Mercoledì 19 Settembre 2018 ore 15:21
INTERVISTA A TEATRO
“Nei panni di una donna?”, intensa e profonda Luciana Frazzetto FOTO
L’attrice romana in scena al Teatro Caesar di San Vito Romano diverte e commuove, rilassa e fa riflettere

Un monologo brillante, divertente e che alla fine strappa anche una risata amara: Luciana Frazzetto è un’interprete eccezionale di quelle che sono i dubbi, le paure, le abitudini e i desideri del mondo femminile.Un mondo il più delle volte incompreso, a tal punto da essere calpestato. Perché il monologo dell’attrice non tocca solo argomenti leggeri come l’uso dei social, le vacanze, la vita familiare ma anche quello attuale e delicato della violenza tra le mura domestiche. Con il suo accento spiccatamente romanesco e il sorriso facile, Luciana Frazzetto ci racconta cos’è “Nei panni di una donna?”.

“Nei panni di una donna?”: perché il punto interrogativo?

Inizialmente non c’era,era semplicemente “nei panni di una donna”; poi ho pensato di fare un discorso più ampio sulla reincarnazione per poter interpretare il punto di vista dell’uomo e della donna perché generalmente noi donne quando facciamo un monologo interpretiamo solo il nostro punto di vista. Io invece ho voluto provare a capire anche gli uomini e quindi ho aggiunto il punto interrogativo: nei panni di un uomo o di una donna? Era un sotto testo.

Cosa significa essere nei panni di una donna?

Significa lavorà n’sacco [ride]! Come spiego nello spettacolo, una donna ha veramente tante mansioni, ma il fatto che sia lei a dare la vita, è già una cosa essenziale. Io penso che non vorrei essere nei panni di un uomo, se rinasco voglio essere donna anche se abbiamo tanti compiti, e forse proprio per questo.

Lei interagisce molto con il pubblico: è tutto copione o anche improvvisazione?

No assolutamente c’è molta improvvisazione, perché io non so che risposte darà il pubblico. Infatti amo questo tipo di spettacolo, il monologo, proprio perché ti permette di abbattere la quarta parete; amo interagire con il pubblico, amo la gente, sentire il loro respiro. Anche quando lo spettacolo vira più sul dramma e senti un silenzio totale, questa cosa ti entra dentro. Probabilmente anche le mie emozioni riescono a coinvolgere il pubblico, diventiamo un tutt’uno nello spazio e questa è una cosa meravigliosa possibile solo con i monologhi che interloquiscono con il pubblico.

Lo spettacolo tocca il tema attuale della violenza sulle donne, dell’uomo idealizzato e di quello che invece molte donne purtroppo si ritrovano afianco. Qual è il messaggio che vuole lanciare a tutte le donne tramite il palco e anche tramite queste righe?

Questo spettacolo è nato da una mia idea, l’ho scritto insieme a Riccardo Graziosi e ho scelto questo finale perché volevo aiutare nel mio piccolo quelle donne che non hanno il coraggio di esporsi, proprio attraverso il teatro. Molte donne, che non conosco, mi scrivono su Facebook chiedendomi aiuto: quello che voglio dire è che non si può sottostare. Donne, ve lo dico con il cuore: la prima volta che ti dà uno schiaffetto, un cazzotto, che ti butta per terra devi intervenire subito,non puoi lasciarlo fare. Il messaggio che vuole lanciare questo spettacolo è che bisogna reagire immediatamente. Il personaggio di questo spettacolo dice sempre “è colpa mia”, come ogni donna che subisce violenza ed è questo l’errore: non è colpa nostra. Fatevi aiutare, fate qualcosa, lui va bloccato subito. Questo è il messaggio che voglio dare.

Uno spettacolo denso, dunque, che si colloca nell’ampia offerta teatrale del Teatro Caesar di San Vito (direzione artistica associazione culturale Ribalta, presieduta da Ulisse Marco Patrignani), con grandi nomi come l’emozionante performance degli Hotel Supramonte, omaggio a Fabrizio De André in programma sabato 17 marzo o l’intenso “Il bacio” con una straordinaria Barbara De Rossi insieme a Francesco Brachetti sabato 25 marzo.

Foto di Roberto Benedetti


ARTICOLI CORRELATI
Paola Tiziana Cruciani e Alessandra Costanza in Sugo Finto agrodolce come la vita al teatro Caesar di San Vito Romano
Luciana Frazzetto, una maestra delle risate che sa divertire con semplicità
Numerosi gli artisti che interverranno a ritirare il Premio Caesar 2015 alla Carriera
I PIU' LETTI IN INTERVISTE I PIU' LETTI DELLA SETTIMANA I PIU' LETTI
1
"Sono venuta a lavorare a Roma per pagare le cure di mio figlio. La vita in strada è un incubo, ma presto ne verrò fuori"
2
A "Un Giorno Speciale" su Radio Radio vivace scambio di vedute sulla caccia. Tozzi: "I cacciatori sono dei poveracci"
3
L’abitante delle zone colpite dal sisma ha portato alla luce cose impensabili, inimmaginabili
4
Al Quotidiano del Lazio il giornalista racconta la sua triste esperienza, descritta nel libro "Ho ucciso il Cane Nero"
5
Quattro chiacchiere con la nuova Miss Bella d'Italia che ci ha confessato quali sono i suoi sogni
1
Il presidente del Parlamento Europeo e Vicepresidente di Forza Italia torna a parlare del centrodestra
2
Storie d'aiuto, d'amore e di solidarietà raccontate con delicatezza, profondità e... Tanta ironia
3
''Resto qui'', Einaudi, con l'autore abbiamo conversato di letteratura ‘’civile’’ e ‘’politica’’
1
In questi giorni si sta diffondendo su Whatsapp un comunicato, divenuto virale, con un lungo elenco di nuovi autovelox
2
La cultura, se patrimonio condiviso, è elemento di identità e coesione sociale, oltre a costituire il vero valore aggiunto
3
Il giovane falciato nelle prime ore del mattino da un'auto, il cui conducente si è fermato a prestare soccorso. Un'intera comunità è sotto shock
4
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
5
"Purtroppo, anche persone colte come Sgarbi, dimostrano di essere ignoranti a proposito della figura infermieristica"
Il Quotidiano del Lazio è un marchio di Vergovich Comunicazione Srls.
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°8/13 del 17/05/2013

Direttore: Francesco Vergovich
P.iva n° 12555091003
info@ilquotidianodellazio.it

[ versione mobile ]
EDitt | Web Agency