Martedì 11 Dicembre 2018 ore 05:46
ORRORE IN SALA PARTO
Shock in Scozia, medico decapita neonato durante il parto
Avrebbe tirato troppo il suo corpicino durante la fase di espulsione e la testolina è rimasta nel ventre materno

Una storia a dir poco agghiacciante è stata raccontata ieri dal Sun e arriva dal Ninewells Hospital di Dundee, in Scozia: durante un parto di routine, il medico avrebbe tirato troppo il corpicino del neonato (che stava venendo al mondo in posizione podalica) e lo avrebbe staccato dalla testa, uccidendolo sul colpo. Per rimuovere la testolina del piccolo, rimasta nel ventre materno, la madre è stata poi costretta a un taglio cesareo.

Il medico responsabile, una specialista di 41 anni di nome Vaishnavy Laxman, avrebbe deciso di far venire il bimbo al mondo con un parto naturale, nonostante fosse in posizione podalica. Avrebbe perciò esortato la mamma a ‘spingere’ mentre tirava le gambe del piccolo. Quindi, probabilmente per la troppa forza esercitata su quel piccolo corpicino, il busto del piccolo si sarebbe staccato, lasciando la sua testa nella pancia della mamma. Almeno così ha stabilito l’inchiesta, che ha parlato di negligenza assoluta da parte della professionista, che avrebbe dovuto optare per un taglio cesareo d’urgenza.

Queste sono state le parole della mamma del bimbo mai nato, durante il processo nei confronti della dottoressa Laxman presso il Medical Practitioners Tribunal Service di Manchester, apertosi in questi giorni: Ho iniziato a urlare quando ho scoperto tutto, ero sconvolta. Non è neanche nato, è stato decapitato”.

Che il medico abbia chiesto al legale del Consiglio medico generale Charles Garside di riportare tutto il suo dispiacere e la sua tristezza per l’accaduto, non lenisce il dolore dei familiari del piccolo e l’orrore per una vicenda che poteva di fatto essere evitata.

LEGGI ANCHE:

Vivere 10 anni in più? Per la scienza si può, ecco come

Un'infermiera italiana che dispensa gioia tra i bambini africani


ARTICOLI CORRELATI
L'uomo avrebbe perso il controllo della sua moto e un tir non sarebbe riuscito a evitarlo
E' un atto dovuto dopo la denuncia sporta dai genitori di Edoardo, una coppia di Soriano nel Cimino
La pena più elevata per il medico che guidò l'equipe. Imposto anche un maxi risarcimento per oltre 1 mln
I PIU' LETTI IN CRONACA I PIU' LETTI DELLA SETTIMANA I PIU' LETTI
1
In questi giorni si sta diffondendo su Whatsapp un comunicato, divenuto virale, con un lungo elenco di nuovi autovelox
2
Il giovane falciato nelle prime ore del mattino da un'auto, il cui conducente si è fermato a prestare soccorso. Un'intera comunità è sotto shock
3
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
4
Lo ha detto l'avvocato del marinaio accusato dello stupro a Radio Cusano Campus: "Ha cambiato versione troppe volte"
5
Tre casi registrati tra Montesacro e il quartiere africano. Fatti che passano in secondo piano rispetto alle altre storie di cronaca nera
1
La persona in difficoltà, data per dispersa, era uscita su un'imbarcazione
2
Dietro al mondo del trap e agli incidenti, come quello nella discoteca di Corinaldo, solo il vuoto dei valori e il gioco del profitto

3
Pochi sanno che da 15 anni a questa parte Laura raccoglie fondi per aiutare i bambini, i malati, gli indigenti del Kenya
4
Il sindaco Antonio Cicchetti: "Stefano Colasanti ha avuto il coraggio di rischiare la propria vita per salvarne altre”
1
In questi giorni si sta diffondendo su Whatsapp un comunicato, divenuto virale, con un lungo elenco di nuovi autovelox
2
La cultura, se patrimonio condiviso, è elemento di identità e coesione sociale, oltre a costituire il vero valore aggiunto
3
Il giovane falciato nelle prime ore del mattino da un'auto, il cui conducente si è fermato a prestare soccorso. Un'intera comunità è sotto shock
4
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
5
"Restituiamo finalmente un futuro a 6 milioni e mezzo di persone che fino ad oggi hanno vissuto in condizione di povertà"
Il Quotidiano del Lazio è un marchio di Vergovich Comunicazione Srls.
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°8/13 del 17/05/2013

Direttore: Francesco Vergovich
P.iva n° 12555091003
info@ilquotidianodellazio.it

[ versione mobile ]
EDitt | Web Agency