Sabato 07 Dicembre 2019 ore 12:39
ORRORE IN SALA PARTO
Shock in Scozia, medico decapita neonato durante il parto
Avrebbe tirato troppo il suo corpicino durante la fase di espulsione e la testolina è rimasta nel ventre materno

Una storia a dir poco agghiacciante è stata raccontata ieri dal Sun e arriva dal Ninewells Hospital di Dundee, in Scozia: durante un parto di routine, il medico avrebbe tirato troppo il corpicino del neonato (che stava venendo al mondo in posizione podalica) e lo avrebbe staccato dalla testa, uccidendolo sul colpo. Per rimuovere la testolina del piccolo, rimasta nel ventre materno, la madre è stata poi costretta a un taglio cesareo.

Il medico responsabile, una specialista di 41 anni di nome Vaishnavy Laxman, avrebbe deciso di far venire il bimbo al mondo con un parto naturale, nonostante fosse in posizione podalica. Avrebbe perciò esortato la mamma a ‘spingere’ mentre tirava le gambe del piccolo. Quindi, probabilmente per la troppa forza esercitata su quel piccolo corpicino, il busto del piccolo si sarebbe staccato, lasciando la sua testa nella pancia della mamma. Almeno così ha stabilito l’inchiesta, che ha parlato di negligenza assoluta da parte della professionista, che avrebbe dovuto optare per un taglio cesareo d’urgenza.

Queste sono state le parole della mamma del bimbo mai nato, durante il processo nei confronti della dottoressa Laxman presso il Medical Practitioners Tribunal Service di Manchester, apertosi in questi giorni: Ho iniziato a urlare quando ho scoperto tutto, ero sconvolta. Non è neanche nato, è stato decapitato”.

Che il medico abbia chiesto al legale del Consiglio medico generale Charles Garside di riportare tutto il suo dispiacere e la sua tristezza per l’accaduto, non lenisce il dolore dei familiari del piccolo e l’orrore per una vicenda che poteva di fatto essere evitata.

LEGGI ANCHE:

Vivere 10 anni in più? Per la scienza si può, ecco come

Un'infermiera italiana che dispensa gioia tra i bambini africani


ARTICOLI CORRELATI
L'uomo avrebbe perso il controllo della sua moto e un tir non sarebbe riuscito a evitarlo
E' un atto dovuto dopo la denuncia sporta dai genitori di Edoardo, una coppia di Soriano nel Cimino
La pena più elevata per il medico che guidò l'equipe. Imposto anche un maxi risarcimento per oltre 1 mln
I PIU' LETTI IN CRONACA
GIORNO SETTIMANA MESE
1
Dopo le piogge violente del mese di novembre, masse di terreno si staccano, danni ingenti
Data di pubblicazione: 2019-12-03 09:41:30
2
I finanzieri coordinati dalla Direzione Distrettuale Antimafia stanno eseguendo nelle province di Roma, Latina, Napoli e Bari 16 ordinanze di custodia cautelare
Data di pubblicazione: 2019-12-02 11:41:22
3
Treni vecchi e spesso guasti, ritardi costanti e stazioni fatiscenti; i pendolari dicono basta
Data di pubblicazione: 2019-12-03 10:47:43
4
Il quartiere scende in strada perché non ha bisogno di irruzioni poliziesche, ma di strutture e investimenti
Data di pubblicazione: 2019-12-05 09:05:51
5
"L’attività della Polizia Locale in questa fine settimana ha visto un’impennata di lavoro dovuto allo scorretto uso della strada e alle numerose distrazioni durante la guida"
Data di pubblicazione: 2019-12-01 15:27:10
1
Dopo le piogge violente del mese di novembre, masse di terreno si staccano, danni ingenti
Data di pubblicazione: 2019-12-03 09:41:30
2
I finanzieri coordinati dalla Direzione Distrettuale Antimafia stanno eseguendo nelle province di Roma, Latina, Napoli e Bari 16 ordinanze di custodia cautelare
Data di pubblicazione: 2019-12-02 11:41:22
3
Treni vecchi e spesso guasti, ritardi costanti e stazioni fatiscenti; i pendolari dicono basta
Data di pubblicazione: 2019-12-03 10:47:43
4
Il quartiere scende in strada perché non ha bisogno di irruzioni poliziesche, ma di strutture e investimenti
Data di pubblicazione: 2019-12-05 09:05:51
5
"L’attività della Polizia Locale in questa fine settimana ha visto un’impennata di lavoro dovuto allo scorretto uso della strada e alle numerose distrazioni durante la guida"
Data di pubblicazione: 2019-12-01 15:27:10
Il Quotidiano del Lazio.it è un marchio di Associazione Culturale "Un Giorno Speciale".
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°8/13 del 17/05/2013

Direttore: Francesco Vergovich
P.IVA e C.F. 09678001000
info@ilquotidianodellazio.it

[ versione mobile ]