Sabato 23 Giugno 2018 ore 17:46
#MAIPIUPIAZZASANCARLO
La Regione Lazio dice stop ai “buttafuori” irregolari
Mai più una piazza con oltre 40.000 persone, il doppio di quelle previste dalla legge. Il modello è una Piazza Navona a numero chiuso

#maipiupiazzaSanCarlo. Dopo la tragica serata del 3 giugno scorso, in cui perse la vita la 38enne Erika Pioletti e furono ferite oltre 1500 persone, questo è l'hashtag che sta accompagnando l'organizzazione di pubbliche manifestazioni a partire dalla circolare Gabrielli. Quella emanata dal Capo della Polizia lo scorso 7 giugno (non a caso a soli 4 giorni dalla tragedia di Torino), è infatti un provvedimento spartiacque nella gestione in sicurezza degli eventi.

Mai più una piazza con oltre 40.000 persone, il doppio di quelle previste dalla legge. Il modello del presente e del futuro è una Piazza Navona a numero chiuso con capienza massima consentita di 12.000 persone e opera di filtraggio ai varchi d'accesso (il cosiddetto pat-down). Piano già sperimentato con successo lo scorso natale, e che verrà replicato a fine anno. Si tratta di operatori di sicurezza sussidiaria, personale addestrato e autorizzato dalle prefetture.

Proprio su questa linea vuole proseguire la Regione Lazio che ha indetto un bando per la riqualificazione degli addetti alla sicurezza. Basta con buttafuori improvvisati e abusivi, tutti gli eventi dovranno essere gestiti da personale qualificato. Il bando è destinato a tutti gli inoccupati o disoccupati, residenti da almeno 6 mesi nella Regione Lazio, che abbiano superato il diciottesimo anno di età. Ad occuparsi di  tutti gli aspetti teorico-pratici, relativi al corretto svolgimento delle attività del corso, sarà la GIS; società che si è occupata, tra le altre, proprio delle attività di controllo, prevenzione e gestione dei flussi di pubblico durante le festività natalizie a Piazza Navona.

All'interno del sito http://www.gisroma.it/formazione è possibile scaricare le domande per partecipare al bando.


ARTICOLI CORRELATI
Girolamo Di Stolfo, noto come Big Jimmy, il celebre "buttafuori" di molti programmi televisivi, è morto oggi a 48 anni
4 buttafuori avevano precedenti penali, 2 con l'iscrizione della Prefettura scaduta, 1 con l'iscrizione revocata perché trovato in servizio con un manganello, 3 coinvolti in storie di droga
La vittima gestiva un Bed & Breakfast in zona San Giovanni. Sul corpo dell'uomo c'erano evidenti segni di colluttazione
I PIU' LETTI IN CRONACA I PIU' LETTI DELLA SETTIMANA I PIU' LETTI
1
In questi giorni si sta diffondendo su Whatsapp un comunicato, divenuto virale, con un lungo elenco di nuovi autovelox
2
Il giovane falciato nelle prime ore del mattino da un'auto, il cui conducente si è fermato a prestare soccorso. Un'intera comunità è sotto shock
3
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
4
Lo ha detto l'avvocato del marinaio accusato dello stupro a Radio Cusano Campus: "Ha cambiato versione troppe volte"
5
Tre casi registrati tra Montesacro e il quartiere africano. Fatti che passano in secondo piano rispetto alle altre storie di cronaca nera
1
Raggiunto il bivio stradale, nell'indecisione l'uomo è finito contro lo spartitraffico ribaltandosi con la macchina
2
La vittima, un uomo di 33 anni è stata trovata morta all'interno di un appartamento in via della Tota 141
3
Il 53enne è stato colpito con un coltello da cucina e ha presentato profonde ferite alla regione ascellare sinistra
4
E' stato trasportato in ospedale il conducente del furgone su cui è finita la donna che si è lanciata dal cavalcavia sulla Cassia bis
5
L'incendio ha interessato un capannone adibito a produzione di derrate alimentari, confezionamento cibi per la ristorazione industriale
1
In questi giorni si sta diffondendo su Whatsapp un comunicato, divenuto virale, con un lungo elenco di nuovi autovelox
2
La cultura, se patrimonio condiviso, è elemento di identità e coesione sociale, oltre a costituire il vero valore aggiunto
3
Il giovane falciato nelle prime ore del mattino da un'auto, il cui conducente si è fermato a prestare soccorso. Un'intera comunità è sotto shock
4
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
5
"Purtroppo, anche persone colte come Sgarbi, dimostrano di essere ignoranti a proposito della figura infermieristica"
Il Quotidiano del Lazio è un marchio di Vergovich Comunicazione Srls.
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°8/13 del 17/05/2013

Direttore: Francesco Vergovich
P.iva n° 12555091003
info@ilquotidianodellazio.it

[ versione mobile ]
EDitt | Web Agency