Martedì 11 Dicembre 2018 ore 05:55
SALUTE PUBBLICA
Sciopero infermieri il 23 febbraio, prestazioni sanitarie a rischio
Gli infermieri scenderanno in piazza “per una battaglia di civiltà” come ha affermato Antonio De Palma

Da mezzanotte a mezzanotte. Il 23 febbraio, per ben 24 ore, sciopereranno gli infermieri e le altre figure del comparto sanità del Servizio Sanitario Nazionale. Lo faranno per dissentire verso le politiche di definanziamento del fondo sanitario nazionale e verso un rinnovo contrattuale, atteso da ben nove anni, che sa di presa in giro. E che sperava di cavarsela solo con un aumento medio di 85 euro (in cambio della deroga ai riposi, dell’assorbimento dello straordinario per i coordinatori, dell’aumento del lavoro supplementare per i part time, dell’aumento della quota individuale di straordinario per i tempo pieno, della negazione del diritto alla mensa per i turnisti, dello spostamento dei fondi dal salario fisso a quello variabile, della precarietà degli incarichi, della non esigibilità di diversi istituti contrattuali per il personale turnista, ecc). Gli infermieri scenderanno in piazza “per una battaglia di civiltà” come ha affermato Antonio De Palma, il presidente di Nursing Up (uno dei sindacati dei professionisti), durante una intervista a Nurse Times. 

Una battaglia che vuole ottenere “l’avanzamento di categoria da D a DS, i quattro giorni previsti per l’aggiornamento professionale, la possibilità di svolgere l’attività di libera professione anche ai dipendenti di aziende pubbliche”. Non sono soliti a mettere in atto forme di protesta di questo tipo, gli infermieri. Per tanti motivi. Di conseguenza, per i cittadini, i disagi potrebbero essere molti. Anche perché qualora non venissero ascoltati, i professionisti sanitari continuerebbero con la loro rimostranza, oramai sfiniti dall’attesa infinita di un contratto dignitoso e non più disposti a aspettare un riconoscimento sociale/economico che sembra non voler arrivare mai. E ciò nonostante le competenze (di fatto, da tanti anni, gli infermieri sono professionisti laureati e iscritti a un Albo), le responsabilità e i salti mortali per tappare i buchi di una sanità sempre più allo sbando. La protesta, appoggiata da diversi Ordini professionali di categoria e dalla presidente della Federazione Nazionale degli Ordini Professionali Barbara Mangiacavalli, avrà luogo in piazza Santi Apostoli a Roma.

Sgarbi alla radio: "Di Maio al massimo può fare l'infermiere"

Le foto di Filippo Gatti, infermiere “errante” in zone di guerra

Pronto soccorso, risolviamo il sovraffollamento con i medici di base


ARTICOLI CORRELATI
L'uomo, 33enne sposato con 3 figli, sarebbe caduto dagli scogli a causa di una congestione
Fingendo di avere delle amicizie piuttosto influenti, prometteva assunzioni stabili in cambio di denaro
Morsi e pugni per chiunque si fosse avvicinato, compresi gli infermieri e i Carabinieri della Stazione di Artena
I PIU' LETTI IN CRONACA I PIU' LETTI DELLA SETTIMANA I PIU' LETTI
1
In questi giorni si sta diffondendo su Whatsapp un comunicato, divenuto virale, con un lungo elenco di nuovi autovelox
2
Il giovane falciato nelle prime ore del mattino da un'auto, il cui conducente si è fermato a prestare soccorso. Un'intera comunità è sotto shock
3
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
4
Lo ha detto l'avvocato del marinaio accusato dello stupro a Radio Cusano Campus: "Ha cambiato versione troppe volte"
5
Tre casi registrati tra Montesacro e il quartiere africano. Fatti che passano in secondo piano rispetto alle altre storie di cronaca nera
1
La persona in difficoltà, data per dispersa, era uscita su un'imbarcazione
2
Dietro al mondo del trap e agli incidenti, come quello nella discoteca di Corinaldo, solo il vuoto dei valori e il gioco del profitto

3
Pochi sanno che da 15 anni a questa parte Laura raccoglie fondi per aiutare i bambini, i malati, gli indigenti del Kenya
4
Il sindaco Antonio Cicchetti: "Stefano Colasanti ha avuto il coraggio di rischiare la propria vita per salvarne altre”
1
In questi giorni si sta diffondendo su Whatsapp un comunicato, divenuto virale, con un lungo elenco di nuovi autovelox
2
La cultura, se patrimonio condiviso, è elemento di identità e coesione sociale, oltre a costituire il vero valore aggiunto
3
Il giovane falciato nelle prime ore del mattino da un'auto, il cui conducente si è fermato a prestare soccorso. Un'intera comunità è sotto shock
4
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
5
"Restituiamo finalmente un futuro a 6 milioni e mezzo di persone che fino ad oggi hanno vissuto in condizione di povertà"
Il Quotidiano del Lazio è un marchio di Vergovich Comunicazione Srls.
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°8/13 del 17/05/2013

Direttore: Francesco Vergovich
P.iva n° 12555091003
info@ilquotidianodellazio.it

[ versione mobile ]
EDitt | Web Agency