Sabato 23 Giugno 2018 ore 17:36
TRAFFICO DROGA
Cassino, eroina e cocaina: 7 arresti per sodalizio Spada-Di Silvio
Gli ingenti proventi ricavati dall’esercizio del business della droga consentivano agli indagati di vivere nel lusso

Sin dalle prime luci dell’alba ha avuto inizio un’operazione congiunta tra la Guardia di Finanza e i Carabinieri della provincia di Frosinone che, sotto il coordinamento della Procura della Repubblica di Cassino, hanno dato esecuzione, con l’impiego di un massiccio dispositivo di uomini e mezzi, a un’ordinanza di custodia cautelare e di sequestro preventivo nei confronti di 7 persone, emessa dal Gip presso il Tribunale di Cassino, Dottor Salvatore Scalera, su richiesta del Pubblico Magistrato Dottor Alfredo Mattei.

Si tratta, in particolare, di un gruppo criminale capeggiato da due nuclei familiari di etnia rom (Spada e Di Silvio, entrambe di Cassino), dedito in maniera sistematica e professionale al traffico e allo spaccio di sostanze stupefacenti, eroina e cocaina, con base logistica in una zona periferica della città martire, un quartiere assurto agli onori della cronaca per essere diventato un 'supermarket' della droga a cielo aperto. Le indagini hanno avuto inizio nel 2016 sulla scia del clamore mediatico suscitato dalla morte per overdose, nel territorio di Cassino, di alcuni giovani ragazzi e hanno consentito di accertare come, nel tempo, le due famiglie criminali fossero ormai riuscite a monopolizzare la “piazza di spaccio” dell’intero cassinate, dandosi un’organizzazione ben delineata nella quale spicca il ruolo prevalente svolto dalle donne del clan, incaricate di effettuare personalmente la cessione dello stupefacente ai tantissimi acquirenti che sono stati identificati dagli investigatori.

Alle figure maschili dell’organizzazione, invece, il compito di procurarsi le partite di droga, curando i contatti soprattutto con le limitrofe organizzazioni criminali napoletane e casertane. I Finanzieri del Gruppo di Cassino e i Carabinieri della Compagnia di Cassino hanno operato per diversi mesi in maniera sinergica, attraverso investigazioni sia di natura tecnica sia con un costante monitoraggio della piazza di spaccio, effettuando plurimi sequestri di droga nei confronti dei consumatori finali provenienti anche da province limitrofe, molti dei quali di giovanissima età.

Gli ingenti proventi ricavati dall’esercizio del business della droga consentivano agli indagati di vivere nel lusso, in una villa all’ingresso della quale sono state rinvenute delle imponenti statue raffiguranti due leoni, simbolo della forza e del potere criminale della famiglia. L’Autorità Giudiziaria, sulla base degli accertamenti patrimoniali eseguiti dai militari, ha altresì disposto il sequestro preventivo finalizzato alla confisca dei beni risultati nella disponibilità dei sodali, in particolare: n. 9 autoveicoli, n. 17 immobili (di cui 7 fabbricati, 9 terreni e 1 area commerciale), 28 rapporti finanziari, 1 cavallo da corsa. Il valore complessivo dei beni sequestrati ammonta a oltre 1,2 milioni di euro. Nel corso delle operazioni di perquisizione svolte stamane sono stati altresì rinvenuti e sequestrati ulteriori 8 autovetture e denaro contante per euro 13.260


ARTICOLI CORRELATI
Operazione dei Carabinieri al termine di una complessa indagine, iniziata con la gambizzazione a Ostia di Massimo Cardoni, alias “Baficchio”
L'uomo deve scontare 30 anni di reclusione per omicidio. Nel corso dei controlli arrestate altre 3 persone
Scacco matto dei Carabinieri: nel mirino 4 terreni, una villa, 10 auto e rapporti bancari presso 6 istituti di credito
I PIU' LETTI IN CRONACA I PIU' LETTI DELLA SETTIMANA I PIU' LETTI
1
In questi giorni si sta diffondendo su Whatsapp un comunicato, divenuto virale, con un lungo elenco di nuovi autovelox
2
Il giovane falciato nelle prime ore del mattino da un'auto, il cui conducente si è fermato a prestare soccorso. Un'intera comunità è sotto shock
3
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
4
Lo ha detto l'avvocato del marinaio accusato dello stupro a Radio Cusano Campus: "Ha cambiato versione troppe volte"
5
Tre casi registrati tra Montesacro e il quartiere africano. Fatti che passano in secondo piano rispetto alle altre storie di cronaca nera
1
Raggiunto il bivio stradale, nell'indecisione l'uomo è finito contro lo spartitraffico ribaltandosi con la macchina
2
La vittima, un uomo di 33 anni è stata trovata morta all'interno di un appartamento in via della Tota 141
3
Il 53enne è stato colpito con un coltello da cucina e ha presentato profonde ferite alla regione ascellare sinistra
4
E' stato trasportato in ospedale il conducente del furgone su cui è finita la donna che si è lanciata dal cavalcavia sulla Cassia bis
5
L'incendio ha interessato un capannone adibito a produzione di derrate alimentari, confezionamento cibi per la ristorazione industriale
1
In questi giorni si sta diffondendo su Whatsapp un comunicato, divenuto virale, con un lungo elenco di nuovi autovelox
2
La cultura, se patrimonio condiviso, è elemento di identità e coesione sociale, oltre a costituire il vero valore aggiunto
3
Il giovane falciato nelle prime ore del mattino da un'auto, il cui conducente si è fermato a prestare soccorso. Un'intera comunità è sotto shock
4
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
5
"Purtroppo, anche persone colte come Sgarbi, dimostrano di essere ignoranti a proposito della figura infermieristica"
Il Quotidiano del Lazio è un marchio di Vergovich Comunicazione Srls.
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°8/13 del 17/05/2013

Direttore: Francesco Vergovich
P.iva n° 12555091003
info@ilquotidianodellazio.it

[ versione mobile ]
EDitt | Web Agency