Venerdì 21 Giugno 2019 ore 01:30
GIALLO SUL CURRICULUM DEL PROSSIMO PRESIDENTE DEL CONSIGLIO
Politica. La New York University smentisce gli studi di Giuseppe Conte
Secondo quanto scrive il New York Times degli studi alla New York University di Giuseppe Conte non c'è traccia

Secondo quanto scrive il quotidiano statunitense New York Times e poi riportato in Italia da varie testate, tra queste la più documentata è senz’altro Il Post, Giuseppe Conte, 54 anni, avvocato civilista e insegnante di diritto, neofita della politica, scelto da Matteo Salvini e Luigi Di Maio come prossimo presidente del Consiglio, dei suoi studi americani non c'è conferma.  Non solo si sa molto poco della vita professionale e della formazione di Conte, ma quel che si sa dal suo curriculum, da lui stesso redatto, lo si può leggere sul sito dell’Associazione civilisti italiani. Stando a tale curriculum, Conte avrebbe perfezionato gli studi giuridici nel 2009 e nel 2009 presso la New York University, però una portavoce della università ha riferito al New York Times che non ha trovato alcuna traccia di tali studi di Conte né come insegnate, né come ricercatore e né come studente.

Sempre nel curriculum di Conte si legge che il prossimo Premier avrebbe perfezionato gli studi nelle più prestigiose università del mondo, tra queste, oltre la New York University, anche Yale in cui sarebbe stato nel 1992, la Duquesne University di Pittsburgh nel 1992, nel 2000 presso la Sorbona di Parigi e il Girton College dell’Università di Cambridge, nel Regno Unito nel 2001. Tutto, a questo punto da confermare. È ciò che sta facendo Il Post in queste ore, infatti   ha contattato tutte le succitate università per verificare la veridicità delle esperienze, l’esistenza e che tipo di studi e di corsi Conte abbia eventualmente eseguito presso tali università e sta attendendo le risposte. Così scrive Il Post al riguardo:

‘’Come ha detto al New York Times la portavoce della New York University, Michelle Tsai, è possibile che Conte abbia frequentato dei corsi da uno o due giorni organizzati dall’università e per i quali non vengono conservati documenti. Tsai ha escluso che Conte tra il 2008 e il 2009 abbia frequentato dei veri corsi di Legge offerti dall’università. Sul curriculum di Conte disponibile sul sito della Camera – presentato da Conte stesso nel 2013 quando fu scelto dal Parlamento come membro del Consiglio di presidenza della Giustizia Amministrativa – c’è scritto che «dall’anno 2008 all’anno 2012 ha soggiornato, ogni estate e per periodi non inferiori a un mese, presso la New York University, per perfezionare e aggiornare i suoi studi», una formulazione che sembra in contraddizione con quanto dichiarato dalla New York University.

Sempre sul curriculum di Conte gli studi giuridici presso Yale e Pittsburgh sono descritti così:  «nell’autunno 1992 ha effettuato un soggiorno-studio di tre mesi presso la Yale University di New Haven (U.S.A.) per approfondire lo studio del diritto nordamericano dei contratti; ha inoltre svolto attività di ricerca presso la Duquesne University di Pittsburgh».

In un'epoca in cui a tutti i neolaureati e laureati italiani viene richiesto di conoscere minimo due lingue straniere e aver avuto, appena usciti dall'università, diverse esperienze di studio e di formazione all'estero, essere precisi e dettagliati è un dovere e una forma di rispetto verso questi giovani.

 

Di Maio: E' Giuseppe Conte il premier indicato a Mattarella

Roma, Calenda torna ad attaccare Virginia Raggi. Nuova frecciatina


ARTICOLI CORRELATI
L'Autorità di Garanzia aveva già bacchettato il Consiglio Nazionale Forense per un parere del 2012
Il sito di gossip pubblica il selfie di Asia Argento e Bennett a letto insieme
Innegabile fine dell'idillio tra Lega e M5S mentre ciascuno va per conto proprio; quanto continueranno ad essere separati in casa?
I PIU' LETTI IN POLITICA I PIU' LETTI DELLA SETTIMANA I PIU' LETTI
1
"Restituiamo finalmente un futuro a 6 milioni e mezzo di persone che fino ad oggi hanno vissuto in condizione di povertà"
2
"Purtroppo, anche persone colte come Sgarbi, dimostrano di essere ignoranti a proposito della figura infermieristica"
3
Chiuse le indagini: la Raggi potrebbe rispondere di falso per la nomina di Renato Marra e di abuso d'ufficio per quella di Romeo
4
I controlli dei dipendenti pubblici assenti per malattia da settembre saranno svolti dell'INPS e non più dalle Asl e i medici potranno bussare alla porta dei malati più di una volta al giorno
5
"Era il polmone verde della città di Roma, con un'amministrazione comunale che si dimentica di organizzare la manutenzione, il controllo e la prevenzione"
1
Il parlamentare del M5S: "Diamo precedenza a ciò che realmente serve ai cittadini invece di darla a grandi opere spesso inutili"
2
Arriva un sistema biometrico di controllo entrata/uscita dei dipendenti pubblici, tramite la presa delle impronte digitali
1
In questi giorni si sta diffondendo su Whatsapp un comunicato, divenuto virale, con un lungo elenco di nuovi autovelox
2
La cultura, se patrimonio condiviso, è elemento di identità e coesione sociale, oltre a costituire il vero valore aggiunto
3
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
4
Il giovane falciato nelle prime ore del mattino da un'auto, il cui conducente si è fermato a prestare soccorso. Un'intera comunità è sotto shock
5
"Restituiamo finalmente un futuro a 6 milioni e mezzo di persone che fino ad oggi hanno vissuto in condizione di povertà"
Il Quotidiano del Lazio.it è un marchio di Associazione Culturale "Un Giorno Speciale".
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°8/13 del 17/05/2013

Direttore: Francesco Vergovich
P.IVA e C.F. 09678001000
info@ilquotidianodellazio.it

[ versione mobile ]