Mercoledì 17 Luglio 2019 ore 08:43
REPRESSIONE
Zimbawe, le infermiere scioperano e il governo le licenzia tutte
Succede alla vigilia del 38° anniversario dell’indipendenza: 10.000 infermiere licenziate per essersi rifiutate di entrare in servizio

Un licenziamento “con effetto immediato” di tutte le infermiere del servizio sanitario nazionale. Lo riferisce il sito della Bbc ed è così che il  vicepresidente Constantino Chiwenga, in un intervento, ha annunciato la drastica mossa del governo zimbawese per stroncare le tensioni nel mondo del lavoro.

Cosa hanno fatto di tanto grave le sanitarie? Hanno scioperato per il pagamento delle indennità e la reintroduzione della scala salariale, rifiutandosi di rientrare in servizio “sino a quando gli stipendi non verranno accreditati” ha spiegato un rappresentante della Zimbabwe Nurses Association (sindacato di categoria).

Ma secondo Chiwenga le infermiere ignorano il fatto che il ministero della Salute abbia messo a disposizione ben 17 milioni di dollari zimbabwesi per far fronte alle loro richieste. O meglio, fingono di ignorarlo, in quanto la “mobilitazione non ha nulla a che fare con i diritti dei lavoratori e con le loro condizioni ma è mossa da meri interessi politici”. Quindi, col fine di salvaguardare i pazienti, il governo ha deciso di “licenziare tutte le lavoratrici coinvolte con effetto immediato”.

Come farà il paese a sostituire le infermiere spedite a casa? Il Consiglio dei servizi sanitari è stato subito incaricato dal governo i utilizzare lo stanziamento di cui sopra per assumere gli infermieri disoccupati e reinserire quelli in pensione.

Eppure per i medici c’era stato un trattamento assai diverso: recentemente, il presidente Emmerson Mnangagwa aveva dovuto aumentare lo stipendio dei “dottori” per porre fine a un loro sciopero.


ARTICOLI CORRELATI
Dopo le proteste internazionali lo Zimbawe approva la legge che vieta la caccia ai leoni e agli elefanti
Storie d'aiuto, d'amore e di solidarietà raccontate con delicatezza, profondità e... Tanta ironia
Si tratta di uno dei più rilevanti provvedimenti di assunzioni a tempo indeterminato degli ultimi anni
I PIU' LETTI IN CRONACA I PIU' LETTI DELLA SETTIMANA I PIU' LETTI
1
In questi giorni si sta diffondendo su Whatsapp un comunicato, divenuto virale, con un lungo elenco di nuovi autovelox
2
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
3
Il giovane falciato nelle prime ore del mattino da un'auto, il cui conducente si è fermato a prestare soccorso. Un'intera comunità è sotto shock
4
Tre casi registrati tra Montesacro e il quartiere africano. Fatti che passano in secondo piano rispetto alle altre storie di cronaca nera
5
Lo ha detto l'avvocato del marinaio accusato dello stupro a Radio Cusano Campus: "Ha cambiato versione troppe volte"
1
“Miss Mamma Italiana” è il primo concorso nazionale di bellezza e simpatia
2
Un'intensa perturbazione sull'Italia causerà forti piogge e un brusco calo delle temperature
3
Su una nota piattaforma di messaggistica la scoperta di una chat di gruppo dove i 3 avevano messo appunto le fasi del colpo
4
Impatto tra un'Audi A3 e una Fiat Panda. Uno dei feriti è in terapia intensiva al San Camillo di Roma
5
Il 23enne, già sottoposto agli arresti domiciliari per le continue aggressioni alla donna, deve rispondere delle accuse detenzione illegale di armi, atti persecutori e trattamento illecito di dati personali
1
In questi giorni si sta diffondendo su Whatsapp un comunicato, divenuto virale, con un lungo elenco di nuovi autovelox
2
La cultura, se patrimonio condiviso, è elemento di identità e coesione sociale, oltre a costituire il vero valore aggiunto
3
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
4
Il giovane falciato nelle prime ore del mattino da un'auto, il cui conducente si è fermato a prestare soccorso. Un'intera comunità è sotto shock
5
"Restituiamo finalmente un futuro a 6 milioni e mezzo di persone che fino ad oggi hanno vissuto in condizione di povertà"
Il Quotidiano del Lazio.it è un marchio di Associazione Culturale "Un Giorno Speciale".
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°8/13 del 17/05/2013

Direttore: Francesco Vergovich
P.IVA e C.F. 09678001000
info@ilquotidianodellazio.it

[ versione mobile ]