Martedì 19 Marzo 2019 ore 17:49
DICHIARAZIONI
Emilio Fede: "condannato per aver fatto prostituire delle prostitute"
L'ex direttore del Tg4: "vorrei andare in prigione, ma a 87 anni non posso"

Emilio Fede ieri è stato condannato in appello a 4 anni e 7 mesi di reclusione nel processo Ruby Bis: "Sono mortificato per certa giustizia. Rispetto la giustizia ma quando mi vedo condannato in questo modo mi viene da pensare che o c'è il fatto che quando si colpisce Berlusconi bisogna colpire anche me, altrimenti non è divertente, oppure che il tribunale che mi ha condannato a Milano non ha voluto dispiacere i colleghi. Bisogna rispettare la giustizia ma anche averne timore. Darmi 4 anni e 7 mesi perché avrei convinto delle prostitute a prostituirsi è una cosa assurda. Io ad Arcore non ho mai portato nessuno. E poi si prostituivano? Accettavano di fare sesso? Parliamo di persone, con tutto il rispetto per la prostituzione, che è importante, che con il sesso avevano una certa dimestichezza. Non è vero che io le ho convinte, ma mi accusano di aver convinto a prostituirsi delle donne che erano già prostitute. Una aveva il compagno che la manteneva a Torino, un uomo di 70 anni che la pagava. Ma cosa cazzo dicono? Non ha senso questa condanna nei miei confronti. Praticamente dicono che io conducevo il Tg4 e poi nel tempo libero facevo il pappone. Si parla di 3 ragazze, una delle quali è Ambra Battilana, e lo dico avendo grande rispetto per la magistratura, ma come cazzo si fa a pensare che io debba essere condannato? Tre ragazze che io avrei portato non per la prima volta, ma a cui avrei dato un passaggio in macchina! E non è vero neanche questo! E poi sono tre ragazze che notoriamente col sesso avevano un ottimo rapporto".

Emilio Fede è un fiume in piena: "Non mi fa rabbia la condanna, ora si tornerà di nuovo in cassazione. Questo Paese ha bisogno di una riforma dell'informazione e della giustizia. Io sono amico di tanti autorevoli magistrati ma come cacchio si fa ad essere condannato per induzione alla prostituzione per aver favorito la prostituzione di ragazze che fanno quello? Prendono per buono la testimonianza di una ragazza che dice che ad Arcore si pregava Satana! Non è una cosa seria. Se dovessi essere condannato in terzo grado vorrei andare in galera, anche se non posso andare in prigione,pur volendo. Vorrei occuparmi di prigioni, di quelli che sono stati condannati senza aver fatto nulla. Voglio andare in carcere, stare con chi soffre chissà quale tipo di ingiustizia. Però credetemi e lo dico con piena onestà, io non ho fatto nulla. I signori della corte, comunque, non avranno questa gioia. In carcere a 87 anni non ci posso andare".

In chiusura Fede ha rilanciato: "Se faccio in tempo ad organizzarmi in vista delle prossime elezioni, mi candiderò con un movimento, che fonderò e che chiamerò 'uno di voi'". 

Emilio Fede è intervenuto questa mattina ai microfoni di ECG, il programma su Radio Cusano Campus, l'emittente dell'Università degli Studi Niccolò Cusano. 

LEGGI ANCHE:

Comandante Carabinieri di Frosinone Cagnazzo arresta rapinatore a Napoli

Roma, autobus esplode in via del Tritone. Una signora ferita


ARTICOLI CORRELATI
Ha parlato di nuovo del bunga bunga: "Non è mai esistito, sono tutte cazzate. Conosco Berlusconi da una vita e non l'ho mai visto fare sconcezze
"Ho firmato per la Gabanelli, ma io sono più bravo di lei e quando fui cacciato nessuno ha mosso un dito. Ruffiani di merda"
Nel novembre 2009 il 28enne Davide Nocella fu investito da Emanuele Sperduti, accusato di omicidio colposo
I PIU' LETTI IN GOSSIP I PIU' LETTI DELLA SETTIMANA I PIU' LETTI
1
I risultati, digitando il suo nome, sono collegati a foto hot e siti porno. Lei sbotta: "Non sono una prostituta"
2
Confessione choc a Radio 24: "Sono di estrema destra e alle ultime elezioni ho votato Matteo Salvini"
3
In Argentina un sondaggio pubblicato dalla versione online del Clarin premia la compagna di Martin Demichelis
4
Ironica proposta su twitter di Eliana Guercio, moglie del portiere argentino, in caso di vittoria al Mondiale
5
La cantante ha pubblicato alcune foto della sua vacanza alle isole pontine su Twitter e Instagram
1
In questi giorni si sta diffondendo su Whatsapp un comunicato, divenuto virale, con un lungo elenco di nuovi autovelox
2
La cultura, se patrimonio condiviso, è elemento di identità e coesione sociale, oltre a costituire il vero valore aggiunto
3
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
4
Il giovane falciato nelle prime ore del mattino da un'auto, il cui conducente si è fermato a prestare soccorso. Un'intera comunità è sotto shock
5
"Restituiamo finalmente un futuro a 6 milioni e mezzo di persone che fino ad oggi hanno vissuto in condizione di povertà"
Il Quotidiano del Lazio è un marchio di Vergovich Comunicazione Srls.
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°8/13 del 17/05/2013

Direttore: Francesco Vergovich
P.iva n° 12555091003
info@ilquotidianodellazio.it

[ versione mobile ]