Martedì 23 Luglio 2019 ore 08:56
RICORRENZA TERREMOTO
2° Anniversario sisma Centro, "Italia ancora senza Piano prevenzione"
“L’Italia è il secondo paese europeo per incidenza di eventi sismici, ma ancora non si è dotata di strumenti nazionali standardizzati di gestione del rischio"

“È necessario un piano nazionale di prevenzione e risposta alle emergenze che aiuti e faciliti le comunità colpite dal terremoto nel lavoro di ricostruzione civile e concreta dei territori feriti e punti sulla partecipazione attiva delle cittadine e dei cittadini”. Questa la richiesta di ActionAid alle Istituzioni per ricordare il secondo anniversario del sisma in Centro Italia.

Sono passati 2 anni, 730 giorni trascorsi da quel minuto che ha scosso la terra e con essa la vita di migliaia di persone. Nulla è uguale a prima: la quotidianità, il paesaggio, le relazioni. E i territori colpiti dal sisma in Centro Italia non sono ancora stati ricostruiti, le macerie sono ancora lì. A segno inequivocabile dell’importanza di avere un piano nazionale di prevenzione e risposta alle emergenze che aiuti le istituzioni e le comunità ad essere adeguatamente preparate in caso di catastrofi naturali e che faciliti processi di ricostruzione rapidi, trasparenti e partecipati.

“L’Italia è il secondo paese europeo per incidenza di eventi sismici: se ne contano 10 di grande intensità e impatto solo negli ultimi 30 anni ma ancora non si è dotata di strumenti nazionali standardizzati di gestione del rischio.

Oggi nel nostro paese, nonostante la terra da nord a sud stia ancora tremando per nuove scosse di terremoto, non si è fatto nulla. Chiediamo ancora una volta alle istituzioni di aprire un tavolo di consultazione partecipata che porti alla definizione di un piano nazionale di prevenzione e risposta alle emergenze” dichiara Elisa Visconti, Responsabile Dipartimento Programmi ActionAid.

ActionAid si è attivata immediatamente dopo il 24 agosto del 2016, venendo in contatto e ascoltando la popolazione, dai più piccoli ai più grandi, dai singoli alle aggregazioni di cittadini, sia quelle sorte spontaneamente dopo il sisma, sia quelle accompagnate nel percorso di costituzione.

Un territorio ferito reso presto fertile da realtà piccole e grandi che si sono attivate per mantenerlo in vita, per abitarlo in modo diverso, per resistere. Ce ne sono molte, più di 100 distribuite nelle quattro regioni del cratere tra cui alcune associazioni che ActionAid Italia ha seguito passo passo negli ultimi due anni: Chiedi alla Polvere, Pescara del Tronto ONLUS 24/08/16, Radici Accumolesi, Comitato 3e36, IoNonCrollo, la Banda di Accumoli.

Si tratta di gruppi di cittadine e cittadini che hanno deciso di organizzarsi, di raccontare la propria terra, di esportarne la musica, di preservarne le bellezze culturali e naturali, di monitorarne la ricostruzione. Esperienze nate con obiettivi diversi ma spinte dal profondo legame con le proprie radici e dalla spinta dell’attivismo civico, del voler contare e non solo dell’essere contate. Così un comunicato di ActionAid, l'Associazione internazionale impegnata nella lotta alle cause della povertà.

 


ARTICOLI CORRELATI
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
Sapete qual è il problema? Che alle Province hanno lasciato la proprietà ma hanno ridotto al lumicino risorse umane e finanziarie
Stazionario il bilancio dei feriti, circa venti al momento, nessuno dei quali risulta in pericolo di vita
I PIU' LETTI IN OPINIONI I PIU' LETTI DELLA SETTIMANA I PIU' LETTI
1
"Purtroppo, anche persone colte come Sgarbi, dimostrano di essere ignoranti a proposito della figura infermieristica"
2
Lo spettacolo offerto dai Pooh ieri sera resterà nella memoria di chi l'ha visto come il concerto italiano più grande mai organizzato negli ultimi anni
3
ANALFABETI DIGITALI La vita vista da Google map
Non si vive di solo Facebook, Twitter o Instagram. Esistono molti mondi diversamente social in Rete, e uno dei più interessanti è Google maps
4
A Tonnarella ci si può svegliare con calma, concedersi una granita al cioccolato con panna e brioche. Addio aranci, limoni e mandarini
5
Sapete qual è il problema? Che alle Province hanno lasciato la proprietà ma hanno ridotto al lumicino risorse umane e finanziarie
1
In questi giorni si sta diffondendo su Whatsapp un comunicato, divenuto virale, con un lungo elenco di nuovi autovelox
2
La cultura, se patrimonio condiviso, è elemento di identità e coesione sociale, oltre a costituire il vero valore aggiunto
3
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
4
Il giovane falciato nelle prime ore del mattino da un'auto, il cui conducente si è fermato a prestare soccorso. Un'intera comunità è sotto shock
5
"Restituiamo finalmente un futuro a 6 milioni e mezzo di persone che fino ad oggi hanno vissuto in condizione di povertà"
Il Quotidiano del Lazio.it è un marchio di Associazione Culturale "Un Giorno Speciale".
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°8/13 del 17/05/2013

Direttore: Francesco Vergovich
P.IVA e C.F. 09678001000
info@ilquotidianodellazio.it

[ versione mobile ]