico ha deciso tutto facendo pesare anche la laurea di architetto. E allora ha detto la sua anche sulla scenografia del teatro Ariston , la parte acustica del teatro e ha anche scritto la sigla. Una firma sul festival ben leggibile. Tutto bellissimo perché la Rai considera il festival della canzone italiana un appuntamento chiave di sponsor e audiens. Ma le canzoni? Ripeto, ma le canzoni ?

Forse a parte Mario Biondi e Annalisa che hanno delle melodie riconoscibili, il resto mi delude profondamente. Un cast scelto per lo più con il criterio dell’amicizia e del curriculum ma che fino ad ora offre un repertorio sofferto e stantio. Neanche a dire che i brani presentati siano scopiazzati, non hanno proprio i ritornelli. Cioè è sparito dalle canzoni il refrain che il muratore fischietta al cantiere, che l’autista dell’Atac a Roma ritrova in testa ad ogni fermata del suo autobus e che il vigile in mezzo alla piazza canta in mezzo al traffico. In un festival dove non ci sono canzoni in gara e tutto è politically correct, per dare una soffiata sulla benzina si prova ad emulare il famoso festival di Pippo Baudo, quando “Cavallo pazzo” tentò di buttarsi dalla galleria (sembra), sostituendo quel momento con l’innesto di un pover' uomo che stranamente, senza che nessuno si accorga di nulla, sale sul palco de Festival dei fiori e arriva fino a Fiorello, per dire alle telecamere qualcosa che nessuno ha capito.

Queste cose fatele fare a chi la televisione l’ha inventata e questo prendetelo come un consiglio d’amico. Vorrei chiarire che per me il musicista Baglioni è una specie di mito vivente e che mentre scrivo queste cose, una parte del mio cervello è inebriato dal fatto che il direttore artistico di Sanremo quest’anno sia il massimo che possa esprimere la musica italiana. Questo va detto perché non riconoscere cosa ha scritto questo artista sarebbe scorretto e in malafede. Ho soltanto paura che nonostante Baglioni, il festival sia schiavo dei suoi limiti che finiscono per schiacciare lo stesso Claudio nazionale che comincerà forse a capire cosa sia successo da domenica sera, quando i riflettori saranno spenti. Comunque vada, caro Claudio, io non ti abbandono anzi, te lo dico subito, se questo festival dovesse risultare un flop e non sembra proprio visti i risultati dopo la mia serata, ti difenderò, perché almeno ci hai provato. Hai tentato di metterci del tuo con l’impegno maniacale che ti contraddistingue, come quando per cambiare un accordo di una tua canzone ci impieghi due settimane. Perché il pubblico non va tradito, perché il pubblico va guidato e rispettato, anche quando le cose che si presentano dovessero risultare noiose. Come questa prima puntata del festival di Baglioni.


ARTICOLI CORRELATI
Oggi la conferma ufficiale che Claudio Baglioni sarà il direttore artistico del 68° Festival di Sanremo, e che sarà anche presente sul palco come presentatore “aggiunto”
Grande concerto di Giovanni Baglioni alle Terrazze Eur sotto gli occhi attenti di papà Claudio e Gianni Morandi
Giovanni Baglioni è uno dei nomi più interessanti e originali nel panorama della chitarra acustica solista contemporanea
I PIU' LETTI IN OPINIONI I PIU' LETTI DELLA SETTIMANA I PIU' LETTI
1
"Purtroppo, anche persone colte come Sgarbi, dimostrano di essere ignoranti a proposito della figura infermieristica"
2
Lo spettacolo offerto dai Pooh ieri sera resterà nella memoria di chi l'ha visto come il concerto italiano più grande mai organizzato negli ultimi anni
3
ANALFABETI DIGITALI La vita vista da Google map
Non si vive di solo Facebook, Twitter o Instagram. Esistono molti mondi diversamente social in Rete, e uno dei più interessanti è Google maps
4
A Tonnarella ci si può svegliare con calma, concedersi una granita al cioccolato con panna e brioche. Addio aranci, limoni e mandarini
5
Sapete qual è il problema? Che alle Province hanno lasciato la proprietà ma hanno ridotto al lumicino risorse umane e finanziarie
1
Se da un lato c’è chi ruba i dati per danneggiare le aziende e gli enti pubblici, dall’altro c’è chi si impossessa delle nostre personalità
2
Col pretesto della sicurezza si mira solo a fare cassa. Una situazione odiosa che non va più tollerata
3
Contrariamente al sentimento della rete, in Italia l'allarme sicurezza è quello della violenza sulle donne da parte di mariti e fidanzati
1
In questi giorni si sta diffondendo su Whatsapp un comunicato, divenuto virale, con un lungo elenco di nuovi autovelox
2
La cultura, se patrimonio condiviso, è elemento di identità e coesione sociale, oltre a costituire il vero valore aggiunto
3
Il giovane falciato nelle prime ore del mattino da un'auto, il cui conducente si è fermato a prestare soccorso. Un'intera comunità è sotto shock
4
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
5
"Restituiamo finalmente un futuro a 6 milioni e mezzo di persone che fino ad oggi hanno vissuto in condizione di povertà"
Il Quotidiano del Lazio è un marchio di Vergovich Comunicazione Srls.
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°8/13 del 17/05/2013

Direttore: Francesco Vergovich
P.iva n° 12555091003
info@ilquotidianodellazio.it

[ versione mobile ]
EDitt | Web Agency