Mercoledì 19 Giugno 2019 ore 13:56
MEGLIO IN TURCHIA
Trapianti capelli in Turchia: Tanti italiani a Istanbul per l’intervento
E quando si parla di trapianto dei capelli, non si può non citare la Turchia, la meta preferita in assoluto dagli italiani

Correvano i tempi in cui la chirurgia ancora non esisteva, chi aveva un difetto se lo teneva e piangeva fino all’eternità. Poi è finalmente giunta ed è stata subito una conquista dell’universo femminile, desideroso di sistemare il naso, gonfiare la bocca e ingrandire i seni: poi la tecnologia e la sua evoluzione hanno raggiunto livelli non immaginabili, per zone del corpo inesplorate. E poi, è arrivata l’ultima frontiera, tanto ambita dagli uomini: il trapianto dei capelli.

E quando si parla di trapianto dei capelli, non si può non citare la Turchia, la meta preferita in assoluto dagli italiani ma non solo, così come per chi deve effettuare un intervento dentistico si reca in Albania. Basti pensare che solamente nel corso del 2016 sono stati effettuati ad Istanbul circa 65 mila trapianti e interventi per curare l’alopecia. Un fenomeno che si espande a macchia d’olio, con numeri che sembrano poter gonfiarsi a dismisura nei prossimi anni fino a diventare, entro il 2023, una delle tre capitali mondiali della medicina come rivela il Ministero della Salute turco.

Il team della rinomata struttura Capilclinic svela come: “ci sono diversi motivi per cui il prezzo è più basso in Turchia: minori costi salariali che in Spagna e in Italia, c’è molta concorrenza per cui i prezzi sono molto adeguati e il governo turco sovvenziona questo tipo di interventi”.

La struttura è diretta dall’esperto e qualificato Dr.Etoz e spiega quale sia il motivo alla base di questo enorme flusso di gente che si reca ogni anno in Turchia. Pagare a metà costo, se non oltre, uno stesso servizio offerto in Italia a cifre spropositate ingolosiscono e non poco la maggior fetta di clientela, che spesso mette da parte qualsiasi tipo di comfort e lusso pur di risparmiare ingenti quantità di danaro.

Tecnica largamente diffusa è la FUT, la quale avviene tramite l’escissione di una losanga di cuoio capelluto dalla nuca tramite il bisturi, losanga che poi sarà impiantata nelle parti prive di capillari il costo totale dell’operazione può anche arrivare a 6.500. La degenza dopo un’operazione attraverso la FUT è molto lunga, è infatti obbligatoria la completa guarigione della ferita provocata dal taglio.

Con la FUE non prevede asportazioni né tagli facendosi dunque largamente preferire. I follicoli vengono presi dalla nuca e messi nelle zone con necessità di un maggiore trapianto capillare. In Italia costa circa sui 6 mila euro, invece in Turchia si risparmia quasi il 50% se non oltre.

La durata della degenza è quasi zero e ciò rappresenta un ulteriore fondamentale aspetto per cui si fa preferire alla tecnica FUT che ha invece tempi di ricovero ben più ampi.


ARTICOLI CORRELATI
"L'aperitivo nel salone di bellezza” è l’idea di Emilio Sturla Furnò pensata per gli amici hair stylist Luca e Simone Bartorelli
Bilancio provvisorio: 10 morti e 40 feriti
Avere la testa perfettamente rasata a zero è un look personale, un segno di stile e di cura del proprio corpo che spesso nasconde abilmente la calvizie
I PIU' LETTI IN SALUTE E BENESSERE I PIU' LETTI DELLA SETTIMANA I PIU' LETTI
1
La remissione completa e stabile di tumori della mammella e della prostata senza intervento chirurgico, chemio o radio
2
L’unica misura realmente efficace per contenere l’inarrestabile diffusione del cancro, è la prevenzione farmacologica
3
Il caso clinico: Un bimbo presenta alla nascita una neoformazione di 6 cm all’arto inferiore destro, asportata dopo soli 12 giorni di vita
4
Il ruolo cancerogeno svolto da fattori ambientali è sempre più rilevante
5
In 3 mesi con la cura Di Bella una riduzione della massa tumorale di oltre il 50%, dato certificato e firmato da un oncologo che consiglia il proseguimento del MDB
1
"Fa che il cibo sia la tua medicina e che la medicina sia il tuo cibo"
1
In questi giorni si sta diffondendo su Whatsapp un comunicato, divenuto virale, con un lungo elenco di nuovi autovelox
2
La cultura, se patrimonio condiviso, è elemento di identità e coesione sociale, oltre a costituire il vero valore aggiunto
3
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
4
Il giovane falciato nelle prime ore del mattino da un'auto, il cui conducente si è fermato a prestare soccorso. Un'intera comunità è sotto shock
5
"Restituiamo finalmente un futuro a 6 milioni e mezzo di persone che fino ad oggi hanno vissuto in condizione di povertà"
Il Quotidiano del Lazio.it è un marchio di Associazione Culturale "Un Giorno Speciale".
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°8/13 del 17/05/2013

Direttore: Francesco Vergovich
P.IVA e C.F. 09678001000
info@ilquotidianodellazio.it

[ versione mobile ]