Venerdì 19 Luglio 2019 ore 10:14
CRONACA ROMA
Roma, Aventino: i carabinieri arrestano il ''Principe del Boario''
L'uomo incuteva timore nei confronti di tutti gli occupanti dell’improvvisato campo in via del Campo Boario

I Carabinieri della Stazione Roma Aventino hanno arrestato un cittadino iraniano di 46 anni, soprannominato il “Principe del Boario”, il quale forte dello stato di supremazia e della sua “ostentata prepotenza”, incuteva timore nei confronti di tutti gli occupanti dell’improvvisato campo, costituito da sparute baracche in via del Campo Boario, nel retro dell’ex mattatoio comunale, al fine di imporre i propri voleri.

Ma la prepotenza dell’uomo si concentrava soprattutto nei confronti di una ragazza romena, di 30 anni, con continue prevaricazioni, aggressioni e violenze, sfociate in approcci sessuali, impediti solo dalla reazione della donna e dal pronto intervento dei Carabinieri.

Al termine di delicate ed articolate indagini, all’uomo è stato notificata un’ordinanza di custodia cautelare, emessa dal Gip del Tribunale di Roma, per le accuse di violenza sessuale, atti persecutori e lesioni personali.

Tutto era partito lo scorso giugno, quando la cittadina romena, costretta ad abitare nell’insediamento abusivo, confidava lo stato d’angoscia e di terrore che stava vivendo per le continue angherie subite dall’uomo, trovando fiducia in due Carabinieri donne della Stazione Roma Aventino.

Tra queste confidenze i Carabinieri hanno raccolto una vera e propria attività persecutoria, anche con atti sessuali pretesi dal cittadino iraniano, sicuro del silenzio della donna, terrorizzata da minacce e da percosse tali da procurarle ripetute lesioni. Le rassicurazioni dei Carabinieri, l’hanno portata a raccontare la drammatica cronaca che dopo essere stata puntualmente riscontrata  ha permesso di accertare che il criminale , forte dello stato di supremazia e della sua “ostentata prepotenza”, incuteva timore non solo nei confronti della donna,  ma di tutti gli occupanti dell’estemporanea comunità.

L’arrestato è stato condotto dai carabinieri presso il carcere di Regina Coeli.

La donna vittima, madre di due bambine, sarà affidata ad un centro anti violenza.


ARTICOLI CORRELATI
"Per la prima volta in territorio pontino viene riconosciuta l’esistenza di un’associazione mafiosa autoctona"
La Million Marijuana march, marcia per la canapa libera, quest'anno sarà alla Città dell'altra economia all'Ex Mattatoio
Nel quartiere Aurelio, la 35enne, massacrata di botte, ha atteso che il suo compagno si addormentasse per rifugiarsi in bagno e chiamare il “112”
I PIU' LETTI IN CRONACA I PIU' LETTI DELLA SETTIMANA I PIU' LETTI
1
In questi giorni si sta diffondendo su Whatsapp un comunicato, divenuto virale, con un lungo elenco di nuovi autovelox
2
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
3
Il giovane falciato nelle prime ore del mattino da un'auto, il cui conducente si è fermato a prestare soccorso. Un'intera comunità è sotto shock
4
Tre casi registrati tra Montesacro e il quartiere africano. Fatti che passano in secondo piano rispetto alle altre storie di cronaca nera
5
Lo ha detto l'avvocato del marinaio accusato dello stupro a Radio Cusano Campus: "Ha cambiato versione troppe volte"
1
In mattinata si sono formate lunghe code in direzione Roma, tra Colleferro e San Cesareo. Quattro le persone rimaste ferite
2
“Miss Mamma Italiana” è il primo concorso nazionale di bellezza e simpatia
3
L'uomo che soffriva di crisi depressive, secondo quanto accertato dai militari di Torrimpietra, si sarebbe tolto la vita con un fucile
4
Al vaglio degli investigatori le immagini delle videocamere di sorveglianza per chiarire l'esatta dinamica di quanto accaduto 
5
La vittima, 67 anni, è stata trasportata all'ospedale Santa Scolastica di Cassino
1
In questi giorni si sta diffondendo su Whatsapp un comunicato, divenuto virale, con un lungo elenco di nuovi autovelox
2
La cultura, se patrimonio condiviso, è elemento di identità e coesione sociale, oltre a costituire il vero valore aggiunto
3
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
4
Il giovane falciato nelle prime ore del mattino da un'auto, il cui conducente si è fermato a prestare soccorso. Un'intera comunità è sotto shock
5
"Restituiamo finalmente un futuro a 6 milioni e mezzo di persone che fino ad oggi hanno vissuto in condizione di povertà"
Il Quotidiano del Lazio.it è un marchio di Associazione Culturale "Un Giorno Speciale".
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°8/13 del 17/05/2013

Direttore: Francesco Vergovich
P.IVA e C.F. 09678001000
info@ilquotidianodellazio.it

[ versione mobile ]