Sabato 21 Settembre 2019 ore 15:04
Cina, diventano genitori a 4 anni dalla loro morte
Avevano deciso di provare la fecondazione in vitro, ma sono morti in un incidente a soli 5 giorni dal trapianto dell’ovulo fecondato. Dopo 4 anni, grazie ai loro genitori, quel bambino tanto desiderato è venuto al mondo

Non riuscivano ad avere bambini, Shen Jie and Liu X. Così, dopo due anni di matrimonio e di tentativi falliti, si sono convinti a provare la fecondazione in vitro. Ma il destino, in un giorno di marzo del 2013, ha inesorabilmente bussato alla loro porta: hanno avuto un grave incidente automobilistico nella provincia costiera cinese di Jiangsu; e sono morti entrambi. E ciò a soli 5 giorni dal trapianto di uno degli embrioni fecondati nell’utero di Liu.

Eppure, grazie ai loro genitori, a distanza di 4 anni dalla loro scomparsa Shen e Liu sono diventati mamma e papà: la battaglia legale per ottenere la custodia dei quattro embrioni congelati lasciati dai loro figli è stata dura e lunga (ben 3 anni), ma alla fine ci sono riusciti. Così, nel gennaio del 2017, grazie all’aiuto di un'agenzia di maternità surrogata, sono volati in Laos (in Cina la maternità surrogata non è ammessa dalla legge) per trovare una donna disposta a realizzare il loro sogno, trovandola.

E lo scorso dicembre, presso un ospedale di Guangzhou, il loro sogno è divenuto realtà: il piccolo Tantian, il cui nome significa “dolce”, è finalmente venuto al mondo. E questo dopo 4 anni dalla morte dei suoi genitori. Un mese fa i suoi nonni hanno deciso di dare una festa per celebrare i suoi primi 100 giorni.

Intervistata da Beijing News, la madre della povera Liu ha espresso tutta la sua felicità: “Gli occhi di Tiantian assomigliano a quelli di mia figlia ma, nel complesso, assomiglia più a suo padre”.

Veri e propri miracoli della medicina moderna.


ARTICOLI CORRELATI
Il costo previsto dalla Regione è in linea con quello previsto dalle altre regioni italiane
La manifestazione di domenica 23 settembre a Bologna è stata censurata dalla stampa mainstream
Il Presidente della Consulta sconfessa il ministro Lorenzin
I PIU' LETTI IN CRONACA
GIORNO SETTIMANA MESE
1
Le nostre richieste sono rimaste inascoltate, asserragliati dietro a delle transenne, vigilati a vista come i peggior delinquenti dovevamo rimanere lontani dall'incontro
Data di pubblicazione: 2019-09-15 10:51:37
2
Impatto in via Italia nella notte tra sabato e domenica
Data di pubblicazione: 2019-09-16 11:12:48
3
La 45enne è giunta al pronto soccorso con una grave ferita
Data di pubblicazione: 2019-09-19 11:34:47
4
Le organizzazioni sindacali Filt Cgil, Fit Cisl, Uiltrasporti, Ugl Fna e Faisa Cisal hanno proclamato uno sciopero della durata di 24 ore
Data di pubblicazione: 2019-09-16 18:12:59
5
L'oggetto aveva la forma di un ordigno, ma era uno strumento per caricare i telefoni cellulari
Data di pubblicazione: 2019-09-17 11:16:37
1
Le nostre richieste sono rimaste inascoltate, asserragliati dietro a delle transenne, vigilati a vista come i peggior delinquenti dovevamo rimanere lontani dall'incontro
Data di pubblicazione: 2019-09-15 10:51:37
2
Due vetture che viaggiavano su direzioni opposte si sono scontrate frontalmente
Data di pubblicazione: 2019-09-07 09:47:21
3
Ecco cosa fare prima di uscire di casa per un'evacuazione
Data di pubblicazione: 2019-09-10 13:14:29
4
Le scosse di magnitudo 4.1 e 3.2 sono state avvertite distintamente anche nel Reatino e debolmente nei quartieri settentrionali di Roma
Data di pubblicazione: 2019-09-01 07:06:04
5
Le quotazioni del leader del Carroccio erano in ribasso, così ci ha pensato il caporedattore di Radio 1 a risollevare le sorti del leader verde
Data di pubblicazione: 2019-09-07 15:40:00
Il Quotidiano del Lazio.it è un marchio di Associazione Culturale "Un Giorno Speciale".
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°8/13 del 17/05/2013

Direttore: Francesco Vergovich
P.IVA e C.F. 09678001000
info@ilquotidianodellazio.it

[ versione mobile ]