Martedì 20 Novembre 2018 ore 12:57
DOVE SI STA MEGLIO
L’88% degli italiani si trasferirebbe all’estero: dove conviene andare?
Gli italiani sognano di trasferirsi all’estero, soprattutto per questioni lavorative e professionali

Gli italiani sognano di trasferirsi all’estero, soprattutto per questioni lavorative e professionali. È quanto emerso dal rapporto “La Forza di Lavoro in Europa 2017” di Adp: secondo il report, infatti, addirittura l’88% degli italiani sarebbe pronto per abbandonare l’Italia, qualora dovesse emergere un’occasione per trovare lavoro o proseguire la carriera all’estero. La percentuale scende alla metà se, invece, si considerano le aspirazioni dei Millennials: solo il 40% dei membri di questa generazione sarebbe disposto a emigrare per trovare un lavoro. Lo sostiene Eurostat, secondo cui il 98% dei giovani occupati del nostro Paese ha trovato un impiego entro i confini italici. La maggior parte degli italiani che sogna l’estero vede la Germania come principale soluzione gradita, soprattutto per quanto riguarda stipendi e opportunità professionali. Cosa serve per partire e in quali Paesi conviene trasferirsi?

Come fare per andare a vivere all’estero?

Europa o non Europa? Il primo passo è definire con certezza dove si desidera andare a vivere, così da prepararsi in anticipo per i visti e i permessi necessari. In tal senso, si consiglia sempre di informarsi presso fonti attendibili, come ad esempio le ambasciate straniere in Italia. È bene cominciare a farsi un’idea dei prezzi degli alloggi prima di partire, ma è consigliabile visitarli sempre di persona per poter prendere una decisione intelligente e soprattutto per evitare raggiri. Uno step necessario è quello della pianificazione del trasloco; l’organizzazione potrebbe risultare alquanto complessa, ma è possibile affidarsi ad aziende come Blissmoving che si occupano di traslochi all’estero soprattutto per velocizzare la fase del disbrigo delle pratiche ad essi correlate. Un altro consiglio utile? Prepararsi con un buon corso di lingue, così da presentarsi già con una base linguistica nella media. Infine, meglio diffidare delle proposte d’investimento mosse dagli sconosciuti, anche se italiani.

Vita fuori dall’Italia: dove conviene andare?

Stando ad Adp, il 30% degli italiani sul piede di partenza ha un sogno nel cassetto: andare a vivere in Germania. Non a caso si tratta di una delle mete migliori, per via degli stipendi più alti e per le grandi opportunità concesse dal mercato del lavoro tedesco. Attrae anche il Regno Unito, nonostante la Brexit, per le medesime motivazioni, insieme alla Francia, alla Svizzera e alla Spagna. A livello finanziario, però, in pochi riescono a concorrere con l’Australia: l’economia australiana è infatti in ottima salute e, di conseguenza, le possibilità di trovare lavoro sono altissime. Cala invece Dubai, in favore di altre realtà “dorate” come il Qatar, che non prevedono tasse per i liberi professionisti. Altri paesi particolarmente attrattivi sono Singapore e Thailandia, nonostante le difficoltà legate alle profonde differenze climatiche, e il Canada, considerato il top in quanto a qualità della vita.


ARTICOLI CORRELATI
Da Stati Uniti, Francia, Germania e Inghilterra appelli e consigli ai turisti per evitare di essere derubati
Il viaggio comincia. Tra poco si torna a casa, alla consuetudine di tutti i giorni, al telegiornale che regala solo brutte notizie
Ritorna in TV Licia Colò con i suoi viaggi interessanti e documentari sugli animali
I PIU' LETTI IN RUBRICHE I PIU' LETTI DELLA SETTIMANA I PIU' LETTI
1
Centoquindici i fuochi d'artificio sparati sul mare per salutare il doppio compleanno dei festeggiati
2
Nella canzone il rocker attacca i legali che "alzano il calice al cielo sentendosi Dio" per il ritardo delle sentenze
3
Luttuosi, snob e cattivi
4
Se la cartella allegata alla Pec è in formato ‘pdf’, la notifica non può ritenersi valida
5
Il magnate uzbeko Alisher Usmanov, amante dell'arte, ha un patrimonio stimato intorno ai 14 miliardi di euro
1
In questi giorni si sta diffondendo su Whatsapp un comunicato, divenuto virale, con un lungo elenco di nuovi autovelox
2
La cultura, se patrimonio condiviso, è elemento di identità e coesione sociale, oltre a costituire il vero valore aggiunto
3
Il giovane falciato nelle prime ore del mattino da un'auto, il cui conducente si è fermato a prestare soccorso. Un'intera comunità è sotto shock
4
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
5
"Restituiamo finalmente un futuro a 6 milioni e mezzo di persone che fino ad oggi hanno vissuto in condizione di povertà"
Il Quotidiano del Lazio è un marchio di Vergovich Comunicazione Srls.
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°8/13 del 17/05/2013

Direttore: Francesco Vergovich
P.iva n° 12555091003
info@ilquotidianodellazio.it

[ versione mobile ]
EDitt | Web Agency