Domenica 16 Dicembre 2018 ore 20:30
LAZIO CAMBIATA
Cagliari 2-2 Lazio, i biancocelesti non sono lucidi bisogna ripartire
Cos'è successo alla Lazio e perché questa involuzione?

Lazio -Cagliari di questa domenica costituisce un crocevia fondamentale per il campionato della Lazio. In 26 minuti non succede nulla e poi un colpo di testa di Pavoletti complica maledettamente le cose.1-0 per i Sardi. Come sta accadendo da una manciata di partite a questa parte, tra campionato e coppe varie stiamo capendo che la Lazio non somiglia più a quella squadra che avevamo ammirato in potenza, astuzia e sapienza tattica. Dopo un minuto dal gol, Immobile viene contrastato fallosamente da un difensore del Cagliari ma non è rigore chiaramente. Anzi Immobile viene ammonito. È ormai palese che il Var per la Lazio è un optional da usare con prudenza da parte degli arbitri.

Questa azione farà discutere non poco. I biancocelesti provano a reagire e chiudono il Cagliari nella sua metà campo, ed è un peccato non vedere la squadra giocare così dal primo minuto. Non è credibile una compagine che in questo campionato insegue un terzo / quarto posto, possa lasciare punti in un catino come quello del Cagliari .

35’ splendido cross di Luis Alberto da calcio piazzato e Lucas Leiva con un colpo di testa potente pareggia il conto. Adesso si riparte e niente scherzi. Adesso basta distrazioni e sfortune varie. Si giochi con determinazione e concentrazione... Ma si combatte e nella lotta il Cagliari non è rinunciatario, ci mette cuore e gambe. Guardando l’assetto tattico Inzaghi ripropone Basta a destra e Luis Felipe al centro della difesa in coppia con De Vrji. Lulic, la novità, terzino sinistro. Luis Alberto sempre nel vivo delle azioni, Immobile pericoloso e coriaceo ma in questa squadra manca sempre qualcosa. Il primo tempo finisce ed evidenziamo anche il protagonista arbitro, il signor Guida che ha visto tutto in area di rigore del Cagliari al 26'... Poi magari questa sera ci racconta cosa abbia visto, perché il rigore era netto .

Riparte la gara con il secondo tempo.

La Lazio lavora sul possesso palla per poter sfruttare qualche inserimento con passaggi filtranti. Fase di studio della partita ma il Cagliari nei minuti che seguiranno avrà solo un obiettivo, distruggere il gioco della Lazio e tentare di mantenere il punto che sarebbe preziosissimo.

Ma la Lazio indugia, vive di inerzia, senza fiammate. Forse la panchina dovrebbe pensare a qualche innesto che possa portare ossigeno e fosforo per questo finale di partita. Esce Parolo ed entra Anderson. Inzaghi prova a vincerla. Ma è il Cagliari a recriminare un calcio di rigore. Il pubblico chiede il Var e Guida questa volta chiede l’ausilio tecnico. L'ingenuità di Luis Felipe c’e’, ma non si può stare due minuti davanti a un teleschermo per dare il rigore al Cagliari.

Barella contro Strakosha: 2-1 per il Cagliari. L’ingenuità si paga e anche la distrazione. La Lazio si sta giocando la stagione per delle stupidaggini e francamente dispiace. Adesso se continuiamo a parlare di sfortuna continuiamo a farci solo del male. Se vai a Cagliari e ti appiattisci sull1-1 è giusto anche che alla fine perdi. Adesso entra anche Milinkovic, alta la manovra tattica e si va all’arrembaggio. Niente di più triste. Prima della fine di questa partita occorre capire cosa abbia questa squadra e il perché di questa involuzione. Forse qualche sirena estera per qualche giocatore che lo porta con la testa fuori dalla giusta concentrazione? Forse perché il suo presidente pensa a tutto, comprese le elezioni politiche, invece di pensare alla Lazio? Parliamo dell’involuzione di Felipe Anderson che doveva essere la promessa di questa squadra.

Questa squadra non è lucida e lo vediamo anche con questo finale di partita. Immobile che sembra non riuscire ad essere pericoloso. Ma evidentemente non è così, eccolo Immobile che pareggia questa partita con un gol rocambolesco. Evita la sconfitta ma i problemi rimangono e vanno risolti in fretta.


ARTICOLI CORRELATI
I biancocelesti guardano al mercato estivo e sognano la Champions e un bomber di razza: due nazionali nel mirino
L’attaccante della Nazionale e della Lazio ha effettuato ieri l’esame di pratica. Anche altri biancocelesti opteranno per la stessa autoscuola
L’addio di Antonio Candreva alla Lazio si avvicina, intanto i biancocelesti sono vicini ad un attaccante seguito da tempo
I PIU' LETTI IN SPORT I PIU' LETTI DELLA SETTIMANA I PIU' LETTI
1
La Roma batte il Pescara in trasferta per 1-4 e guadagna punti sul Napoli, adesso a meno quattro in classifica
2
Seconda sconfitta di fila per la Lazio che dopo il KO contro la Fiorentina cade in casa contro l’Inter per 1-3 e rischia di perdere il quarto posto in classifica
3
Stasera torna il Derby del Cuore. Attori, cantanti e calciatori di Roma e Lazio si sfidano per solidarietà
4
Arriva il fischio finale, finisce in pareggio la grande sfida al San Paolo. Il Napoli è più tambureggiante in attacco, ma non trova il gol
5
Il giocatore era rientrato dal Pescara, che ha acquistato la metà di Caprari
1
Il play americano guida i capitolini con una prestazione fenomenale
2
In diretta dall'Olimpico per la delicata sfida di campionato
1
In questi giorni si sta diffondendo su Whatsapp un comunicato, divenuto virale, con un lungo elenco di nuovi autovelox
2
La cultura, se patrimonio condiviso, è elemento di identità e coesione sociale, oltre a costituire il vero valore aggiunto
3
Il giovane falciato nelle prime ore del mattino da un'auto, il cui conducente si è fermato a prestare soccorso. Un'intera comunità è sotto shock
4
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
5
"Restituiamo finalmente un futuro a 6 milioni e mezzo di persone che fino ad oggi hanno vissuto in condizione di povertà"
Il Quotidiano del Lazio è un marchio di Vergovich Comunicazione Srls.
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°8/13 del 17/05/2013

Direttore: Francesco Vergovich
P.iva n° 12555091003
info@ilquotidianodellazio.it

[ versione mobile ]
EDitt | Web Agency