Venerdì 19 Aprile 2019 ore 12:31
TRAGEDIA ALLA PARIGI-ROUBAIX
Esanime a terra, ma nessun ciclista si ferma a soccorrerlo VIDEO
Il ciclista belga Michael Goolaerts è deceduto a soli 23 anni per un arresto cardiaco durante la Parigi-Roubaix. Impressionanti le immagini di France 3, in cui si vede il ragazzo a terra e nessuno dei suoi “colleghi” che si ferma a soccorrerlo

In caso di arresto cardiocircolatorio i tempi di intervento rivestono un’importanza fondamentale: per ogni minuto che passa senza il massaggio cardiaco e senza un defibrillatore, infatti, gli scienziati parlano di una perdita del 10% di possibilità di salvare la persona. Da ciò si deduce quanto sia importante, nel caso in cui si verifichino delle situazioni di estrema emergenza di questo tipo, risparmiare ogni singolo secondo.

Chissà quante morti potrebbero essere evitate, intervenendo in tempo e nel giusto modo. Eppure capita ancora oggi, nel 2018, di assistere a scene che per certi versi hanno dell’assurdo: una persona, molto giovane, apparentemente in ottima salute, che a un certo punto cade rovinosamente a terra e si ferma supino, con gli occhi vitrei al cielo e le braccia larghe, immobile… Mentre decine di altri ciclisti gli sfrecciano accanto senza fermarsi per soccorrerlo. Per chissà quanto tempo.

Il tragico fatto, purtroppo degenerato nella morte del giovane ciclista belga Michael Goolaerts, si è verificato durante la gara Parigi-Roubaix, fra Viesly e Briastre, a 125 chilometri dall'arrivo. Le immagini, divulgate da France 3, sono inequivocabili e fanno male. Perché si vede chiaramente il povero ragazzo sull’asfalto, privo di sensi e ignorato dai tanti “colleghi”, assai più fortunati di lui, che gli passano accanto.

È solo con l’arrivo del personale  della Verandas Willems-Crelan che si è iniziato il massaggio cardiaco, a cui ha fatto seguito un tentativo di rianimazione con l'aiuto del defibrillatore. Il ragazzo è stato infine trasportato in elicottero all'ospedale di Lilla, ma è deceduto in serata.

La Gendarmerie francese ha aperto un'inchiesta.


ARTICOLI CORRELATI
Per David, figlio di una coppia di 30enni romani,è stato inutile l'intervento di un'eliambulanza
È accaduto a Fasano, in provincia di Brindisi: “Zio Sante”, come lo chiamavano in molti, è deceduto in ambulanza
La bimba portata in ospedale dopo aver accusato un malore ma i tentativi di rianimarla si sono rivelati inutili
I PIU' LETTI IN CRONACA I PIU' LETTI DELLA SETTIMANA I PIU' LETTI
1
In questi giorni si sta diffondendo su Whatsapp un comunicato, divenuto virale, con un lungo elenco di nuovi autovelox
2
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
3
Il giovane falciato nelle prime ore del mattino da un'auto, il cui conducente si è fermato a prestare soccorso. Un'intera comunità è sotto shock
4
Tre casi registrati tra Montesacro e il quartiere africano. Fatti che passano in secondo piano rispetto alle altre storie di cronaca nera
5
Lo ha detto l'avvocato del marinaio accusato dello stupro a Radio Cusano Campus: "Ha cambiato versione troppe volte"
1
Scontro mortale nella galleria di Sant’Antonio al Monte nella canna verso Ascoli
2
Ceccariglia, poliziotto in pensione, era molto conosciuto in paese per la sua passione per le auto e le corse
3
I Carabinieri della Compagnia di Tivoli stanno dando esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare agli arresti domiciliari
4
Il sisma rilevato dall'Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia
5
Rischio di nuovo maltempo per Pasquetta. Ma gli esperti: "E' una tendenza, attendere conferme"
1
In questi giorni si sta diffondendo su Whatsapp un comunicato, divenuto virale, con un lungo elenco di nuovi autovelox
2
La cultura, se patrimonio condiviso, è elemento di identità e coesione sociale, oltre a costituire il vero valore aggiunto
3
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
4
Il giovane falciato nelle prime ore del mattino da un'auto, il cui conducente si è fermato a prestare soccorso. Un'intera comunità è sotto shock
5
"Restituiamo finalmente un futuro a 6 milioni e mezzo di persone che fino ad oggi hanno vissuto in condizione di povertà"
Il Quotidiano del Lazio è un marchio di Vergovich Comunicazione Srls.
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°8/13 del 17/05/2013

Direttore: Francesco Vergovich
P.iva n° 12555091003
info@ilquotidianodellazio.it

[ versione mobile ]