Sabato 23 Giugno 2018 ore 17:50
IL TERRITORIO FA SCAPPARE I GIOVANI
Giovani imprenditori agricoli di Colleferro costretti a lasciare
La storia che vogliamo raccontare oggi fa parte della storia del nostro territorio, con particolare riferimento all’agricoltura

Il territorio fa scappare i giovani? La storia che vogliamo raccontare oggi fa parte della storia del nostro territorio, con particolare riferimento all’agricoltura. Gerardo Nobili, 33 anni, nato e cresciuto a Colleferro in località IV KM da tre generazioni di agricoltori, ha sempre portato avanti con passione e devozione l’azienda di famiglia. Da qualche anno quell’azienda ha il suo stesso nome e all’interno ci hanno lavorato, dagli anni’60 i suoi nonni prima e suo padre poi. La mission dell’azienda è sempre stata quella dell’allevamento delle mucche da latte, degli ovini, con produzione di carne, latte e formaggi. Negli anni è stato realizzato anche una macelleria e un caseificio annessi all’azienda.

La situazione degli allevatori nella Valle del Sacco non è più rosea da decenni a questa parte, come è noto ai più. “Dalla prossima primavera mi trasferirò a Campagnatico in provincia di Grosseto – ci racconta Gerardo Nobili – sono stato costretto a investire altrove per continuare il mio sogno, quello di una grande azienda agricola con annesso uliveto e vigneto. A malincuore lascio la mia terra, la casa in cui sono nato e cresciuto, ma qui non avevo più la possibilità di lavorare”. Un trasferimento dovuto all’amore che questo giovane mette nel suo lavoro.

“Non vorrei fare nessun altro lavoro che quello dell’allevatore – prosegue, raccontandoci la sua avventura – ma da quando si è lasciato fare alle industrie il bello e il cattivo tempo, non c’è più spazio per l’agricoltura e siccome sono ancora giovane e ho i figli piccoli ho deciso di andare in luoghi dove le mie competenze e la mia passione per la terra e per gli animali sono un vanto e non una vergogna”. Il terreno dell’azienda di Gerardo Nobili si trova in via San Benedetto, in località IV km, al confine con i terreni Secosvim, sui quali insistono la Simmel Difesa, l’Avio e la Termica Colleferro. “Dal 2005 in poi, per via dei veleni riscontrati nelle acque del fiume Sacco – ci racconta il giovane – ai mercati contadini, ai quali partecipavo, nessuno acquistava i miei prodotti sapendo che arrivano da Colleferro. Eppure i miei terreni si trovano nella zona nord di Colleferro, non sulle rive del fiume, dopo 500 metri inizia il territorio di Artena. In quel periodo i controlli erano ancora più stringenti per tutti noi allevatori e i prodotti risultavano sicuri, ma questo non bastava a far cambiare idea all’opinione pubblica, ho visto così ordini negati da parte dei supermercati, addirittura mi è stato chiesto di cambiare sede legale per fare in modo che il nome di Colleferro non apparisse sui prodotti – il racconto accorato di Gerardo – le conseguenze sono state disastrose per noi allevatori che non eravamo coinvolti in questa vicenda, mentre chi è stato interessato dalla molecola di betaesaclorocicloesano è stato risarcito ed è potuto ripartire, e io? Io non coinvolto con il mio terreno e i miei animali, ho pagato solo le conseguenze. Non solo. Ultimamente è successa la stessa cosa, dopo il servizio andato in onda alle Iene, lo scorso dicembre, sempre sui veleni della Valle del Sacco, ho avuto decine di disdette per gli agnelli ordinati per Natale”.

Una storia che sembra lontana e ormai superata, ma pare che la situazione da allora in poi non è mai migliorata, anzi. “La Secosvim, nostra confinante e proprietaria per circa 1300 ettari di terreno – prosegue il giovano imprenditore agricolo – ha costruito a ridosso dei confini della mia proprietà un insediamento industriale (Simmel ndr) nel settore degli esplosivi, apportando un danno patrimoniale enorme, con svalutazione dell’azienda e decenni di sacrifici della mia famiglia buttati al vento, di fronte all’indifferenza di chi potava intervenire e non l’ha fatto. Se solo la Secosvim avesse messo a nostra disposizione i terreni per la pulizia avrebbe dato sicuramente a tutti noi un supporto, anziché distruggere foraggi che potevamo mettere a disposizione per la sopravvivenza dei nostri animali. Ora che me ne vado e devo vendere l’azienda, nessuno la vuole, per tutti i motivi che ho spiegato. Le responsabilità? Secondo me di una politica industriale che ha messo da parte il lavoro della terra, svalutando capitali di chi è venuto a investire nei primi anni del ‘900 su questo territorio. L’agricoltura ha ancora peso? Queste istanze le ho sempre sollevate sia alle amministrazioni comunali che si sono succedute, sia alle associazioni di categoria, ma la risposta è stata nulla e per questo vado via, non senza dispiacere, di lasciare qui le mie radici ”.


ARTICOLI CORRELATI
Il pupillo di Garcia avrebbe chiesto di essere messo sul mercato a causa del mancato adeguamento del contratto
Questi i dati resi noti da Legambiente e Ferrovie dello Stato. A Roma smog 350 volte oltre i limiti
Il provvedimento del ministro Galletti, è il primo del genere da quando nel 2006 è stato approvato il Codice ambientale
I PIU' LETTI IN CRONACA I PIU' LETTI DELLA SETTIMANA I PIU' LETTI
1
In questi giorni si sta diffondendo su Whatsapp un comunicato, divenuto virale, con un lungo elenco di nuovi autovelox
2
Il giovane falciato nelle prime ore del mattino da un'auto, il cui conducente si è fermato a prestare soccorso. Un'intera comunità è sotto shock
3
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
4
Lo ha detto l'avvocato del marinaio accusato dello stupro a Radio Cusano Campus: "Ha cambiato versione troppe volte"
5
Tre casi registrati tra Montesacro e il quartiere africano. Fatti che passano in secondo piano rispetto alle altre storie di cronaca nera
1
Raggiunto il bivio stradale, nell'indecisione l'uomo è finito contro lo spartitraffico ribaltandosi con la macchina
2
La vittima, un uomo di 33 anni è stata trovata morta all'interno di un appartamento in via della Tota 141
3
Il 53enne è stato colpito con un coltello da cucina e ha presentato profonde ferite alla regione ascellare sinistra
4
E' stato trasportato in ospedale il conducente del furgone su cui è finita la donna che si è lanciata dal cavalcavia sulla Cassia bis
5
L'incendio ha interessato un capannone adibito a produzione di derrate alimentari, confezionamento cibi per la ristorazione industriale
1
In questi giorni si sta diffondendo su Whatsapp un comunicato, divenuto virale, con un lungo elenco di nuovi autovelox
2
La cultura, se patrimonio condiviso, è elemento di identità e coesione sociale, oltre a costituire il vero valore aggiunto
3
Il giovane falciato nelle prime ore del mattino da un'auto, il cui conducente si è fermato a prestare soccorso. Un'intera comunità è sotto shock
4
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
5
"Purtroppo, anche persone colte come Sgarbi, dimostrano di essere ignoranti a proposito della figura infermieristica"
Il Quotidiano del Lazio è un marchio di Vergovich Comunicazione Srls.
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°8/13 del 17/05/2013

Direttore: Francesco Vergovich
P.iva n° 12555091003
info@ilquotidianodellazio.it

[ versione mobile ]
EDitt | Web Agency