Venerdì 14 Dicembre 2018 ore 09:11
ESTATE 2018 A BOLZANO
Parkhotel Laurin d'estate, il Ristorante nel Parco e il concerto jazz
Cena al Ristorante del Parkhotel Laurin, nel parco curatissimo dell'albergo, nel mese del Sudtirol Jazz Festival Alto Adige

Soggiornando a Bolzano, una cena al ristorante del Park Hotel Laurin, l'hotel più rappresentativo della città, è oramai un appuntamento quasi fisso per chi scrive ed è sempre una conferma, vista l’eleganza della location e la proposta gastronomica dello chef Manuel Astuto. D’estate il ristorante si sposta come ogni anno nel parco dell’hotel, vestendosi di profumi e sapori inebrianti e di una grande vivacità. Astuto, per metà siciliano e per metà venostano, è uno chef giovane e brillante già molto stimato nel mondo dell'alta cucina e si è fatto notare in una città, Bolzano, dove non è facile trovare cuochi dotati di una così forte personalità.

In questo itinerario gastronomico ritroviamo un'altra vecchia conoscenza: il maitre, Philippe, sagace e cortese al punto giusto. Pasteggiamo per nostra scelta con delle ‘’bollicine’’, Arunda brut Rosé Vivaldi metodo classico, bouquet fruttato e perlage persistente, uno spumante che unisce pienezza e struttura a una notevole morbidezza.

Iniziamo con l’Astice con crema di broccoli, salsa olandese, vellutata, e daikon in agrodolce, si gioca sui contrasti che diventano equilibri alle nostre papille gustative e sull’essere cosmopolita del nostro chef; un astice, poi, talmente fresco che assaporandolo si ha un’epifania di mare che neanche se ci fosse davvero il mare davanti a noi potrebbe essere migliore. Scopriamo, infatti, che il pesce viene consegnato quotidianamente, ad esempio i gamberi sono recapitati direttamente da Mazara del Vallo.

Proseguiamo con una Tartara di manzo con carne del Renon, fagioli edamame, ovvero fagioli di soia, e burro di bufala, cromaticamente e olfattivamente attraente oltre che al gusto, qualche secondo dopo; una carne che sa di autenticità e genuinità. La prova che Astuto utilizzando le materie prime dell’Alto Adige ma aggiungendo anche tocchi originali ed esotici riesce a elaborare la classicità dei piatti dando loro nuova vita.

Arrivano i primi. I Tagliolini all’arancia, gambero rosso di Mazara del Vallo e bisque alle mandorle coniugano asprezza e sapidità in un incontro perfettamente riuscito tra il mare e la terra.

Gustiamo degli incredibili Gnocchi di patate integrali, dalla giusta consistenza e gustosità, stracciatella campana e acciughe del mar Cantabrico, un mare che bagna la costa nord della Spagna e la costa nord-ovest della Francia, questo tipo di acciughe sono piuttosto grosse e pare che siano le migliori acciughe al mondo, un perfetto equilibrio tra carne e grasso, hanno una polpa molto saporita e consistente.

La Sella di capriolo, mousseline di porcini e polenta croccante è un tripudio di sapidità con un retrogusto ferroso, acre, misto all’arrendevolezza dei porcini e della polenta. Potremmo tornare per gustare ancora soltanto questa pietanza.

Il Polipo alla griglia in salsa di San Marzano e curry, è stuzzicante, un piatto morbido e polisemico.

Un predessert di Mousse di ricotta e tartufini al cioccolato ci anticipa il dulcis in fundo.

Per colcludere, infatti, degustiamo ‘’Happy’’: crema al limone, pasta frolla e meringa.

Un dolce che ricorda ‘’Il posto delle fragole’’ di lontana memoria cinematografica bergmaniana, ovvero quasi l’infanzia, come recita la dicitura rende felice, la dolcezza si amalgama alla ‘’durezza’’ della pasta frolla e la felicità stimola le ghiandole endorfine come non mai.

Come sempre una serata piacevolissima, un'avventura, al Laurin, dove qualche sera prima, sabato 7 luglio, eravamo tra il pubblico del concerto dei Broen

Un giovane gruppo norvegese, un quintetto che combina rhythm & blues, rap, jazz, psychedelia ed elettronica e che ha ben rappresentato l'edizione 2018 del Sudtirol Jazz Festival Alto Adige

 

Se vuoi saperne di più sul Parkhotel Laurin

 

Se vuoi saperne di più sulle attrazioni turistiche e iniziative di Bolzano e Provincia

 

Leggi anche:

Johannesstube: Theodor Falser, il signore delle erbe con stella Michelin

L'Antica Cartiera, il ristorante della tradizione della Costa d'Amalfi

Palazzo Avino a Ravello, vista sulla Costa e gusto stellato in terrazza

"1524", il Ristorante del Rungghof a Cornaiano, sulla strada del vino

Castel Fragsburg, tra le nuvole di Merano lo chef regala profumi gourmet


ARTICOLI CORRELATI
Per l'estate, il Laurin propone il ristorante all’aperto nel suo grande e verde parco con cucina a vista, tutto rigorosamente total white
Si dice che il Natale sia da trascorrere in famiglia, ma se si riesce a fare un viaggio a Bolzano durante il periodo delle feste si resta incantati
Il nostro viaggio estivo alla scoperta di Bolzano e dintorni inizia con la manifestazione "Calici di stelle" nella Notte di San Lorenzo
I PIU' LETTI IN VIAGGI I PIU' LETTI DELLA SETTIMANA I PIU' LETTI
1
Un percorso di circa 200 chilometri lungo la via Latina, una delle più antiche vie romane che collegava Roma a Capua
2
Lo stand espositivo della Regione Sicilia al Vinitaly, uno spazio di 3000 mq, è stato il più frequentato
3
Un hotel storico a cinque stelle nel cuore della città più vivace d'Europa
4
Theodor Falser è il cerimoniere del Johannesstube, il ristorante gourmet stellato, all’interno dell’Hotel Engel
5
Sono stati presentati nella capitale francese come i taxi del futuro
1
In questi giorni si sta diffondendo su Whatsapp un comunicato, divenuto virale, con un lungo elenco di nuovi autovelox
2
La cultura, se patrimonio condiviso, è elemento di identità e coesione sociale, oltre a costituire il vero valore aggiunto
3
Il giovane falciato nelle prime ore del mattino da un'auto, il cui conducente si è fermato a prestare soccorso. Un'intera comunità è sotto shock
4
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
5
"Restituiamo finalmente un futuro a 6 milioni e mezzo di persone che fino ad oggi hanno vissuto in condizione di povertà"
Il Quotidiano del Lazio è un marchio di Vergovich Comunicazione Srls.
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°8/13 del 17/05/2013

Direttore: Francesco Vergovich
P.iva n° 12555091003
info@ilquotidianodellazio.it

[ versione mobile ]
EDitt | Web Agency