Sabato 20 Ottobre 2018 ore 01:40
PRESIDENTE ACI
Angelo Sticchi Damiani (pres. ACI): "Nuovi tutor sinonimo di chiarezza"
Il Presidente dell'ACI parla del nuovo sistema di controllo autostradale in vigore da quest'anno

Ospite a Radio Radio nel corso della trasmissione "Un Giorno Speciale", Angelo Sticchi Damiani, presidente dell'Automobile Club d'Italia, ha commentato l'introduzione del nuovo sistema di controllo autostradale dei "tutor", tornato in vigore dopo la sospensione scattata nel maggio scorso.

"I nuovi tutor presenti sulle autostrade italiane sono capaci di riconoscere le targhe dei veicoli, ma non solo. Dalle foto possono infatti risalire a dettagli ulteriori, qualora la targa non fosse perfettamente leggibile, ad esempio a causa di un riflesso".

"Dalla targa - prosegue Sticchi Damiani - è possibile risalire ad importanti informazioni sul mezzo: lo stato della revisione, del bollo e se è in regola con l'assicurazione".

"Gli automobilisti italiani devono essere coscienti di dover essere sempre in regola. Credo che nella maggior parte dei casi i mancati rinnovi di revisioni e assicurazioni siano dettati da dimenticanze". Un consiglio allora per i più distratti: "Un'idea potrebbe essere chiedere alla propria compagnia assicurativa di avvisare nell'imminenza della scadenza, così da non cadere nell'errore".

"Le tratte interessate dai tutor sono per il momento 23 (tra di esse l'A1, l'A2, l'A14, per citarne alcune)". Ma una precisazione importante il Presidente ci tiene a farla in merito all'etica del nuovo sistema: "Per ACI è fondamentale la chiarezza. I tutor fanno rispettare una norma stabilita, ma lo fanno con trasparenza, senza dover ricorrere a inganni e senza doversi nascondere".

"Gli automobilisti hanno voglia di avere patti chiari con lo Stato. Non vanno ingannati, ma anzi devono essere portati per mano. Lei lo sa di quel paese del Nord Italia in cui solo tramite i controlli della velocità in strada sono riusciti a fatturare 5-6 milioni di euro? Questo non è accettabile", afferma. "Prendiamo poi l'esempio dei limiti di velocità che in alcune circostanze possono essere forzati e produrre valutazioni inadatte. Segnalare un autovelox in maniera visibile significa avere rispetto dell'automobilista che sarà così aiutato nel suo incedere". 

E riguardo al funzionamento pratico conclude: "Il controllo della velocità avverrà tramite un doppio sistema, puntuale (calcolata nel punto esatto di transito) e tramite la media, così da ottenere una precisione maggiore".


ARTICOLI CORRELATI
In questi giorni si sta diffondendo su Whatsapp un comunicato, divenuto virale, con un lungo elenco di nuovi autovelox
E' polemica dopo la decisione del sindaco Stefano Corsi. La velocità massima sarà di 50 km/h. Il web si scatena
Il ragazzo viaggiava con la patente scaduta a bordo di uno scooter, che si è schiantato contro un'auto
I PIU' LETTI IN INTERVISTE I PIU' LETTI DELLA SETTIMANA I PIU' LETTI
1
"Sono venuta a lavorare a Roma per pagare le cure di mio figlio. La vita in strada è un incubo, ma presto ne verrò fuori"
2
A "Un Giorno Speciale" su Radio Radio vivace scambio di vedute sulla caccia. Tozzi: "I cacciatori sono dei poveracci"
3
L’abitante delle zone colpite dal sisma ha portato alla luce cose impensabili, inimmaginabili
4
Al Quotidiano del Lazio il giornalista racconta la sua triste esperienza, descritta nel libro "Ho ucciso il Cane Nero"
5
Quattro chiacchiere con la nuova Miss Bella d'Italia che ci ha confessato quali sono i suoi sogni
1
"In tv mi invitano per parlare due minuti e quelli di Repubblica e Corriere parlano mezz’ora, il gioco è truccato"
1
In questi giorni si sta diffondendo su Whatsapp un comunicato, divenuto virale, con un lungo elenco di nuovi autovelox
2
La cultura, se patrimonio condiviso, è elemento di identità e coesione sociale, oltre a costituire il vero valore aggiunto
3
Il giovane falciato nelle prime ore del mattino da un'auto, il cui conducente si è fermato a prestare soccorso. Un'intera comunità è sotto shock
4
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
5
"Restituiamo finalmente un futuro a 6 milioni e mezzo di persone che fino ad oggi hanno vissuto in condizione di povertà"
Il Quotidiano del Lazio è un marchio di Vergovich Comunicazione Srls.
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°8/13 del 17/05/2013

Direttore: Francesco Vergovich
P.iva n° 12555091003
info@ilquotidianodellazio.it

[ versione mobile ]
EDitt | Web Agency