Sabato 23 Marzo 2019 ore 13:36
FUTURO PROSSIMO
Blockchain e aziende: il futuro è arrivato?
La tecnologia blockchain continua ad espandere il suo raggio di azione in diversi settori

È di qualche giorno fa la notizia che la Nippon Telegraph and Telephone (NTT), una delle più importanti aziende di telecomunicazioni al mondo, ha recentemente registrato un brevetto per una tecnologia blockchain. Lo scopo sarebbe quello di migliorare il sistema di approvazione dei contratti che, da sempre, presentano in problema legato alle firme della transazione. Questa, infatti, contiene soltanto la firma elettronica del mittente, e non quella del destinatario. In questo modo non vi è prova dell'approvazione del contratto da parte del soggetto che riceve la transazione. L’azienda punta a risolvere questo problema in modo di mantenere la credibilità lungo tutto il processo.

L’interesse della NTT riguardo il libro mastro del bitcoin certifica come quest’ultimo abbia una vita a parte e che potrebbe continuare anche se la criptovaluta implodesse come temono molti. Secondo uno studio pubblicato dal portale d'informazione MarketWatch, entro il 2023 questa tecnologia potrebbe infatti generare un valore di circa un miliardo di dollari per il settore, rispetto agli appena 46 milioni di oggi.

La Blockchain è destinata ad avere successo soprattutto i tre ambiti: consumatore, catena di distribuzione e pagamento. A riguardo del legame tra blockchain e aziende vi è stato una ricerca condotta da Accenture che è stata chiara. Le aziende leader di mercato utilizzano sempre di più le partnership con altri soggetti per aumentare la loro competitività e migliorare l’esperienza di consumo delle persone. Il problema di questa partnership è che i sistemi legacy non supportano tali legami, soprattutto considerando la complessità derivante dal numero dei soggetti coinvolti. Per Accenture, da questo punto di vista, la Blockchain potrebbe essere fondamentale. La trasparenza delle informazioni e l’affidabilità dei flussi attraverso cui viaggiano può garantire maggior sicurezza. Nell’industria alimentare, ad esempio, la blockchain potrebbe rilevare i prodotti contaminati, parti difettose o venditori fraudolenti e agire per proteggere i consumatori e mitigare il rischio aziendale.

Nel settore distribuzione ha fatto scuola l’esempio di Maersk. Si tratta del più grande operatore mondiale di spedizioni di container. Ebbene, da marzo 2017 ha deciso di utilizzare un libro mastro basato sulla blockchain per gestire e tracciare decine di milioni di container digitalizzando la supply chain. (ovvero, la gestione della catena di distribuzione). Grazie a questa innovazione ogni partecipante alla catena delle spedizioni può visualizzare sia lo stato di avanzamento delle merci attraverso il registro blockchain, sia lo stato dei documenti doganali in tempo reale.

Secondo Accenture la tecnologia blockchain potrebbe ridurre in media del 30% i costi di infrastruttura per otto delle dieci maggiori banche di investimento mondiali. In questo modo vi sarebbe un risparmio stimato tra gli 8 e i 12 miliardi di dollari.

Questa previsione fa il paio con una ricerca di mercato pubblicata su Criptomag, secondo cui il valore della blockchain aumenterà a 176 miliardi entro il 2025 e addirittura a 3,1 bilioni entro il 2030.

Nonostante questi dati, la blockchain continua a destare perplessità è l’eccessivo costo in termini di sostenibilità per far funzionare le transazioni online tramite Bitcoin. Attualmente tale consumo è stimato di almeno 2,55 gigawatt di elettricità, e potenzialmente 7,67 gigawatt in futuro. È questa la sfida più difficile che dovrà affrontare la Blockchain per convincere i più scettici.


ARTICOLI CORRELATI
Quattro docenti dell’Università Uninettuno nel pool di esperti del Ministero dello Sviluppo Economico
In Italia c’è ovunque un fritto di tutto rispetto: vi parleremo del fritto piemontese, bolognese, romano e napoletano
Lo stipendio, dice Barnard, deve servire a tre cose: pagare le tasse, spendere per se stessi, e risparmiare privatamente
I PIU' LETTI IN ECONOMIA I PIU' LETTI DELLA SETTIMANA I PIU' LETTI
1
La locandina di Apicio è la rubrica di food economia di Domenico di Catania, consulente economista e chef
2
In Italia c’è ovunque un fritto di tutto rispetto: vi parleremo del fritto piemontese, bolognese, romano e napoletano
3
La locandina di Apicio è la rubrica di food economia di Domenico di Catania, consulente economista e chef
4
La locandina di Apicio è la rubrica di food economia di Domenico di Catania, consulente economista e chef
5
Chiara Moro: "Non è un fatto così eccezionale. Mio padre già nel 2012 aveva deciso di pagare l’IMU ai dipendenti"
1
Si è tenuto a Roma lo scorso 1 marzo un appuntamento molto interessante dedicato al turismo
2
A meno di un anno dalla nomina di Cristina Mariani-May come "Woman of the Year 2018", anche la Germania premia Banfi
1
In questi giorni si sta diffondendo su Whatsapp un comunicato, divenuto virale, con un lungo elenco di nuovi autovelox
2
La cultura, se patrimonio condiviso, è elemento di identità e coesione sociale, oltre a costituire il vero valore aggiunto
3
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
4
Il giovane falciato nelle prime ore del mattino da un'auto, il cui conducente si è fermato a prestare soccorso. Un'intera comunità è sotto shock
5
"Restituiamo finalmente un futuro a 6 milioni e mezzo di persone che fino ad oggi hanno vissuto in condizione di povertà"
Il Quotidiano del Lazio è un marchio di Vergovich Comunicazione Srls.
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°8/13 del 17/05/2013

Direttore: Francesco Vergovich
P.iva n° 12555091003
info@ilquotidianodellazio.it

[ versione mobile ]