Domenica 18 Agosto 2019 ore 00:39
Ama e termovalorizzatori Colleferro, spopola articolo de Il Messaggero
Ama ha aspettato l'epilogo della gara per la vendita, per poi uscire allo scoperto

C'era forse da stupirsi? Ama ha aspettato l'epilogo della gara per la vendita, per poi uscire allo scoperto. Non bisogna dimenticare che Ama è proprietaria al 40% dell'impianto di proprietà di EP Sistemi sito in Colle Sughero. Il restante 60% è di proprietà di Lazio Ambiente e per il famigerato revamping, Ama ha investito 2 milioni di euro, pertanto oggi rivendica il danno erariale, sostenendo che portare i rifiuti fuori regione è un dispendio non indifferente, a fronte di un impianto che doveva essere rimesso in piedi, anche con gli stessi soldi di Ama. Quindi 'nihil admirari', avrebbero detto i nostri antenati, Ama sta facendo solo la sua parte. Ama sta chiedendo lumi all'immobilismo dell'amministratore Unico di Lazio Ambiente e alla Regione e, ancora, chiede spiegazioni del blocco dei lavori ai termovalorizzatori al sindaco di Colleferro, questi i protagonisti del danno erariale. Ora i soldi rimasti per il revamping sono ben pochi, nonostante tale operazione non sia stata compiuta, a quest'ora i termovalorizzatori sarebbero già stati messi in funzione e forse ci sarebbe stato quale problema in meno per centinaia di famiglie del territorio.

"La Regione decida una volta per tutte e i comuni siano responsabili nei confronti dei loro cittadini - il commento dei rappresentanti sindacali dei termovalorizzatori, Caporossi, Lucci e Talone - noi siamo in attesa dello stipendio di luglio, della quattordicesima, in forte dubbio anche lo stipendio di agosto, senza parlare dei contributi ai fondi pensionistici, le cessioni del quinto e via dicendo". Proprio nei giorni scorsi i rappresentanti sindacali avevano fatto un appello ai comuni morosi. "Il DURC è stato sbloccato per cui i comuni potrebbero versare le somme dovute - proseguono dai sindacati - ovviamente questo non risolve il problema economico e finanziario di Lazio Ambiente, ma permette all'azienda di pagare le persone che lavorano ogni giorno. Se ogni comune prima di lasciare Lazio Ambiente avesse risolto responsabilmente la situazione, oggi forse non ci troveremo in questa situazione. Tutti gli impiegati di tutti i comuni sono rimasti in carico a Lazio Ambiente, in quanto sono stati riassorbiti solo gli operatori ecologici, come avverrà anche per il nuovo consorzio e la situazione dei dipendenti è disastrosa dal punto di vista economico". 

Nell'ultimo incontro in Regione tra i rappresentanti sindacali e gli assessori preposti ci si era lasciati con la promessa, da parte della Regione di avere il parere dalla Corte dei Conti sula copertura della perdita di Lazio Ambiente, per poter così sbloccare le risorse utili a pagare quanto mancante nei confronti dei lavoratori. Ad oggi non ci sono state ancora risposte certe in merito. Al di là di tutto questo, la domanda è sempre la stessa: quale ipotesi per il piano regionale dei rifiuti, stando così le cose?

LEGGI ANCHE:

Risposta delegati sindacali Lazio Ambiente al sindaco Sanna

Delegati sindacali Lazio Ambiente Spa: "Pagate quello che dovete"


ARTICOLI CORRELATI
Valeriani: "L'impianto verrà costruito a Colleferro vicino ai due inceneritori di Colle Sughero e sarà in funzione entro il 2021"
Da mercoledì il presidio fisso davanti agli inceneritori di Colle Sughero contro la loro riattivazione
"Il 7 luglio torneremo in strada con parole d'ordine semplici e inequivocabili: gli inceneritori e la discarica di Colleferro devono chiudere"
I PIU' LETTI IN POLITICA I PIU' LETTI DELLA SETTIMANA I PIU' LETTI
1
"Restituiamo finalmente un futuro a 6 milioni e mezzo di persone che fino ad oggi hanno vissuto in condizione di povertà"
2
"Purtroppo, anche persone colte come Sgarbi, dimostrano di essere ignoranti a proposito della figura infermieristica"
3
Chiuse le indagini: la Raggi potrebbe rispondere di falso per la nomina di Renato Marra e di abuso d'ufficio per quella di Romeo
4
I controlli dei dipendenti pubblici assenti per malattia da settembre saranno svolti dell'INPS e non più dalle Asl e i medici potranno bussare alla porta dei malati più di una volta al giorno
5
"Era il polmone verde della città di Roma, con un'amministrazione comunale che si dimentica di organizzare la manutenzione, il controllo e la prevenzione"
1
In questi giorni si sta diffondendo su Whatsapp un comunicato, divenuto virale, con un lungo elenco di nuovi autovelox
2
La cultura, se patrimonio condiviso, è elemento di identità e coesione sociale, oltre a costituire il vero valore aggiunto
3
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
4
Il giovane falciato nelle prime ore del mattino da un'auto, il cui conducente si è fermato a prestare soccorso. Un'intera comunità è sotto shock
5
"Restituiamo finalmente un futuro a 6 milioni e mezzo di persone che fino ad oggi hanno vissuto in condizione di povertà"
Il Quotidiano del Lazio.it è un marchio di Associazione Culturale "Un Giorno Speciale".
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°8/13 del 17/05/2013

Direttore: Francesco Vergovich
P.IVA e C.F. 09678001000
info@ilquotidianodellazio.it

[ versione mobile ]